Salute 11 Ottobre 2018

Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»

Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»

Immagine articolo

«Noi medici abbiamo un contratto fermo da troppi anni. Credo che il rinnovo del contratto sia un atto dovuto». Il Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri è il primo a tifare per un rinnovo del contratto della dirigenza medica. Rinnovo per ora fermo al palo tanto che l’intersindacale medica ha proclamato un sit-in a Montecitorio per il 17 ottobre. «Stiamo cercando una soluzione e sono sicuro che verrà trovata – sottolinea Sileri – Abbiamo dei medici che lavorano in ospedale con dei turni massacranti, con degli stipendi che a volte sono davvero, mi lasci dire, offensivi». Sileri è intervenuto a margine della presentazione della campagna di sensibilizzazione per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (M.I.C.I.), un tema caro a Sileri che è chirurgo colon-rettale ed esperto di queste patologie. Le malattie infiammatorie croniche intestinali sono patologie infiammatorie croniche dell’intestino caratterizzate nel loro decorso dall’alternarsi di fasi di riacutizzazione e di remissione con danno intestinale progressivo e si distinguono in due tipi principali: la Malattia di Crohn e la Colite Ulcerosa. Ora in arrivo c’è un registro nazionale che sarà realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità. «Avere un registro – sottolinea Sileri – significa fare una mappatura di questi pazienti e anche una mappatura di quelle che sono le carenze: quando sai dov’è la carenza cerchi di trovare una soluzione per sopperire alla necessità».

Presidente Sileri, lei è un chirurgo colon-rettale e dunque conosce bene le M.I.C.I. Quanto c’è bisogno di parlare di queste malattie?

«Dal punto di vista scientifico dobbiamo saperne sempre di più per trattarle sempre meglio, la popolazione ne sa poco. È necessario che vengano fatte campagne di sensibilizzazione affinché il problema venga posto all’attenzione di tutti, compresa la stampa, perché il fatto che voi siete qui significa che siete il megafono che consente a tutti quanti di conoscere le patologie, ma soprattutto conoscere le difficoltà a cui vanno incontro questi pazienti e i familiari di questi pazienti. Si tratta di difficoltà che a volte sono anche molto importanti. Sono patologie croniche che colpiscono ragazze e ragazzi molto giovani che purtroppo saranno affetti da problemi per tutta la vita. Nella stragrande maggioranza dei casi ben controllati dalle terapie, però dentro vivono quel disagio di persone che sanno che c’è qualcosa che cova dentro di loro. Il che significa che si tratta di pazienti che dovranno fare diversi accessi in ospedale, dovranno fare dei controlli. Insomma una vita praticamente blindata intorno a controlli ospedalieri, eventuali ricoveri, assenze dal lavoro e dalla scuola. In più i familiari stessi di questi vivono con il paziente stesso dei grossi disagi. Non raramente ci sono problemi di accesso in ospedale: ad esempio c’è il problema delle liste di attesa. Magari si tratta di pazienti che hanno bisogno di una tac o di una colonscopia e aspettano mesi per poterla fare ma nel frattempo stanno molto male. Ci sono tanti problemi: l’utilizzo di integratori che purtroppo devono pagare in farmacia, l’assenza dal lavoro che è un ulteriore problema. È necessario far conoscere questi problemi e piano piano trovare soluzioni laddove è necessario, comprese azioni legislative se ci sono dei buchi».

LEGGI ANCHE: PATOLOGIE INFIAMMATORIE CRONICHE, LA TESTIMONIANZA DEL CAMPIONE DI NUOTO SABBIONI: «NON SONO PIU’ MALATO MA ‘CURATO’, E’ BEN DIVERSO»

Avete in programma qualcosa su questo tema?

«Già oggi qui si sta parlando di un Registro nazionale che farà l’Istituto Superiore di Sanità sulle malattie infiammatorie croniche intestinali. Avere un registro significa fare una mappatura di questi pazienti e anche una mappatura di quelle che sono le carenze: quando sai dov’è la carenza cerchi di trovare una soluzione per sopperire alla necessità».

Un’ultima battuta sul contratto dei medici: i sindacati hanno minacciato scioperi e manifestazioni. Però il Ministro Grillo ha detto che c’è la volontà di chiudere. Lei cosa si augura?

«Rispondo da medico: sì, in effetti come medici abbiamo un contratto fermo da troppi anni. Da politico devo dire che stiamo cercando una soluzione e sono sicuro che verrà trovata. Abbiamo dei medici che lavorano in ospedale con dei turni massacranti, con degli stipendi che a volte sono davvero, mi lasci dire, offensivi. A volte si tratta di lavorare ore, ore ed ore. Essere maltratti in un sistema che spesso non protegge questi operatori sanitari. Credo che il rinnovo del contratto sia un atto dovuto».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, IL 17 OTTOBRE SIT-IN A MONTECITORIO. DI TULLIO (FASSID):«BASTA IMPROVVISAZIONI IN SANITA’»

Articoli correlati
Obesità, la ricetta di Pierpaolo Sileri: «Educazione nelle scuole e approccio multidisciplinare per contrastarla. In futuro valutare l’ingresso nei LEA»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha organizzato un incontro in Senato con società scientifiche e associazioni dei pazienti dal titolo “L’obesità, una malattia da prevenire e curare”
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Conservazione staminali, l’Italia è indietro. Pierpaolo Sileri (M5S): «L’autologa solidale è necessaria»
Il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato: «Non ritengo giusto che per conservare il cordone ombelicale di mio figlio debba mandarlo in un altro Paese. Così priviamo il cittadino italiano di una possibilità»
Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»
Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»
Contratto medici, per CIMO-FESMED si deve chiudere parte economica e rinviare parte normativa al CCNL 2019-21
La Federazione lancia anche una petizione su change.org per difendere i medici e supportare la class action contro ARAN e Regioni che entrerà nel vivo in questi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone