Voci della Sanità 8 Maggio 2019

Contratto, Nursing Up: «Regioni ed Aran non perdano tempo, gli infermieri non possono aspettare ancora la revisione dell’ordinamento professionale»

Proseguono i lavori della Commissione paritetica sull’ordinamento professionale, prevista dall’articolo 12 del Ccnl 21 maggio 2018 del Comparto Sanità e composta dai sindacati firmatari del contratto, dalle Regioni e dall’Aran. «La riunione è stata caratterizzata dall’esposizione dei dati sulla distribuzione del personale divise per fasce economiche, ad opera di Antonio Cascio, Comitato di Settore Regioni–Sanità, […]

Immagine articolo

Proseguono i lavori della Commissione paritetica sull’ordinamento professionale, prevista dall’articolo 12 del Ccnl 21 maggio 2018 del Comparto Sanità e composta dai sindacati firmatari del contratto, dalle Regioni e dall’Aran. «La riunione è stata caratterizzata dall’esposizione dei dati sulla distribuzione del personale divise per fasce economiche, ad opera di Antonio Cascio, Comitato di Settore Regioni–Sanità, al fine di fornire una lettura complessiva della situazione sul territorio» fa sapere il sindacato degli infermieri Nursing Up.

«Sottolineo in questa sede l’esigenza di dedicare meno tempo possibile all’individuazione di dati già disponibili attraverso il Conto annuale dello Stato – ha commentato Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up – . La Commissione deve implementare un’attività di ricognizione e conoscenza di dati specifici in relazione al lavoro di dettaglio che bisogna fare. Quindi, prima di tutto, propongo di stendere un planning delle attività da svolgere con i dati necessari correlati. Altrimenti si rischia di perdere e gli infermieri non possono aspettare ancora».

«Contesto il fatto che le Regioni – ha specificato Antonio De Palma – non sono state in grado di fornire dati specifici relativi all’articolazione del personale del SSN sul territorio, suddivisa per profili professionali. Ciò è necessario, a nostro parere, per avere una visione puntuale ed organica dell’articolazione del personale dei vari ruoli e delle risorse impiegate». Il direttore Aran Gianfranco Rucco ha dichiarato che l’Aran non può dimenticare il vincolo finanziario e il vincolo economico-amministrativo, che ancora non è dato sapere. Che non si può prescindere da tali vincoli, altrimenti ognuno uscirà dalla Commissione col suo libro dei sogni. La riunione si è sciolta fissando il prossimo incontro per il 4 giugno, alle 10.30 in Aran.

«Per gli infermieri pretendiamo un cambio di marcia senza perdere altro tempo prezioso – ha continuato De Palma – la nostra delegazione è qui per difendere gli interessi dei professionisti sanitari, a difesa delle alte competenze della categoria. Una categoria che attende da lungo tempo la revisione del sistema di classificazione professionale del personale del SSN». «La Commissione – ha spiegato – ha proprio il compito di individuare le soluzioni più idonee a garantire l’ottimale bilanciamento delle esigenze organizzative e funzionali delle aziende ed enti sanitari con quelle di riconoscimento e valorizzazione della professionalità dei dipendenti».

«L’organismo – ha sottolineato il sindacato – che avrebbe dovuto essere istituito presso l’Aran entro trenta giorni dalla sottoscrizione del contratto (datata 21 maggio 2018), è previsto dall’articolo 12 del Ccnl relativo al personale del comparto sanità, triennio 2016–2018, e il Nursing Up, unico sindacato di categoria presente, vigilerà per salvaguardare i diritti degli infermieri italiani, affinché venga scritta una nuova importante pagina nella trentennale storia verso la valorizzazione professionale».

«Auspichiamo, per il bene degli infermieri italiani e degli altri professionisti ex legge 42/1999, che sia finalmente giunto il momento che tanto attendevamo: tutta la comunità professionale aspetta il rilancio delle cosiddette competenze avanzate – ha concluso De Palma – che il processo di innovazione venga finalmente portato a compimento il più presto possibile per adeguare l’inquadramento degli infermieri a quello vigente negli altri Paesi europei, dove emigrano i nostri giovani professionisti sanitari freschi di laurea, nonostante la drammatica carenza di organico del Ssn, che, lo ribadiamo ancora una volta, registra un’emorragia mai sanata di professionisti che ammonterà a breve a circa 90mila unità».

Articoli correlati
Mangiacavalli (FNOPI): «Servono più infermieri. Aumentare del 20% i posti all’università»
Il contributo della presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli
di Barbara Mangiacavalli, Presidente FNOPI
Chi è e cosa fa l’infermiere di quartiere? Il ritratto della figura nata con il Dl Rilancio secondo Paola Obbia, presidente AIFeC
Per la presidente dell’Associazione italiana infermieri di famiglia e comunità: «Le attività degli infermieri libero-professionisti superano di gran lunga le prestazioni per cui sono pagati e sopperiscono alle carenze delle cure territoriali distrettuali»
Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni
Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»
SMI: «Provvediamo in autonomia per i DPI ai medici»
«Per i dispositivi di protezione individuali, grazie alla sottoscrizione di migliaia di cittadini stiamo acquistando mascherine e facendo costruire visiere di protezione per i medici» così una nota della Segreteria Nazionale del Sindacato Medici Italiani annuncia che presto saranno a disposizione centinaia di visiere che saranno donate a medici. LEGGI ANCHE: IL SACRIFICIO EMOTIVO DEI SANITARI, […]
«Così ho dato voce ai miei colleghi in prima linea contro il Covid-19». Esperienze, paure ed emozioni nell’ebook dell’infermiera Silvia Fortunato
"Racconti di cura che curano" raccoglie esperienze e testimonianze di 60 tra medici e infermieri coinvolti nell'emergenza. La curatrice: «L’obiettivo è far capire alla popolazione come noi abbiamo vissuto la pandemia. Più che essere chiamati eroi per un giorno vorremmo essere riconosciuti come dei professionisti tutti i giorni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...