Salute 20 Ottobre 2015 17:39

Un “giusto ritmo” nella lotta agli scompensi cardiaci

Evento al Senato organizzato nella seconda Giornata Nazionale della Lotta alle AritmiePunto di incontro tra il mondo medico e la politica: “Attenzione sugli stili di vita”

Un “giusto ritmo” nella lotta agli scompensi cardiaci

Un problema che “sta a cuore” a tanti. E’ questo il messaggio emerso in Senato, durante l’evento “Il giusto ritmo 2.0”, giunto al suo secondo appuntamento in occasione della II Giornata Nazionale della Lotta alle Aritmie.


Il convegno si è confermato un importante punto di incontro tra istituzioni e mondo della sanità per un tema sempre più di rilevanza sociale a causa della sua grande diffusione. Sono molti, infatti, gli italiani che soffrono di scompensi cardiaci più o meno gravi, tra cui la fibrillazione atriale. Tanti i protagonisti del mondo della politica e della sanità intervenuti all’evento per comunicare e proporre soluzioni e nuovi orizzonti. Un evento caleidoscopico che ha suggellato una bella sinergia tra mondi diversi – istituzionale, sanitario e farmaceutico – ma complementari quando si tratta di rispondere alle esigenze della comunità.

«Parliamo di patologie direttamente collegate agli stili di vita – commenta il senatore Piero Aiello, membro della Commissione Igiene e Sanità – e chi fa politica sanitaria deve avere la capacità di ascoltare e tradurre queste richieste in atti legislativi. Molte volte si parla di malattie metaboliche, diabete e malattie vascolari, perdendo di vista patologie come le aritmie che in Italia coinvolgono moltissime persone e che sono in evoluzione perché collegate appunto allo stress, all’ansia, alla depressione».

Gli fa eco il dottor Stefano De Lillo, cardiologo, membro del CDA dell’Agenas, già senatore nonché promotore dell’iniziativa: «Bisogna considerare anche il ruolo svolto dalla classe politica, che deve prendere sempre più consapevolezza delle nuove prospettive in tema di cardiologia. Il punto di arrivo  – continua De Lillo – sarà quello dell’appropriatezza, che il Ministero sta appunto tracciando per cercare di fornire con i mezzi a disposizione, le cure più appropriate a chi ne ha bisogno. Ogni anno ci troviamo di fronte a nuove scoperte e a nuove opportunità terapeutiche».

Fiducioso anche Luca Carreri, direttore della Business Unit Johnson & Johnson, ente contributore dell’evento.  «E’ stata una giornata determinante per sottoporre alle autorità politiche il problema delle aritmie, che in Italia non vengono ancora trattate abbastanza. Per fortuna  – aggiunge – molte realtà hanno già messo sul tavolo delle possibili soluzioni che non comportano ulteriori costi per il Ssn. La nostra realtà, invece, si propone come facilitatore di un dialogo tra gli attori in gioco che porti alla realizzazione di proposte concrete». Appuntamento, quindi, al prossimo anno…

Articoli correlati
Assistenza domiciliare integrata, Enrichens (Agenas): «Pon Gov Cronicità 2018-2023 precursore di Pnrr e Dm77»
Il Project Manager del Pon Gov Cronicità, Francesco Enrichens di Agenas: «Fulcro della riorganizzazione dei servizi territoriali, ADI compresa, sono le nuove tecnologie e in particolare l’implementazione delle l’ICT (tecnologie dell'informazione e della comunicazione) delle centrali operative territoriali»
Insediato CTS dell’Osservatorio buone pratice di integrazione socio sanitaria
Si è insediato ieri in Anci, presso la Sala della Presidenza, il Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio delle buone pratiche di integrazione socio sanitaria (OISS) promosso da Federsanità Anci in convenzione con Agenas
Il rapporto sulla qualità degli outcome clinici di Agenas e Aiop, prevale l’eterogeneità
L’area gravidanza e parto è la sola nella quale sono le strutture di diritto pubblico ad ottenere una valutazione migliore
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...