Lavoro 21 Giugno 2019 16:51

Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»

Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»

Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»

Gli infermieri si dotano di un nuovo codice deontologico. Dieci anni dopo la sua ultima revisione, il nuovo documento ha tra i suoi punti principali: il ruolo dell’infermiere come agente attivo nel contesto sociale a cui appartiene e in cui esercita, la libertà di coscienza del professionista, il rispetto della persona e la relazione col paziente come momento di cura.

Il nuovo Codice, già in vigore dallo scorso aprile, è stato approvato dai 102 presidenti del Consiglio nazionale ed è composto da 53 articoli. A presentarlo ufficialmente oggi a Roma, nel corso di una conferenza stampa, la Fnopi-Ordini delle professioni infermieristiche. A partecipare all’evento, tra gli altri, il ministro della Salute, Giulia Grillo, il presidente della commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, la presidente della Fnopi, Barbara Mangiacavalli, e il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli.

«E’ un passaggio fondamentale perché sugella il rinnovo di un’alleanza – commentai ai nostri microfoni la presidente della Fnopi, Barbara Mangiacavalli – e di una sinergia con i cittadini, i nostri assistiti, con le altre professioni e con le istituzioni. È un codice che si rinnova nei contenuti, che tiene conto degli ultimi sviluppi normativi, ma anche dell’evoluzione della nostra professione, tiene conto anche della modifica del contesto sociale ed economico del nostro Paese. Quindi un codice che si propone come strumento per guidare l’oggi e il domani della nostra professione».

LEGGI: INFERMIERI, LE PROPOSTE NURSING UP: «È TEMPO DI UN CONTRATTO ANALOGO A QUELLO DEI DIRIGENTI MEDICI»

Nel nuovo codice deontologico un intero articolo è dedicato all’Educazione Continua in Medicina. «Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti dal programma di formazione continua, – conclude Mangiacavalli – perché una manutenzione costante delle proprie conoscenze e delle proprie competenze il primo elemento di garanzia per la sicurezza delle cure e la qualità delle cure nei confronti dell’assistito».

«Il mondo degli infermieri, che conta il numero più grande degli operatori in sanità- ha commentato il ministro Giulia Grillo a margine della presentazione del nuovo codice – per noi è certamente fondamentale. Sono loro ad impiegare più tempo a contatto diretto con i pazienti e con i loro familiari. Proprio per questo ritengo che possano davvero avere un ruolo cardine nel dialogo con loro, facendo ricrescere quel senso di fiducia che i cittadini hanno un po’ perso sia nei confronti del mondo delle istituzioni, in generale, sia nella possibilità di credere nell’efficacia di un metodo scientifico che ha dimostrato di essere valido. In questo senso penso che gli infermieri possano darci una mano e che, quindi, vadano valorizzati. Ci sono poi una serie di loro istanze che dobbiamo studiare e portare avanti, ma gli infermieri hanno tutto il mio appoggio».

Articoli correlati
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Comparto sanità, Nursind sindacato con più iscritti secondo dati Aran
«Siamo il primo sindacato infermieristico e il quarto del comparto sanità. La nostra organizzazione non solo è in crescita, ma è anche sempre più un punto di riferimento stabile nel panorama sindacale del settore». Lo afferma Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commentando i dati della certificazione della rappresentatività dell’Aran. Rispetto al triennio 2019-2021, il […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni