Lavoro 24 Ottobre 2016 14:34

«Cento euro lordi non bastano». Ecco tutte le richieste dei sindacati per fermare lo sciopero di novembre

Assunzioni e contratto, l’aumento del fondo Ssn a 113 miliardi non basta per l’Intersindacale: appena 100 euro lordi in più in busta paga dopo 8 anni di attesa e problema del precariato risolto solo a metà con la Manovra. Parte lo stato di agitazione

«Sapete quanto guadagneranno in più al mese i medici con il rinnovo contrattuale? 100 euro lordi. Ma il problema non è la cifra, piuttosto cosa ci si aspetta ancora da noi: ancora maggiore flessibilità, appropriatezza, reperibilità, turni, disponibilità non possono essere slegati dalla fatica e dal diritto alla salute dei cittadini». Il Segretario nazionale di Anaao, Costantino Troise, quantifica e considera «insufficiente» la quota destinata a finanziare il rinnovo dei contratti (atteso da ben otto anni…) sulla base della Legge di Bilancio 2017, attualmente in discussione.  Proclamando lo stato di agitazione, le organizzazioni dei sindacati e dei dirigenti sanitari che hanno dato vita dallo scorso anno all’Intersindacale (Anaao-Assomed, Cimo, Aaroi-Emac, Fp Cgil Medici e Dirigenti sanitari, Fvm, Fassid, Cisl Medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials Medici, Uil Fpl Medici) hanno anticipato, nel corso di una conferenza stampa, l’intenzione di scioperare a metà novembre, «in mancanza di risposte soddisfacenti».

Nello specifico, dai sindacati, arriva un giudizio tutto sommato positivo alla manovra riguardo il finanziamento del Ssn, salito a 113 miliardi perché per «la prima volta – fa notare Riccardo Cassi, il presidente di Cimo –  si mantiene l’impegno assunto nel Def, anche se la spesa pubblica italiana per la sanità è ancora al di sotto della media Ue e la più bassa tra i Paesi del G7 (l’Olanda stanzia il doppio mentre la Francia arriva a 194 miliardi, ndr). Se, però, non si stanziano le risorse necessarie per assunzioni e contratti e anche per premiare il merito non si va da nessuna parte e ci vedremo costretti a continuare la protesta, iniziata con lo stato di agitazione, anche proclamando un nuovo sciopero».

Riguardo in particolare contratto e assunzioni  (vedi slide – http://95.110.224.81/anaao/public/aaa_7453624_slide_cs_19ottobre2016_definitive.pdf), l’Intersindacale pone l’attenzione sul problema del precariato che non verrebbe risolto con i 2 miliardi di euro (per l’esattezza 1,9) messi in bilancio per il pubblico impiego: le stime dei sindacati per il comparto sanitario sono infatti di appena 400 milioni di euro, compresi i 153 milioni già dedicati alla stabilizzazione di 7mila precari (3mila medici e 4mila infermieri) a fronte degli oltre 13mila che attualmente tengono in piedi la sanità pubblica.

Secondo i sindacati per superare le criticità legate al blocco del turnover sarebbero, inoltre,  necessarie 12mila assunzioni: 6mila per sopperire ai pensionamenti del triennio 2012-2014 e altrettante per facilitare l’applicazione della direttiva Ue sugli orari di lavoro, visto che in numerose strutture, a distanza di oltre un anno dall’entrata in vigore della Legge 161, non si riescono a garantire le 11 ore di riposo tra un turno e l’altro e si sfora regolarmente il tetto delle 48 ore settimanali imposto da Bruxelles. Il calcolo delle nuove e necessarie assunzioni è stato fatto, peraltro, senza tener conto delle stime secondo cui tra il 2017 ed il 2020 il Ssn perderà altri 20mila medici sempre per via dei pensionamenti.

Le voci dei sindacalisti:

RICCARDO CASSI, Presidente nazionale Cimo: «Ministro Lorenzin di parola sui 113 miliardi, ma l’aumento non basta ancora per contratto, assunzioni e per premiare il merito»

COSTANTINO TROISE, Segretario nazionale Anaao: «Risorse insufficienti per il personale, pronti allo sciopero»

FABIO CRICELLI, Vicepresidente nazionale Aaroi-Emac: «Per anestesisti e rianimatori nei pronto soccorso carico di lavoro enorme. Servono prospettive certe per guardare al futuro».

ALDO GRASSELLI, Segretario nazionale Sivemp: «Ssn non può reggersi sui precari, è una sofferenza ingestibile. Le soluzioni per i veterinari? Risorse anche per investire nella prevenzione»

CORRADO BIBBOLINO, Presidente nazionale Fassid (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR): «Mantenere la medicina dei servizi nelle strutture pubbliche non è un optional: subito inversione di tendenza»

Articoli correlati
Task shifting da medici a personale sanitario? I sindacati: «Rischio contenziosi»
ANAAO-ASSOMED e CIMO-FESMED scrivono alla Corte dei Conti. I due sindacati della dirigenza medica intendono chiedere un interpello all’ARAN
Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»
Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Ultimo appello per salvare i Pronto Soccorso. Poi il SSN chiude.
di Sandro Petrolati, coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed
di Sandro Petrolati, coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed
Donne in sanità, Palermo (Anaao): «È il loro tempo. Vogliamo far tesoro del lavoro compiuto fin qui»
Il segretario Nazionale di Anaao Assomed parla in occasione della IV Conferenza Nazionale Donne Anaao
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Covid-19, che fare se...?

Che differenza c’è tra Australiana e Covid-19?

In questo periodo è molto più difficile riuscire a distinguere tra Australiana e Covid-19, ci sono piccole differenze che può essere importante valutare. Ma per sciogliere ogni du...