Diritto 21 novembre 2016

Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta

Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…

Più risorse per stabilizzazioni, contratti e nuove assunzioni. È trascorso un anno esatto, la legge di Stabilità è diventata legge di Bilancio, ma è sempre lo stesso il terreno di scontro tra governo e medici: le risorse per il comparto sanitario da inserire nella Manovra finanziaria. Dodici mesi fa al centro della protesta c’era l’applicazione della direttiva Ue sugli orari di lavoro (attraverso la legge 161, entrata in vigore dal 25 novembre 2015). «Senza lo sblocco del turnover come si fa a garantire al personale 11 ore di riposo tra un turno e l’altro senza andare ad incidere sulle prestazioni?», si chiedevano i sindacati, sollecitando interventi mirati sul personale. Un anno dopo la questione è ancora irrisolta e nel frattempo gli “acciacchi economici” dei medici del Ssn si sono fatti sempre più fastidiosi al punto di portare dallo stato di agitazione, proclamato ad ottobre, ad un nuovo sciopero già messo in calendario per il 28 novembre, difficile da evitare alla luce anche dell’emendamento depositato dal Governo alla V commissione Bilancio. Contrariamente a quanto era emerso dall’incontro con il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin che aveva preceduto il sit-in a Montecitorio, le risorse per assunzioni e rinnovo contratti sono infatti vincolati al Fondo Sanitario Nazionale (e non sul fondo generale della Pa) andando così ad erodere gli stanziamenti per il settore sanitario.

«Abbiamo apprezzato la sensibilità manifestata dal Ministro della Salute – afferma Riccardo Cassi, presidente nazionale di Cimo – ma ci aspettiamo un finanziamento adeguato. La situazione negli ospedali a distanza di un anno dalla Legge 161? La direttiva europea è rimasta inapplicata. D’altronde senza assumere personale e senza riorganizzare la rete ospedaliera, era impossibile farlo. La buona notizia, che ci ha anticipato proprio Beatrice Lorenzin, è che finalmente le Regioni hanno presentato il fabbisogno e dunque le 3mila assunzioni (6mila sommando gli infermieri, ndr) verranno sbloccate a breve».

«Ma queste 6mila assunzioni non sono ancora sufficienti – aggiunge Costantino Troise, segretario nazionale Anaaone servono il doppio per mettersi in regola. Solo così la Legge 161 potrà essere applicata uniformemente in tutta Italia e non a macchia di leopardo come è fin qui avvenuto. Nel frattempo sono stati persi 7/8mila posti di lavoro. Proprio per questo diventa fondamentale la legge di Bilancio: servono risorse non per i medici, ma migliorare la qualità e la quantità dei servizi erogati ai cittadini».

Secondo il segretario nazionale di Cgil medici, Massimo Cozza in questo primo anno dall’entrata in vigore della legge sugli orari di lavoro «la situazione è peggiorata perché abbiamo sempre meno risorse per coprire i turni. In più sono state accorpate le unità operative, riducendo di conseguenza i servizi. Ma non è tutto. Un altro pericolo della legge di Bilancio è l’abbassamento della soglia dei piani di rientro (dal 10% al 5%). Molte aziende, si stima almeno il 20%, ne saranno coinvolte e questo produrrà una ulteriore riduzione di prestazioni e personale».

Sul tema particolarmente combattivo il segretario nazionale della Cisl Medici, Biagio Papotto, che parla di medici «pronti alle barricate senza le garanzie economiche richieste e necessarie per portare avanti la sanità pubblica. In questo anno non è cambiato nulla: siamo ancora in periferia con turni massacranti. Una grande mano ce la danno gli incaricati, che vivono nel precariato da oltre 10 anni. Abbiamo chiesto anche il vincolo obbligatorio delle risorse per le stabilizzazioni anche per non concedere alibi alle Regioni».

Sulla battaglia contro il precariato, entra in maniera molto decisa anche la S.I.Ve.M.P. «Solo con le risorse adeguate si possono dare risposte concrete sia per le assunzioni sia per contratti precari e atipici – afferma Pierluigi Ugolini, segretario del sindacato dei veterinari – con particolare attenzione, per quanto ci riguarda, alla ricerca e all’istituto zooprofillatico.  Stiamo continuando a perdere cervelli e questo non possiamo permettercelo: queste figure sono importantissime per continuare ad avere una marcia in più».

La carenza di personale sta creando notevoli difficoltà anche ad anestesisti e rianimatori. «I tagli sono devastanti soprattutto per i cittadini – commenta il presidente di Aaroi-Emac, Alessandro Vergallo -. Noi ci ritroviamo a gestire pazienti in pericolo di vita, supportiamo le funzioni vitali, ma le unità sono sufficienti: siamo costretti a sdoppiarci, a cercare in continuazione soluzioni. Fino a quando ci riusciamo bene, poi però potremmo essere costretti ad assumere posizioni più decise e mettere a rischio i servizi». Vergallo pone anche un esempio concreto: l’analgesia del parto inserita nei LEA. «Siamo assolutamente favorevoli al parto senza dolore, ma per la peridurale servono più anestesisti. Altrimenti sarà una promessa non mantenuta da parte del governo ed un disservizio per i cittadini».

Sul tema si registra anche l’intervento di Consulcesi Group, realtà tra le prime a chiedere il rispetto della direttiva Ue e poi impegnata su due fronti: da una parte a sostenere un intervento politico per risolvere il problema e dall’altro a tutelare i diritti dei professionisti della sanità in sede legale. «In pochi mesi abbiamo raccolto oltre 7mila richieste e ci sono migliaia di medici pronti ad adire le vie legali. Al loro fianco c’è la stragrande maggioranza di direttori sanitari anche perché si tratta di un’azione non contro la propria Azienda, ma nei confronti dello Stato inadempiente. È infatti possibile richiedere il rimborso per le ore lavorate in più nei 7 anni (dal 2008 al 2015, ndr), durante i quali è stata violata la direttiva Ue in materia».

 

Articoli correlati
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
Contratto medici, Ettore (Fesmed): «Non scioperiamo solo per l’aumento ma per mettere in sicurezza la sanità pubblica»
«Ogni giorno dentro gli ospedali è a rischio la vita», l'allarme del leader sindacale. Sulla carenza di professionisti aggiunge: «Oggi mancano almeno 3mila medici tra ginecologi e neonatologi, specializzazioni tra l'altro rischiose più di altre»
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
Contratto medici, l’Intersindacale al Governo: «In assenza di novità stop a contrattazione». E annuncia protesta
«Se il Governo e le Regioni non sapranno rispondere alle nostre richieste dopo che tutte le altre convenzioni dei sanitari e tutti i contratti dei comparti della pubblica amministrazione sono stati chiusi, ne trarremo le debite conseguenze», scrivono i sindacati in una lettera inviata al presidente del Consiglio, ai ministri coinvolti e alle Regioni
Regione Lazio, D’Amato: «400mila euro per nuova camera calda ospedale Velletri»
La Regione Lazio ha approvato in Giunta una delibera per assegnare alla Asl Roma 6 un finanziamento di 400 mila euro per la realizzazione della Camera Calda dell’ospedale “Paolo Colombo” di Velletri. Si tratta del locale collegato con il Pronto Soccorso e la Medicina d’urgenza nel quale arrivano i mezzi di soccorso e in cui […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...