Lavoro 4 Giugno 2019 10:36

Infermieri, le proposte Nursing Up: «È tempo di un contratto analogo a quello dei dirigenti medici»

Categoria E per tutti i professionisti sanitari, ES e posto di ruolo per gli specialisti, intramoenia ed indennità di esclusività. Ecco le proposte che il sindacato degli infermieri Nursing Up porta oggi alla Commissione paritetica dell’Aran

«Il contratto è lo strumento attraverso il quale gli infermieri e le altre professioni sanitarie non mediche ex lege 42 possono finalmente ottenere il riconoscimento, sia economico, sia giuridico, della loro elevata qualificazione professionale. Le nostre richieste di avanzamento si muovono partendo dall’attuale struttura contrattuale, ma i tempi sono ormai maturi per l’introduzione di un ordinamento contrattuale analogo a quello dei dirigenti medici. Riteniamo che oggi ci siano tutte le condizioni per farlo. E in ogni caso il nuovo contratto, indipendentemente dalla struttura che la commissione paritetica deciderà di attribuirgli, dovrà dare conto del doveroso passaggio in posizione sovraordinata di tutti gli infermieri e degli altri professionisti sanitari che ne hanno titolo, affinché si operi una completa revisione sotto il profilo ordinamentale e remunerativo di tali qualifiche per lungo tempo sottostimate». Lo sottolinea il presidente Nursing Up Antonio De Palma, lanciando la proposta di riscrivere il contratto degli infermieri italiani.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, ARRIVA LA PROPOSTA ARAN-REGIONI: 200 EURO LORDI IN PIU’ AL MESE E ‘DOPPIA CARRIERA’

«Due nuove categorie contrattuali, la E e la F, oppure un archetipo contrattuale analogo a quello della dirigenza medica – si legge in una nota -. Siamo pronti a discutere su un fronte o sull’altro, purchè si riconosca ai professionisti sanitari l’evoluzione legislativa degli ultimi decenni: è questa, in sintesi, la proposta del Nursing Up in sede Aran, dove oggi proseguono i lavori della Commissione paritetica sull’ordinamento professionale prevista dall’articolo 12 del CCNL 21.5.2018 e composta dai sindacati firmatari del contratto, dalle Regioni e dalla stessa Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni. Il sindacato di categoria anticipa la sua proposta su come dovrà essere inquadrato il professionista sanitario del nuovo millennio, figura chiave del comparto sanità, investita negli ultimi decenni da nuove competenze e pesanti responsabilità nell’ambito di un processo inarrestabile di continua innovazione, sempre in linea con gli standard internazionali di alta qualità dell’assistenza al cittadino».

«Ora si tratta di disciplinare i vari ambiti di appartenenza delle professioni sanitarie e finalmente riconoscere il ruolo che hanno conquistato con competenza ed abnegazione. Sarebbe inaccettabile continuare a non farlo. Dopo vent’anni di duro lavoro – spiega De Palma – è arrivato il momento per gli infermieri di raccogliere i frutti della lunga marcia che li ha resi veri e propri protagonisti del Sistema sanitario nazionale».

A seguire, in sintesi, le richieste degli infermieri rappresentati dal sindacato Nursing Up:

  1. Il passaggio alla categoria E per tutti gli infermieri e per i professionisti sanitari afferenti ai profili sanitari ex lege 42/1999
  2. La libera professione
  3. Le indennità di esclusività
  4. L’introduzione, regolamentazione e retribuzione dell’Istituto delle Consulenze
  5. Le progressioni di carriera per le funzioni esperte, con incarichi strutturati nei ruoli organici delle aziende ed indennità professionale specifica non riassorbibile
  6. La categoria ES per gli specialisti, con incarichi strutturati nei ruoli organici delle aziende
  7. La categoria F per i coordinatori e con previsione di competenze sovraordinate
  8. La revisione delle indennità e dell’ordinamento degli incarichi organizzativi delineati dal Ccnl 23 maggio 2018
  9. Il riconoscimento della competenza acquisita sul campo dagli infermieri e dagli altri professionisti ex lege 42/1999 con le seguenti modalità alternative:
    – Il diritto di ogni professionista, dopo il quinto anno di servizio senza demerito, di ottenere un tributo alla particolare competenza acquisita, attraverso una indennità di competenza professionale specifica, di tipo fisso e ricorrente, integrata annualmente in sede di contrattazione decentrata
    – Il riconoscimento, analogamente a quanto già accade per i medici, di una indennità di specificità sanitaria pari ad € 400 mensili, strumento attraverso il quale si dà atto e si valorizzano le profonde differenze delle professioni sanitarie rispetto agli altri dipendenti della Pubblica Amministrazione
  10. La revisione completa delle indennità contrattuali delle professioni sanitarie oggi esistenti, che sono ferme al secolo scorso (ad es. l’indennità notturna viene pagata € 2,74 lorde l’ora), con omogeneizzazione rispetto al trattamento economico dei dirigenti sanitari
  11. Il riconoscimento contrattuale dei professionisti che si occupano di formazione, sia nel comparto, sia come dirigenti, con riconoscimento contrattuale e stabilizzazione di coloro che si trovano da anni assegnati presso le Università con ruoli di didattica, tutoraggio e direzione.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, NURSING UP: «REGIONI ED ARAN NON PERDANO TEMPO, GLI INFERMIERI NON POSSONO ASPETTARE ANCORA LA REVISIONE DELL’ORDINAMENTO PROFESSIONALE»

Articoli correlati
Comparto sanità, Nursind sindacato con più iscritti secondo dati Aran
«Siamo il primo sindacato infermieristico e il quarto del comparto sanità. La nostra organizzazione non solo è in crescita, ma è anche sempre più un punto di riferimento stabile nel panorama sindacale del settore». Lo afferma Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commentando i dati della certificazione della rappresentatività dell’Aran. Rispetto al triennio 2019-2021, il […]
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni