Salute 23 Aprile 2020 10:04

Ricoverato in terapia intensiva per Covid-19, i medici gli istallano un pacemaker e il paziente migliora

L’intervento all’Ospedale di Schiavonia: prima volta in Veneto. Nella struttura sanitaria cardiologi a disposizione h24. Pasquetto (direttore Cardiologia): «Malattie cardiovascolari sono moltiplicatore del rischio di morte»

di Gloria Frezza

Il quadro clinico era preoccupante: una grave polmonite da Covid-19 che lo costringeva in terapia intensiva e una contemporanea valvulopatia aortica, ma i medici degli Ospedali Riuniti Padova Sud di Schiavonia non si sono arresi. È la storia di un 78enne ricoverato e sottoposto con successo a un impianto pacemaker bicamerale definitivo. È la prima volta che succede in Veneto e il paziente è in netto miglioramento.

Al 78enne è stato corretto un blocco atrio-ventricolare che gli causava una grave bradicardia, che stava aggravando notevolmente la sua situazione. Tre ore di operazione tra sanificazione della sala, preparazione del paziente e intervento. Eseguito da Barbara Ignatiuk dell’Unità di Cardiologia con l’aiuto dell’anestesista Elena De Marzi e delle due infermiere di Emodinamica Alessandra Celestino e Viviana Levorato. «Pianificata con estrema attenzione e scrupolosità secondo i protocolli vigenti – si legge in una nota dell’ospedale – per garantire massima protezione agli operatori sanitari».

LEGGI ANCHE: INFARTO, DIMEZZATI ACCESSI IN PS PER PAURA CONTAGIO DA COVID-19. INDOLFI (SIC): «TEMIAMO AUMENTO MORTALITÀ PER MALATTIE CARDIOVASCOLARI»

Il Covid-19 non è una malattia facilmente prevedibile. In molti casi le complicanze dell’infezione non sono solo respiratorie ma cardiache. I soggetti più a rischio – secondo gli ultimi dati – risultano gli anziani e quelli con patologie che costituiscono rischi cardiovascolari, come ipertensione e diabete. Da quando è diventata Covid-hospital, l’azienda sanitaria veneta ha attivato una reperibilità h24 per i cardiologi, che già lavoravano a tempo pieno nei reparti dei contagiati. In modo da poter mettere immediatamente in moto le sale per qualsiasi complicazione.

«Le malattie cardiovascolari – ha commentato il direttore dell’Unità operativa complessa di Cardiologia, Giampaolo Pasquetto – sembrano rappresentare un moltiplicatore del rischio di morte in caso di infezione da Coronavirus. E il coinvolgimento cardiaco può assumere tanti aspetti: dalle sindromi coronariche acute e infarto miocardico, alla riacutizzazione di uno scompenso cardiaco, alla miocardite, alle aritmie ipo-cinetiche ed ipercinetiche».

Ma oggi a Schiavonia si festeggia. Il quadro clinico del paziente migliora. Il direttore dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta, si è detto fiero dei suoi operatori sanitari: «È nelle situazioni straordinarie come questa che si riconoscono i veri professionisti, e hanno il volto di queste donne e questi uomini che non si fermano davanti a nulla, servendo con slancio, tenacia e competenza la nostra sanità veneta».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Natale ha “effetto booster” sul colesterolo, dai cardiologi 5 strategie salva-cuore
Con l’arrivo delle festività natalizie crescono le occasioni di eccedere a tavola con alimenti grassi, notoriamente collegati a un aumento dei livelli di colesterolo “cattivo”. In occasione dell’84° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), che si è concluso da poco a Roma, gli specialisti diffondono poche e semplici regole che possono aiutare a evitare eventuali impennate dei livelli di colesterolo
Infarto: lunedì «nero», a inizio settimana attacchi cardiaci più gravi e letali
Per il nostro cuore non c'è giorno della settimana peggiore del lunedì. E' proprio in questo giorno, infatti, che avvengono con più frequenza gli infarti gravi e fatali. Una ricerca irlandese, presentata alla conferenza annuale della British Cardiovascular Society, ha infatti determinato che a inizio settimana il rischio di subire un attacco cardiaco letale è superiore del 13% rispetto al previsto. Il cardiologo Esposito: «A giocare un ruolo determinante è il ritmo circadiano»
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Alcuni gadget di Apple e Microsoft potrebbero compromettere defibrillatori e peacemaker. L’allarme di uno studio svizzero
La custodia di ricarica delle AirPods, la Microsoft Surface Pen e la Apple Pencil 2nd Generation possono interferire con dispositivi cardiaci salvavita, come defibrillatori e pacemaker
L’allarme della SIC: «La pandemia ci lascia in eredità un’assistenza cardiologica in ginocchio»
Ricoveri ed esami ridotti in due ospedali su tre e rischio cardiaco più alto per i guariti. Allerta massima su mortalità infarti e ictus: «Rischiamo di tornare indietro di 20 anni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...