Lavoro 29 Maggio 2019 13:10

Contratto medici, arriva la proposta Aran-Regioni: 200 euro lordi in più al mese e ‘doppia carriera’

Ora si attende la risposta dei sindacati. Previste due tipologie di incarichi: gestionali e professionali. Le Regioni pronte a stanziare circa 550 mln di euro per il triennio 2016-2018 e 458 milioni di euro a regime dal 2019 per un totale di oltre 1 mld di euro

Contratto medici, arriva la proposta Aran-Regioni: 200 euro lordi in più al mese e ‘doppia carriera’

Dopo mesi e mesi di estenuanti trattative, sembra essere arrivata a una svolta la contrattazione per il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria. Come anticipato a Sanità Informazione dal segretario Fp Cgil Medici Andrea Filippi, sembra essersi sciolto il nodo economico: il finanziamento per l’aumento del 3,48%, come gli altri comparti della sanità, sarà trovato attraverso una modifica all’Atto di indirizzo che però potrebbe richiedere diverse settimane.

Come riporta Quotidiano Sanità, le novità non riguardano solo la parte economica: nella proposta Aran-Regioni ai sindacati c’è la doppia tipologia di carriera (gestionale o professionale) e aumenti di stipendio da oltre 200 euro lordi al mese oltre agli arretrati del triennio 2016-2018.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, TRATTATIVA A UNA SVOLTA. FILIPPI (CGIL): «CHIARITO NODO FINANZIAMENTO, ORA ANCHE A NOI AUMENTO DEL 3,48%»

«Nell’attesa che la situazione si dipani – si legge – la proposta di Aran e Regioni introduce la novità della doppia carriera con due tipologie di incarichi: incarichi gestionali (direttore struttura complessa, responsabile di struttura semplice a valenza dipartimentale o distrettuale, responsabile di struttura semplice – articolazione di struttura complessa) e gli incarichi professionali (incarichi di base, incarichi di consulenza di studio e di ricerca, ispettivi, di verifica e di controllo, incarichi ad alta specializzazione, incarichi ad altissima specializzazione)».

Nella proposta sarebbe specificato che tutti i dirigenti, anche i neo assunti, hanno diritto ad un incarico. Ai dirigenti con meno di 5 anni di anzianità verranno attribuiti incarichi professionali di base. Precisato inoltre che all’interno di un’Azienda gli incarichi ad altissima specializzazione non potrà superare il 50% delle posizioni di direttore di struttura complessa.

Per quanto riguarda le retribuzioni si compongono di una parte fissa e una variabile. Ma la proposta è di cambiare i criteri dei minimi che sarebbero disegnati in base all’effettiva anzianità in azienda e attraverso la valutazione del Collegio tecnico.

Tra le proposte poi anche quella di accorpamento degli attuali fondi contrattuali tra dirigenza medica, sanitaria non medica e professioni sanitarie in un unico fondo.

Le Regioni mettono sul piatto circa 550 mln di euro per il triennio 2016-2018 e 458 milioni di euro a regime dal 2019 per un totale di oltre 1 mld di euro. Sul punto c’è stata una grande trattativa tra Regioni e sindacati tra cui sembra essersi trovato un accordo. «Il che tradotto– continua Quotidiano Sanità – dire che un professionista vedrebbe un aumento di stipendio di circa 200-250 euro lordi al mese a regime dal 2019 cui andranno aggiunti gli arretrati del triennio 2016-2018».

Articoli correlati
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
I medici scrivono a Draghi e a Speranza: «Chiediamo ruolo da protagonisti nel rinnovamento in sanità»
I nove punti su cui FNOMCeO e sindacati chiedono un'interlocuzione con il governo
Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?
Stop alle classi d’età, da oggi (teoricamente) le adesioni ai vaccini sono libere in tutta Italia. Ecco come si muovono le Regioni e come prenotarsi
Covid-19, gli infermieri per i vaccini a domicilio ai fragili. Il protocollo Ministero-Regioni-Fnopi
In campo infermieri e infermieri pediatrici. Oltre al compenso aggiuntivo, previsti 6,16 euro a inoculazione. Mangiacavalli (Fnopi): «Un ulteriore tassello che dimostra il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica». Contrari Fials e Nursing Up
Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero
Le Regioni propongono una revisione chiara e semplificata dei parametri e chiedono il superamento del modello diviso per colori in base al rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM