Salute 27 Settembre 2019 09:15

«Insieme si può fare». Paolo Genovese dirige il corto per informare sulle malattie croniche intestinali

«Mio figlio Pietro soffre di Crohn. Ho seguito la malattia e capito, nel tempo, gli enormi problemi che comporta. Per questo ho deciso di girare lo spot». Sanità informazione intervista il noto regista romano

Rassicurare: sono malattie curabili. Informare: si può convivere con la patologia e avere una buona qualità di vita. Affidarsi e vincere la solitudine: i malati devono sapere che non sono soli, devono fidarsi dei medici e della ricerca, che va avanti. Sono questi i tre messaggi lanciati dal cortometraggio firmato da Paolo Genovese per sensibilizzare la popolazione sulle malattie infiammatorie croniche intestinali. Lo spot è stato presentato di recente a Roma, nella Sala Isma del Senato della Repubblica, insieme alla nuova campagna sociale e mediatica promossa dalla società scientifica IG-IBD.

Il regista di Perfetti sconosciuti e The Place, intervistato a margine della presentazione, ci ha raccontato la sua esperienza familiare con il Morbo di Crohn, le ragioni e gli obiettivi dell’iniziativa.

LEGGI ANCHE: «NON SIAMO MALATI, SIAMO IN CURA». IL MESSAGGIO DI SPERANZA NELLO SPOT DI PAOLO GENOVESE SULLE MALATTIE CRONICHE INTESTINALI

Questa giornata è stata organizzata per sensibilizzare e informare i cittadini sulle malattie croniche infiammatorie intestinali (Mici). Come nasce questo spot e perché?

«Nasce da una proposta del dottor Armuzzi che io conosco personalmente perché sono direttamente interessato. Mio figlio Pietro, infatti, soffre di Crohn. E nel tempo, seguendo la malattia ho capito la gravità, gli enormi problemi e conseguenze che questa malattia comporta. Sono sensibile, quindi, in primis come padre. É per questo che quando mi hanno chiesto di poter fare qualcosa a favore delle persone affette da Crohn, coliti ulcerose e altre malattie infiammatorie intestinali, ho accolto immediatamente questa richiesta. Abbiamo ragionato insieme a lungo, ho ideato anche lo spot creativamente ma per i contenuti mi sono confrontato con tutto il gruppo di lavoro per capire qual è la situazione e qual era l’esigenza da comunicare in questo momento. Quello che abbiamo cercato di fare è stato veicolare un messaggio composto: da un lato, sicuramente, rassicurare. I protagonisti dello spot sono persone normali: c’è un manager, una mamma con un figlio, degli adolescenti e un campione di nuoto che vivono abitualmente la loro vita seppur affetti da queste malattie. La prima cosa che abbiamo voluto dire è: con la colite ulcerosa e con il Crohn si può avere una buona qualità di vita. Il secondo messaggio è: c’è un gruppo di professionisti che studia e sono stati fatti passi avanti importanti su queste malattie. L’obiettivo è non far sentire i malati abbandonati. Lo slogan è: “Insieme si può fare”. Avere un riferimento medico che ci cura, ci sta vicino continuamente e in qualunque momento, fa sentire sicuramente i pazienti meno soli ed è più semplice affrontare la malattia».

Dunque, il suo consiglio è quello di affidarsi ai medici?

«Questo sicuramente, il problema di queste patologie è che non è facile diagnosticarle correttamente. Si parla, infatti, di un ritardo diagnostico: a volte vengono scambiate per tante altre malattie, non è cosi facile capire che si tratta di Crohn o colite ulcerosa».

Articoli correlati
Campioni e malattie, parla il medico della Nazionale italiana di nuoto Tiziana Balducci: «Fondamentali terapie innovative»
La dottoressa a Sanità Informazione: «In questi casi l’attività sportiva diventa essa stessa una terapia». Poi sottolinea la loro straordinaria capacità di recupero: «Atleti sono androidi, recuperano in fretta»
Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...