Contributi e Opinioni 16 Maggio 2022 17:19

Ultimo appello per salvare i Pronto Soccorso. Poi il SSN chiude.

di Sandro Petrolati, coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed

di Sandro Petrolati, coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed

Gentile Ministro Speranza,

la Commissione nazionale Emergenza Urgenza Anaao Assomed non intende elencarle per l’ennesima volta le condizioni disumane in cui versano i Pronto Soccorso di tutta Italia, disumane per i pazienti e disumane per gli Operatori, Le sono sicuramente note, sono note a tutti.

Ora, o mai più, occorre prendere provvedimenti concreti a breve termine.

A settembre 2021 la Commissione aveva elaborato un “decalogo” (*) di provvedimenti che si ritenevano necessari per frenare l’emorragia di medici dal PS. Il nostro Segretario nazionale Le ha rappresentato queste richieste. Ne è scaturito a novembre 2021 il decreto sull’indennità aggiuntiva per medici e infermieri di PS (provvedimento che però non ha compreso tutti gli operatori dell’emergenza, non prevedendo tutto il personale del Sistema 118).

Il provvedimento, come subito commentato, ha rappresentato sicuramente il riconoscimento della peculiarità, complessità e difficoltà del lavoro sull’Emergenza (nella speranza che ci si ricordi anche del 118). Ma in concreto sarà quasi un’elemosina nelle tasche degli operatori.

Nel frattempo, anche se pareva impossibile poter peggiorare, la situazione di tutti i PS si è ulteriormente aggravata, proprio quando si stava allentando la pressione del Covid sugli ospedali.  Così come quella del Sistema 118, che è in condizioni di estrema criticità perché paga non solo le gravissime carenze di personale, ma anche assetti organizzativi frammentati e spesso “improbabili”.

A testimoniare che il problema è antico, che il problema, i tanti problemi dell’emergenze non sono stati affatto affrontati. Questo sta portando al gesto estremo degli operatori: dimettersi.

Le grida di allarme sono state lanciate da oltre un decennio, sono state elaborate tante articolate proposte dalle società scientifiche e dai sindacati. Nel pieno del terremoto della pandemia sembrava che le menti si fossero aperte e che finalmente si fosse percepito che la politica di progressiva riduzione degli investimenti sul SSN era scellerata e stava mettendo in ginocchio il Paese. Passata la paura, spariti i ripensamenti e i “mea culpa”. Di fatto, al di là del decreto con la piccola indennità aggiuntiva (comunque non arrivata, perché vincolata al percorso per il nuovo contratto, ancora in alto mare), nulla è cambiato.

Il grosso degli investimenti previsti con il PNRR andrà per rinforzare la sanità sul Territorio: giusto principio, tante volte invocato come strumento per evitare i congestionamenti dei PS. Ma il rinforzo del Territorio ha bisogno di tempo, ha bisogno di creare spesso strutture e risorse partendo da zero.

Perciò la pressione sui PS, sull’intero Sistema dell’Emergenza, non potrà cessare a breve.

A breve è necessario “ripopolare” gli ospedali, di posti letto e di personale.

A breve occorre dare dignità al lavoro degli operatori (tutti!) riconoscendo un tangibile e stabile incremento economico.

A breve è necessario alleviare i pesanti turni degli operatori riconoscendo riposi compensativi aggiuntivi, come accade per molti altri lavoratori.

A breve è necessario dare riconoscimento che lavorare nell’emergenza–urgenza è un lavoro usurante.

A breve è necessario allargare la piattaforma formativa consentendo anche agli ospedali di essere luogo per la formazione di specialisti, di concerto con le università.

A breve è necessaria un’ulteriore revisione della giurisprudenza che tuteli il delicato lavoro di chi opera nell’emergenza – urgenza, che non deve essere esposto a valanghe di azioni giudiziarie più o meno pretestuose ma che, anche laddove giustificate, andrebbero rapportate alle condizioni di lavoro ed alle responsabili oggettive non dipendenti da negligenza o imprudenza.

A breve però, non in un tempo indefinito riempito solo di promesse.

 

Sandro Petrolati

coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed

 

________________________________

 

(*) Il decalogo presentato a Settembre 2021

 

  1. Riconoscimento della peculiarità che l’attività presso Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza e in Emergenza e SET-118 riveste nel SSN e di conseguenza:
  2. Riconoscimento del lavoro in MEU e SET-118 come “lavoro disagiato”, anche a fini previdenziali.
  3. Introduzione dal 2022 di una INDENNITA’ SPECIFICA per tutti i dirigenti impegnati in attività MEU e SET-118, alimentato da un fondo dedicato con atto legislativo ad hoc, senza sottrazione di risorse dagli attuali fondi della dirigenza (con atto analogo all’aumento dell’Indennità di esclusività voluto dal Ministro della Sanità)
  4. Riconoscimento per tutto il personale in pianta organica presso SET-118 e DEA, di un periodo annuale di congedo di ulteriori 10 giorni, da godere tassativamente nello stesso anno, non cumulabili né procrastinabili negli anni successivi, analogamente a quanto riconosciuto per le discipline di radiologia e anestesia-rianimazione.
  5. Possibilità di assunzione degli specializzandi a partire dal 3° anno.
  6. Iniziare il processo di affiancamento degli ospedali nella formazione sia post – laurea, sia per la stabilizzazione dei professionisti assunti in convenzione
  7. Indizione dei concorsi per Medicina d’Emergenza Urgenza in forma aggregata a livello regionale, garantendo però una velocizzazione delle procedure di assunzione.
  8. Possibilità di ulteriore incremento, in sede di contrattazione aziendale, dell’indennità di guardia, per le aree di emergenza-urgenza.
  9. Integrazione funzionale del SET-118 con il Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA), con possibilità di rotazione del personale in scambio reciproco tra DEA e SET-118.
  10. Analogamente a quanto previsto dal CCNL per l’esonero dai turni notturni agli over 60anni, definire criteri di esonero da lavori particolarmente disagiati come l’attività su ambulanza sia diurni che notturni

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fimeuc: «Manca il 40% dei medici del PS e del Preospedaliero, il servizio di emergenza urgenza va riformato»
Secondo il presidente Alessandro Caminiti è necessaria una revisione. Quattro i punti cardini su cui lavorare: Più sinergia tra 118 e pronto soccorso, qualifica di dirigente medico per gli specialisti di emergenza urgenza, valorizzazione del ruolo dell’infermiere nell’equipe con medici e tecnici di soccorso, e definizione del ruolo dei volontari
Pronta disponibilità, il limite delle 6 chiamate mensili viene sempre rispettato?
Intervista a Muzio Stornelli, dirigente infermieristico: «Problema antico ma con pandemia la situazione è peggiorata»
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
PNRR, al via studio sullo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 Regioni
Viatris e Cergas Bocconi hanno avviato uno studio dedicato ad analizzare lo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 regioni italiane: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Campania
Pnrr, Faroni (Aiop Lazio): «Bene approvazione Piano, connubio pubblico-privato decisivo per attuazione»
Posti Letto, Pronto Soccorso ed edilizia i punti centrali per Aiop Lazio: «Fondamentale lavorare su criticità emerse in pandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali