Voci della Sanità 5 Luglio 2019

Carenza Specialisti, Magi (Omceo Roma): «Le scelte del Governo rischiano di aumentare l’imbuto formativo e ridurre la formazione post lauream»

«Com’è noto, la scorsa settimana il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato i decreti che stabiliscono i posti per l’anno accademico 2019/2020 nei corsi di Medicina e Odontoiatria. In sostanza i posti aumenteranno. Il ministero della Salute ha appoggiato la scelta del MIUR facendo sapere che è in linea con le […]

«Com’è noto, la scorsa settimana il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato i decreti che stabiliscono i posti per l’anno accademico 2019/2020 nei corsi di Medicina e Odontoiatria. In sostanza i posti aumenteranno. Il ministero della Salute ha appoggiato la scelta del MIUR facendo sapere che è in linea con le richieste delle Regioni».

Con queste parole il Presidente dell’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri, Antonio Magi, commenta la decisione del Governo di aumentare, per l’anno accademico 2019/2020, i posti a disposizione nei corsi di Medicina e Odontoiatria.

«Appena la notizia si è diffusa i medici, a partire dal Presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, hanno espresso la loro contrarietà all’aumento dei posti per l’anno accademico 2019/2020 facendo presente che il problema non è la mancanza di medici, quanto piuttosto quella delle borse per le Scuole di Specializzazione e per la medicina Generale» precisa Magi.

«Nonostante ciò, pur trovandoci in un momento storico in cui da un punto di vista economico ancora si arranca, i responsabili della Salute e dell’Istruzione decidono di tirare avanti aumentando i posti per le immatricolazioni ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria. Questo secondo noi è un modo sbagliato di investire. Quelli che mancano infatti non sono i medici ma gli specialisti ed in particolare alcuni specialisti.

«Così – continua Magi – i camici grigi, ovvero i colleghi laureati ed abilitati ma che non hanno la possibilità di accedere alla formazione post lauream, aumentano e i bisogni di salute da parte del cittadino rimangono inevasi aumentando invece le liste d’attesa. Un Paese che guarda ai suoi fabbisogni dovrebbe dare risposte attuando un ‘congruo’ aumento delle borse per le Scuole di Specializzazione, specie per quelle maggiormente carenti e per la medicina Generale tali da rispondere alle esigenze di un paese che invecchia».

«In Italia, al contrario, si decide di aumentare l’imbuto formativo e di avere nel giro di pochi anni 21000 mila colleghi che non avranno accesso alla dovuta formazione. Si decide che si possono investire circa 150.000 euro per ogni studente in medicina e non creare ulteriori borse per la formazione specialistiche. Sono scelte – conclude Magi – ma bisogna essere coscienti a cosa porteranno».

 

Articoli correlati
Medici e infermieri pronti per seconda ondata: in estate + 30% corsi online su Covid
Consulcesi registra un picco rispetto l’anno precedente e nella top ten dei titoli più scelti 8 sono sulla pandemia: in pole il docufilm “Covid 19 – Il virus della Paura”
Regionali 2020, nelle prime elezioni post-Covid boom di professionisti sanitari candidati
Da destra a sinistra tanti infermieri e medici tentano la scalata in Consiglio regionale nelle sette regioni chiamate al rinnovo. In Puglia sfida tra virologi (Lopalco vs De Vito), mentre in Campania candidato il Presidente OPI Napoli Ciro Carbone. In campo anche biologi, fisioterapisti, tecnici di radiologia e farmacisti. Tutti considerano l’esperienza nella sanità un valore aggiunto per l’impegno politico
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Tumori cerebrali età pediatrica, al via il progetto dell’università di Messina
La gestione dei pazienti con conseguenze endocrino-metaboliche a medio e lungo termine causate da tumori cerebrali curati in età pediatrica. Si basa su questo il progetto che sarà presentato venerdì 4 settembre, dalle 10.30 alle 13, nell’Aula magna ‘Filippo De Luca’ del padiglione NI dell’Azienda universitaria Policlinico ‘Gaetano Martino’ di Messina. Il Responsabile scientifico del […]
Con lockdown medici in ferie forzate, a rischio indennizzo. C&P: «Nostri legali a lavoro per tutelare diritto»
"Costretti" dal datore di lavoro a prendere ferie pregresse forzate, non avranno alcun diritto all'indennizzo per "ferie non godute" riconosciuto qualche settimana fa da una sentenza della Corte Suprema. Consulcesi & partners: «I nostri legali a lavoro per tutelare un diritto sancito dalla Corte Suprema».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto