Salute 5 Luglio 2018 11:19

Diabete, il pallavolista Van de Goor: «Sport fondamentale per controllare la malattia»

L’atleta, tra i testimonial del Roma Cities changing diabetes summit, gestisce una fondazione in Olanda con la missione di migliorare la qualità della vita delle persone con diabete attraverso l’attività sportiva

Diabete, il pallavolista Van de Goor: «Sport fondamentale per controllare la malattia»

Lui è un pallavolista che in Italia ha fatto sognare i tifosi di Modena e Treviso e nella sua carriera può vantare ben due ori olimpici guadagnati con la nazionale olandese. Ma Bas Van de Goor le partite più importanti le ha vinte fuori dal campo. L’ultima quella sul linfoma dopo mesi di cure. Ma prima ancora, quando ancora dall’alto dei suoi 209 centimetri era il re del campo da pallavolo, la scoperta di avere il diabete tipo uno. Uno shock, ma anche un’occasione per dimostrare che la malattia non è affatto incompatibile con l’essere grandi campioni, come hanno dimostrato anche gli atleti diabetici della squadra di ciclismo del team Novo Nordisk. Van de Goor è stato uno dei testimonial del Roma Cities changing diabetes summit che si è svolto a Roma il 2 luglio, un evento pensato per tenere alta l’attenzione sulla diffusione del diabete e sulla correlazione tra diabete e vita nelle città. «Si può essere grandi campioni e avere il diabete – spiega Van de Goor a Sanità Informazione -. Anzi, fare sport è fondamentale per tenere sotto controllo la malattia. Io mi sono ispirato al canottiere britannico Steve Redgrave che ha vinto da diabetico una medaglia olimpica».

LEGGI ANCHE: 3,2 MILIONI DI MORTI ALL’ANNO PER INATTIVITÀ FISICA, 0,4 PER IPERTENSIONE, 4,4 PER OBESITÀ. ECCO I NUMERI DELL’URBANIZZAZIONE

Bas, tu sei un grande campione di pallavolo, un atleta che ad un certo punto ha scoperto di avere il diabete tipo 1. Possono convivere le due cose: essere un grande campione e avere il diabete?

«Si, è possibile. Quando ho avuto la diagnosi di diabete di tipo uno non sapevo niente di diabete perché nella mia famiglia non c’è nessuno che ha il diabete e quindi dovevo imparare un po’ cosa significava. Ho capito subito che più sport fai meglio è. Ero atleta quando ho scoperto di avere il diabete, poi ho smesso perché a un certo punto il corpo dice ‘no’. Però sono sempre a fare sport perché con lo sport puoi controllare meglio il livello di glucosio nel sangue».

Quando hai saputo di avere il diabete all’inizio immagino sarà stata dura. Poi come hai superato lo shock?

«Mi è successa una cosa importante. Io giocavo ancora quando ebbi la diagnosi. Ho fatto delle ricerche e scoprii che un atleta molto importante che è Steve Redgrave, canottiere britannico e leggenda olimpica, ha vinto cinque medaglie d’oro, l’ultima avendo il diabete. Quando ho visto questo alla tv ho subito capito quello che potevo fare, cioè tutto. Quando ti succede bisogna fare molto sport per controllare al meglio la malattia».

Adesso sei ancora nel mondo della pallavolo o fai altro?

«Ho una fondazione in Olanda con la missione di migliorare la qualità della vita delle persone con diabete attraverso lo sport. Facciamo tanta attività sportiva per bimbi e adulti. Abbiamo anche una attività dove con tanti dottori e infermieri andiamo a camminare con i pazienti diabetici. Facciamo camminare quasi 5mila persone con diabete insieme a 200 dottori. Siamo in sette e organizziamo tante attività sportive».

LEGGI ANCHE: “ALIMENTAZIONE E DIABETE: LA SFIDA CONTRO IL TEMPO” DI NOVO NORDISK

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Talent Identification cycling Camp, in Toscana per scoprire giovani talenti del ciclismo con diabete
Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete, ha convocato 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo per misurare le loro capacità sportive ma anche per valutare la loro tenuta psicologica e scegliere i campioni di domani
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Diabete e Sars-CoV-2: una relazione pericolosa. Con la minaccia del Long Covid
L’intervista al presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID): «Le persone con diabete e obese che contraggono l‘infezione hanno un rischio di andare in ospedale, in rianimazione e morire dalle 2 alle 4 volte più alto. Il Long Covid può aumentare i livelli di glucosio nel sangue tra le persone con diabete di tipo 1 e 2». Vediamo perché
Giulio Gaetani, campione di scherma con diabete, racconta la sua battaglia per entrare nei gruppi sportivi militari
Lo scorso 6 aprile ha preso parte ad un incontro con società scientifiche, associazioni di pazienti, il sottosegretario Valentina Vezzali e l’onorevole Roberto Pella per cercare di superare l’ostacolo. «È un punto di partenza per trovare la soluzione migliore per riuscire a cambiare il sistema. Se così fosse, sarebbe una grande svolta»
AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»
«Una terapia mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l'evoluzione, le complicanze e la mortalità». Focus sul diabete mellito, la tre giorni in programma a Napoli dal 17 al 19 marzo sarà ricca di spunti, approfondimenti e discussioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali