Salute 2 Marzo 2022 12:48

Alcuni gadget di Apple e Microsoft potrebbero compromettere defibrillatori e peacemaker. L’allarme di uno studio svizzero

La custodia di ricarica delle AirPods, la Microsoft Surface Pen e la Apple Pencil 2nd Generation possono interferire con dispositivi cardiaci salvavita, come defibrillatori e pacemaker

Alcuni gadget di Apple e Microsoft potrebbero compromettere defibrillatori e peacemaker. L’allarme di uno studio svizzero

Alcuni gadget elettronici prodotti dalla Apple e da Microsoft potrebbero interferire con dispositivi cardiaci salvavita, come il pacemaker. Uno studio dell’Università di Basilea ha dimostrato che la custodia di ricarica delle AirPods, la Microsoft Surface Pen e la Apple Pencil 2nd Generation hanno potenti campi magnetici che potrebbero potenzialmente interrompere il funzionamento di defibrillatori automatici impiantabili. Ora gli scienziati stanno esortando tutti i pazienti dotati di gadget come i pacemaker di assicurarsi di non tenere questi dispositivi elettronici nelle tasche situate vicino al petto.

Avvertire i pazienti dei pericoli di un uso sbagliato di questi dispositivi

Gli esperti hanno affermato che «qualsiasi» dispositivo elettrico contenente un magnete potrebbe teoricamente rappresentare un «pericolo» per i pazienti che si affidano ai defibrillatori automatici impiantabili per ristabilire il proprio ritmo cardiaco. «Il pubblico deve essere consapevole dei potenziali rischi dei dispositivi elettronici portatili» dice Sven Knecht, tra gli autori dello studio. «Questi dispositivi possono causare problemi se trasportati nella tasca della camicia o della giacca davanti al petto, così come quando sei sdraiato sul divano e appoggi il dispositivo elettronico sul petto», aggiunge.

Tutti i dispositivi elettronici con magneti possono interferire con i dispositivi cardiaci

I defibrillatori automatici impiantabili funzionano emettendo impulsi elettrici per mantenere il ritmo cardiaco nelle persone in cui il ritmo può essere irregolare, una condizione nota come aritmia. Funzionano allo stesso modo dei pacemaker erogando scariche elettriche di basso livello per mantenere un battito cardiaco costante. Ma possono anche erogare scosse di alto livello per aiutare a contrastare le aritmie pericolose per la vita, come quelle che possono portare a un arresto cardiaco. I ricercatori hanno avvertito che tutti i dispositivi elettronici con magneti potrebbero interferire con i defibrillatori automatici impiantabili e i pacemaker.

I dispositivi elettronici dovrebbero essere tenuti lontani dal petto

Nello studio, pubblicato sulla rivista Circulation Arrhythmia and Electrophysiology dell’American Heart Association, gli studiosi hanno misurato i campi magnetici di tre dispositivi. Questi erano che la custodia di ricarica delle AirPods, la Microsoft Surface Pen e la Apple Pencil 2nd Generation. I dispositivi sono stati posizionati a diverse distanze di sicurezza e i defibrillatori automatici impiantabili, che non erano attaccati a nessuno, sono stati monitorati per vedere se subivano interferenze. Gli esperimenti sono stati ripetuti cinque volte per stimare la distanza minima di sicurezza dei dispositivi elettronici dai dispositivi medici. I risultati hanno mostrato che i prodotti Apple non potevano essere posizionati a una distanza inferiore a 2 cm senza interferire con i dispositivi cardiaci. Mentre il prodotto della Microsoft non poteva trovarsi a una distanza inferiore di 2,9 cm.

I magneti possono impedire il rilascio di scosse salvavita

Corentin Fery, uno degli autori dello studio, ha chiesto di avvertire i pazienti di questo pericolo. Il team ha affermato che i magneti possono attivare un interruttore che impedisce ai dispositivi cardiaci di erogare la scossa salvavita. «Se porti un dispositivo elettronico portatile vicino al petto e hai una storia di tachicardia con un defibrillatore automatico impiantabile, i potenti magneti in questi dispositivi potrebbero disabilitarlo», dice Fery. «I pazienti cardiopatici dovrebbero essere consapevoli di questi rischi e il loro medico dovrebbe dire loro di fare attenzione a questi dispositivi elettronici con magneti. La cosa principale da ricordare – continua – è che qualsiasi dispositivo elettronico può essere un pericolo, specialmente quelli con un magnete all’interno».

I cardiologi americani avvertono di tenere i cellulari a una distanza di 15 cm dal petto

Non è la prima volta che viene lanciato un avvertimento simile. Ci sono diversi studi a riguardo, incluso uno pubblicato l’anno scorso che avvertiva che l’iPhone 12 potrebbe interferire con i dispositivi medici. L’American Heart Association afferma che tutti i cellulari dovrebbero essere tenuti ad almeno 15 cm di distanza dai pacemaker per ridurre al minimo i rischi. «Surface Pen è stata progettata, testata e prodotta per essere conforme alle normative di numerosi paesi, inclusa l’Unione Europea», ha dichiarato la Microsoft al Daily Mail. «Raccomandiamo ai clienti di seguire le linee guida pubblicate in precedenza» che invitano a tenere il dispositivo ad almeno 15 cm da pacemaker e defibrillatori automatici impiantabili.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ascom Digistat, le nuove frontiere dell’ICT al servizio del settore sanitario
Ascom Digistat Suite è una piattaforma software per la gestione dei dati clinici dei pazienti progettata per l’utilizzo da parte di medici, infermieri e personale sanitario. Prevede un’ampia gamma di soluzioni: dalla gestione del percorso chirurgico del paziente, al trattamento del paziente in terapia intensiva, al monitoraggio dei parametri fisiologici e di allarmi, inclusi i dispositivi indossabili
RSA e RSD, dal 1° gennaio stop alle forniture di dispositivi e test diagnostici
Degani (UNEBA Lombardia): «A rischio la sicurezza di anziani e disabili. La mancata fornitura dei tamponi metterà in dubbio la frequenza dei controlli. Le strutture dovranno rivolgersi al mercato libero che in questo momento è in overbooking a causa del green pass e questo inciderà sui costi e sui tempi di processazione»
Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»
Lo specialista: «Questo generatore di impulsi è dotato di elettrodi direzionali che, inseriti con intervento chirurgico, stimolano solo un preciso versante del nucleo cerebrale, riducendo al minimo gli effetti collaterali»
di Isabella Faggiano
Mos (Cardiologia dello Sport): «Ecco perché un calciatore con defibrillatore non può giocare in Italia»
«Le linee guida italiane, le più severe in Europa, non prevedono la possibilità di giocare con un defibrillatore per due motivi. L’intensa attività agonistica può essere la causa dell’aritmia e gli scontri di gioco possono colpire l’apparecchio provocando gravi conseguenze»
Un pacemaker elettronico di gomma flessibile? Perrone Filardi (SIC): «Dispositivo innovativo, è la strada giusta»
Un team americano rilancia lo studio sui materiali in cardiologia, il presidente della Società di Cardiologia: «Monitoraggio in remoto è il futuro»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...