Salute 23 Aprile 2020

Ricoverato in terapia intensiva per Covid-19, i medici gli istallano un pacemaker e il paziente migliora

L’intervento all’Ospedale di Schiavonia: prima volta in Veneto. Nella struttura sanitaria cardiologi a disposizione h24. Pasquetto (direttore Cardiologia): «Malattie cardiovascolari sono moltiplicatore del rischio di morte»

di Gloria Frezza

Il quadro clinico era preoccupante: una grave polmonite da Covid-19 che lo costringeva in terapia intensiva e una contemporanea valvulopatia aortica, ma i medici degli Ospedali Riuniti Padova Sud di Schiavonia non si sono arresi. È la storia di un 78enne ricoverato e sottoposto con successo a un impianto pacemaker bicamerale definitivo. È la prima volta che succede in Veneto e il paziente è in netto miglioramento.

Al 78enne è stato corretto un blocco atrio-ventricolare che gli causava una grave bradicardia, che stava aggravando notevolmente la sua situazione. Tre ore di operazione tra sanificazione della sala, preparazione del paziente e intervento. Eseguito da Barbara Ignatiuk dell’Unità di Cardiologia con l’aiuto dell’anestesista Elena De Marzi e delle due infermiere di Emodinamica Alessandra Celestino e Viviana Levorato. «Pianificata con estrema attenzione e scrupolosità secondo i protocolli vigenti – si legge in una nota dell’ospedale – per garantire massima protezione agli operatori sanitari».

LEGGI ANCHE: INFARTO, DIMEZZATI ACCESSI IN PS PER PAURA CONTAGIO DA COVID-19. INDOLFI (SIC): «TEMIAMO AUMENTO MORTALITÀ PER MALATTIE CARDIOVASCOLARI»

Il Covid-19 non è una malattia facilmente prevedibile. In molti casi le complicanze dell’infezione non sono solo respiratorie ma cardiache. I soggetti più a rischio – secondo gli ultimi dati – risultano gli anziani e quelli con patologie che costituiscono rischi cardiovascolari, come ipertensione e diabete. Da quando è diventata Covid-hospital, l’azienda sanitaria veneta ha attivato una reperibilità h24 per i cardiologi, che già lavoravano a tempo pieno nei reparti dei contagiati. In modo da poter mettere immediatamente in moto le sale per qualsiasi complicazione.

«Le malattie cardiovascolari – ha commentato il direttore dell’Unità operativa complessa di Cardiologia, Giampaolo Pasquetto – sembrano rappresentare un moltiplicatore del rischio di morte in caso di infezione da Coronavirus. E il coinvolgimento cardiaco può assumere tanti aspetti: dalle sindromi coronariche acute e infarto miocardico, alla riacutizzazione di uno scompenso cardiaco, alla miocardite, alle aritmie ipo-cinetiche ed ipercinetiche».

Ma oggi a Schiavonia si festeggia. Il quadro clinico del paziente migliora. Il direttore dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta, si è detto fiero dei suoi operatori sanitari: «È nelle situazioni straordinarie come questa che si riconoscono i veri professionisti, e hanno il volto di queste donne e questi uomini che non si fermano davanti a nulla, servendo con slancio, tenacia e competenza la nostra sanità veneta».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 484.869 (19.143 in più rispetto a ieri). 182.032 i […]
Telemedicina, l’innovazione in cardiologia è sempre più digitale
Il Professore Fabrizio Ammirati spiega come la telemedicina e l’intelligenza artificiale affrontano la patologia dello scompenso cardiaco che ogni anno interessa un numero di italiani superiore a quelli affetti da COVID-19
Dislipidemie, Bilato (cardiologo): «Linee guida abbassano ancora i livelli di colesterolo LDL»
Il Direttore della Cardiologia degli Ospedali dell’ovest vicentino spiega chi sono i pazienti a rischio alto e molto alto
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare