Politica 13 Settembre 2019

Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa

Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI

Immagine articolo

Completata la squadra di governo per il Ministero della Salute. Ad affiancare il lavoro del ministro Roberto Speranza adesso ci sono il suo Vice di area pentastellata, Pierpaolo Sileri e il sottosegretario in quota Pd, Sandra Zampa. Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico che hanno salutato con soddisfazione le due nuove nomine.

FNOMCEO
«A Pierpaolo Sileri, Sandra Zampa e a tutti i nuovi Viceministri e Sottosegretari nominati questa mattina gli auguri di buon lavoro, a nome di tutto il Comitato Centrale della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri oltre che mio personale».

A parlare per tutti i colleghi è il presidente della stessa Fnomceo, Filippo Anelli: le nomine sono infatti arrivate proprio mentre era in corso, a Bari, la riunione del Comitato Centrale, l’organo di governo della Federazione, in occasione della Giornata nazionale contro la violenza sugli operatori sanitari. «Siamo contenti di avere il collega Sileri come Viceministro alla Salute – continua Anelli – e siamo certi che saprà mettere a frutto la sua esperienza come Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato».

LEGGI: SALUTE, PIERPAOLO SILERI (M5S) È IL NUOVO VICE MINISTRO: ECCO LE SUE IDEE PER LA SANITÀ

«In questo periodo ha affrontato una serie di tematiche urgenti ed importanti per la tenuta del nostro Servizio sanitario nazionale: la carenza di specialisti e di Medici di Medicina generale e, di conseguenza, la Formazione, l’attenzione ai giovani professionisti, la violenza contro gli operatori, le disuguaglianze di salute – conclude -. La sua nomina determina dunque una serie di aspettative da parte della Professione medica e di tutti i cittadini».

FEDERFARMA
Federfarma augura buon lavoro al neo viceministro Paolo Sileri e al nuovo sottosegretario Sandra Zampa. «Confermo a entrambi – dichiara il presidente di Federfarma Marco Cossolo – la disponibilità delle farmacie italiane a collaborare attivamente per tutelare la salute pubblica, ampliando il ruolo di presidio sociosanitario integrato nel Servizio Sanitario Nazionale e assicurando un’assistenza farmaceutica capillare sul territorio, sempre più efficiente e moderna, in linea con le esigenze di salute della popolazione».

LEGGI: GOVERNO, SANDRA ZAMPA È IL NUOVO SOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE

SUMAI
«Complimenti al senatore Pierpaolo Sileri per la nomina a viceministro alla Salute. In quest’anno e mezzo di lavoro, alla guida della commissione Igiene e Sanità del Senato, il neo viceministro si è fatto apprezzare per la capacità politica, la competenza sanitaria, e per l’attenzione dimostrata nei confronti del territorio». È quanto dichiara il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi.

«Il suo essere un medico- aggiunge il segretario del Sumai- sicuramente lo aiuterà nel suo lavoro all’interno di un ministero importante come quello della Salute e gli sarà di supporto anche per comprendere i bisogni di tutti i professionisti della salute che quotidianamente operano per rispondere ai bisogni dei cittadini. Ci sono dunque tutti gli elementi affinché il senatore Sileri possa svolgere con la sua competenza il nuovo prestigioso incarico».

«Bene anche la nomina di Sandra Zampa nel ruolo di sottosegretario, alla quale faccio i miei migliori auguri di buon lavoro. Con queste due designazioni- conclude Magi- la squadra alla guida del ministero della Salute è dunque al completo e può iniziare a operare a pieno regime per il bene del Paese».

AMSI

«A nome dell’Amsi e del Movimento Uniti per Unire ribadiamo il nostro augurio di buon lavoro al nuovo Governo e al Ministro della Salute Roberto Speranza; in più oggi si è completata la squadra di Governo con il Viceministro Pier Paolo Sileri e anche Sandra Zampa che conosciamo molto bene. Sono tutte persone con le quali abbiamo collaborato attivament ed in modalità molto proficua, speriamo pertanto di proseguire». È quanto ha dichiarato a Quotidiano Sanità Foad Aodi, Professore di origine arabo-palestinese e Fondatore/Presidente dell’Associazione Medici di origine Straniera in Italia (AMSI) e del Movimento Interprofessionale Uniti per Unire, membro del GdL della FNOMCEO Salute Globale.

«Noi vogliamo – spiega Aodi, che è anche Consigliere Omceo di Roma – lanciare 3 proposte in ambito sanitario: in primis, per ciò che concerne la fuga all’estero dei Medici e dei Professionisti, continuiamo a segnalare l’aumento, negli ultimi 3 anni, addirittura del 40% delle richieste a noi pervenute, come Amsi, per andare a lavorare all’estero. La carenza dei Medici si combatte migliorando la qualità del lavoro del Lavoro degli stessi, combattendo il lavoro sottopagato (non è pensabile pagare un medico 7 euro l’ora!) ed incrementando le specializzazioni. Confido in Sileri, che era anche intervenuto al Congresso dell’Amsi, e nella squadra».

«In secundis – prosegue il camice bianco -, sono fiducioso di trovare soluzioni con Zampa, Sileri e Speranza in particolare sui Concorsi per Medici stranieri, affinché anche loro possano accedere al sistema pubblico. Non possiamo dividere i Medici in Medici di Serie A e Medici di Serie B, parliamo di professionisti preparati, Medici che pagano le tasse, che conoscono bene l’Italiano. Troppi Medici italiani tornano nei Paesi di origine perché non trovano posto nelle strutture pubbliche».

«Infine – conclude Aodi – bisogna invertire il senso di paura, le fobie degli ultimi due anni, e garantire il Diritto alla Salute per Profughi e Migranti. Come ha dichiarato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) i Migranti non portano malattie, ma si ammalano al loro arrivo. Archiviamo questa fase, purtroppo nera, della Politica italiana fatta di paure, fobie, pregiudizi anche nei confronti di Medici italiani di origine straniera, nella quale non sono affatto mancate le aggressioni. Basta con la politica sui Social: lavoriamo sul territorio, nelle ASL».

FNOPI 

«Buon lavoro al viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, di cui abbiamo apprezzato il lavoro sin qui svolto a tutela dei diritti dei pazienti e a sostegno della valorizzazione e sviluppo della professione infermieristica, e al sottosegretario Sandra Zampa, da sempre sensibile al tema dei diritti umani, dell’infanzia e dell’adolescenza e per questo figura di sicuro riferimento per i tanti infermieri pediatrici che rappresentiamo». Così in una nota la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI), che conta oltre 450mila iscritti di cui 270mila alle dipendenze del Servizio Sanitario Nazionale.

MOVIMENTO 5 STELLE

«La nomina a viceministro della Salute di Pierpaolo Sileri ci riempie di orgoglio. Dopo il lavoro condiviso in Commissione Igiene e Sanità siamo certi che affronterà il suo nuovo ruolo con professionalità e precisione, la stessa con cui ha presieduto la nostra Commissione. Il nostro Servizio sanitario nazionale ha bisogno di persone del suo spessore e non possiamo che fargli i migliori auguri per il lavoro che lo aspetta». Così, in una nota, i senatori del MoVimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama.

Articoli correlati
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
Aifa, Nicola Magrini è il nuovo Direttore Generale
Via libera delle Regioni alla nomina proposta dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Medico e farmacologo clinico, è anche segretario del comitato per i farmaci di base dell'Oms. Anelli (Fnomceo): «Sua esperienza professionale sarà una guida preziosa. Ribadiamo l'appello a coinvolgere i medici nei tavoli dell'Aifa»
Dottoresse con il velo rifiutate in Veneto, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Violenza inaccettabile»
La posizione della Cisl Medici Lazio sulla vicenda veneta nelle parole del segretario generale e oncologo, Luciano Cifaldi: «Siamo preoccupati di questa pericolosa deriva basata sulla discriminazione di razza e di religione, con il rifiuto di farsi visitare da un medico per il colore della pelle o un modo di vestire non graditi»
Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»
La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...