Salute 13 Maggio 2019

Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Imminenti ultimi decreti attuativi legge 3 del 2018, ora fase di sviluppo»

Con gli ultimi due decreti vengono stabilite la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Ancora al lavoro i tecnici del ministero per l’elenco speciale che raccoglierà chi ha un titolo potenzialmente equivalente: «Quelli che non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere rimarranno fuori», sottolinea il Presidente del Conaps

Immagine articolo

Il maxi Ordine TSRM e PSTRP, che racchiude i tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, sta per prendere definitivamente forma. Lo scorso anno era stato pubblicato il primo decreto attuativo della legge 3 del 2018 che istituiva gli albi delle 17 professioni sanitarie (gli Albi dei tecnici radiologi e degli assistenti sanitari già esistevano, per un totale di 19 professioni). Ora sono in dirittura d’arrivo, come anticipa a Sanità Informazione Antonio Bortone, presidente del Conaps, Coordinamento Nazionale Associazione professioni sanitarie, anche gli ultimi due decreti attuativi che stabiliscono la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Un passaggio importante che permetterà ora all’Ordine di poter funzionare in modo completo. «In questo modo si potrà pensare non solo alla tutela, alla difesa, all’identità, ma anche allo sviluppo di ogni singola categoria all’interno del maxi Ordine, quindi di fatto completerà un percorso di riordino andando verso una fase di sviluppo che riguarderà tutte le professioni sanitarie sempre a tutela e a garanzia delle qualità prestazionali per il cittadino», sottolinea Bortone.

Presidente, tutti i professionisti sanitari aspettano i famosi decreti attuativi per le professioni sanitarie. A che punto siamo, quanto sono importanti per la professione e quando arriveranno?

«Risposte ufficiose ci dicono che sono imminenti. I decreti sono stati delineati nella loro struttura, stiamo parlando di due decreti fondamentali: ovvero il decreto sulla composizione della Commissione d’Albo e il decreto sulla composizione dei consigli direttivi degli Ordini. Sono stati già definiti nella loro struttura, sono al vaglio dell’Ufficio legislativo del Ministero della Salute. Il ministero per vie ufficiose ci dice che sono praticamente imminenti. Questi decreti completeranno la fase di base della attuazione della legge 3 del 2018 perché consentirà, una volta istituiti gli albi, di comporre gli albi in termini di composizione della Commissione. Una volta che sarà insediata ogni singola commissione d’Albo ecco che le associazioni maggiormente rappresentative che oggi vicariano le funzioni delle Commissioni d’albo perderanno la loro rappresentatività ma poi soprattutto si avrà una vita molto capillare per ogni singola categoria in termini di inquadramento ordinistico per realizzare quella che è non solo la tutela, non solo la difesa, non solo l’identità, ma anche lo sviluppo di ogni singola categoria all’interno del maxi Ordine, quindi di fatto completerà un percorso di riordino con una fase di sviluppo che riguarderà tutte le professioni sanitarie, sempre a tutela e a garanzia delle qualità prestazionali per il cittadino».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, BEUX (TSRM E PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

A proposito di novità, il famoso elenco provvisorio dell’emendamento alla finanziaria che fine è fatto?

«Non si sono perse le tracce. Si sta lavorando, si sta definendo e soprattutto si sta precisando chi riguarderà, quali soggetti saranno coinvolti in questi elenchi speciali previsti dalla legge 145. Era stata fatta una prima immaginazione con tante comunicazioni mediatiche abbastanza fantasiose. In realtà riguarderà soltanto quei professionisti che ad oggi hanno un titolo potenzialmente equivalente alle professioni sanitarie ma che a suo tempo non hanno svolto o non hanno potuto svolgere il processo di equivalenza, ecco costoro potranno iscriversi agli elenchi speciali. Tutti coloro che invece non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere, quindi per pura velleità, rimarranno fuori, perché oggi non sono toccati dalla legge 3 del 2018. Non dimentichiamoci che il provvedimento che istituisce tramite decreto attuativo gli elenchi speciali di cui alla legge 145 fa riferimento alle professioni sanitarie, di cui alla legge 3 del 2018: non dobbiamo perdere questo fil rouge perché altrimenti tutto diventa fantasioso».

Articoli correlati
#UnGiornoCon | Igienista dentale. Dascola (Aidi): «Così miglioriamo il sorriso dei nostri pazienti»
Importante lo spazio dedicato all’accoglienza e al colloquio. L’esperta: «Durante ogni visita è necessario dedicare spazio al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, l’ex ministro Lorenzin: «Maxi ordine fondamentale per combattere abusivismo. Non si torni indietro»
La ‘madre’ della legge 3 del 2018 che ha riunito le professioni sanitarie nel maxi ordine TSRM e PSTRP spiega l’importanza della norma: «Gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di adottare provvedimenti disciplinari quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico»
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)
Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
“Art. 32: La Repubblica tutela la salute”: Cisl e Simedet insieme per una riflessione sul diritto alle cure e sulle diseguaglianze in sanità
L’evento si svolgerà l’8 maggio alla Camera dei deputati. Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO. Il presidente Simedet Capuano: «Parleremo di come migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...