Salute 25 Ottobre 2018

Campioni e malattie, parla il medico della Nazionale italiana di nuoto Tiziana Balducci: «Fondamentali terapie innovative»

La dottoressa a Sanità Informazione: «In questi casi l’attività sportiva diventa essa stessa una terapia». Poi sottolinea la loro straordinaria capacità di recupero: «Atleti sono androidi, recuperano in fretta»

Immagine articolo

Si può essere campioni anche con una malattia importante. Lo hanno raccontato a Sanità Informazione tanti beniamini dello sport, tra cui il pallavolista Bas Van de Goor, colpito da diabete di tipo uno, e il nuotatore Simone Sabbioni, affetto da colite ulcerosa. Forza di volontà, spirito di sacrificio e terapie innovative sono gli ingredienti di un miracolo che si ripete sempre più spesso e che vede alla base il lavoro di staff medici sempre più preparati e pronti a rimettere in sesto ‘macchine perfette’ come il fisico dei nostri atleti. Ne abbiamo parlato con uno dei medici della Nazionale italiana di nuoto, Tiziana Balducci: «Spesso l’attività sportiva diventa essa stessa una terapia», spiega la dottoressa che sottolinea: «Il nostro compito è evitare fondamentalmente l’infiammazione in qualsiasi manifestazione si possa presentare».

Dottoressa Balducci, lei è uno dei medici della Nazionale italiana di nuoto. Si può essere campioni e avere malattie così importanti come ad esempio le malattie infiammatorie croniche intestinali?

«Certamente sì. Le terapie innovative consentono ai campioni di continuare la loro attività e consentono a chiunque di affrontare un’attività sportiva che diventa essa stessa una terapia. Anche nel loro caso è soprattutto importante perché rivaluta la persona in quanto entità: mente e corpo».

Non ci sono limiti in realtà per il corpo umano?

«Chi ha una patologia come questa riesce ad affrontare la sua attività serenamente proprio grazie a terapie innovative».

Lei è il medico, tra gli altri, di Federica Pellegrini e di altri campioni. Un grande campione è sottoposto a controlli continui, qual è il ruolo del medico per loro?

«Io lavoro al centro federale di Verona. Il medico federale della nazionale è il dottor Lorenzo Marugo, insieme gestiamo tutte le varie eventualità che normalmente chiamiamo ‘prevenzione’ nelle persone normali. Vengono effettuati esami del sangue, controlli preventivi e ovviamente un’attenzione particolare all’alimentazione, alla vita di tutti i giorni e ad evitare fondamentalmente l’infiammazione in qualsiasi manifestazione si possa presentare».

Le è mai capitato che prima di una gara ci fosse bisogno di un consulto medico urgente?

«Succede qualche volta che ci sia un trauma proprio appena prima delle gare, un trauma importante dovuto al fatto che spesso gli atleti come i nuotatori hanno poca dimestichezza con le attività a secco. Per cui è successo più di una volta durante un’attività ricreativa ci sia stato un trauma che ci è toccato affrontare in poco tempo. Tenga conto che loro sono quasi degli androidi, recuperano in fretta ed è impressionante vedere come il trauma in due o tre giorni venga recuperato».

A volte siete sorpresi anche voi medici dai tempi di recupero?

«Assolutamente sì».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE INTESTINALI, PARTE CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE. PISANTI (MINISTERO SALUTE): «SERVE INTEGRAZIONE TRA SPECIALISTI»

Articoli correlati
Sfidare a nuoto lo Stretto di Messina: l’impresa di un nuotatore genovese per ricordare i pericoli dell’ictus
La partenza è prevista per mercoledì 12 giugno, condizioni meteo e mare permettendo, da Capo Peloro (Messina), con arrivo a Cannitello, nei pressi di Villa San Giovanni (Reggio Calabria). È’ in questo tratto di mare che Alberto Sassoli, genovese innamorato del mare, ha deciso di compiere l’impresa, nuotando per oltre 3,5 km, insieme ad altri […]
Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
Gli effetti del cloro sulla pelle
Rinfrescarsi a bordo piscina nelle giornate più calde è l’antidoto migliore per trascorrere ore di meritato relax lontano dalla calura estiva. Non solo. La pratica del nuoto risulta assolutamente benefica per il nostro organismo. In ogni momento dell’anno, insomma, lunghe nuotate in piscina – per sport o per relax – possono far parte della nostra […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone