Salute 13 Maggio 2019

Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Imminenti ultimi decreti attuativi legge 3 del 2018, ora fase di sviluppo»

Con gli ultimi due decreti vengono stabilite la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Ancora al lavoro i tecnici del ministero per l’elenco speciale che raccoglierà chi ha un titolo potenzialmente equivalente: «Quelli che non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere rimarranno fuori», sottolinea il Presidente del Conaps

Immagine articolo

Il maxi Ordine TSRM e PSTRP, che racchiude i tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, sta per prendere definitivamente forma. Lo scorso anno era stato pubblicato il primo decreto attuativo della legge 3 del 2018 che istituiva gli albi delle 17 professioni sanitarie (gli Albi dei tecnici radiologi e degli assistenti sanitari già esistevano, per un totale di 19 professioni). Ora sono in dirittura d’arrivo, come anticipa a Sanità Informazione Antonio Bortone, presidente del Conaps, Coordinamento Nazionale Associazione professioni sanitarie, anche gli ultimi due decreti attuativi che stabiliscono la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Un passaggio importante che permetterà ora all’Ordine di poter funzionare in modo completo. «In questo modo si potrà pensare non solo alla tutela, alla difesa, all’identità, ma anche allo sviluppo di ogni singola categoria all’interno del maxi Ordine, quindi di fatto completerà un percorso di riordino andando verso una fase di sviluppo che riguarderà tutte le professioni sanitarie sempre a tutela e a garanzia delle qualità prestazionali per il cittadino», sottolinea Bortone.

Presidente, tutti i professionisti sanitari aspettano i famosi decreti attuativi per le professioni sanitarie. A che punto siamo, quanto sono importanti per la professione e quando arriveranno?

«Risposte ufficiose ci dicono che sono imminenti. I decreti sono stati delineati nella loro struttura, stiamo parlando di due decreti fondamentali: ovvero il decreto sulla composizione della Commissione d’Albo e il decreto sulla composizione dei consigli direttivi degli Ordini. Sono stati già definiti nella loro struttura, sono al vaglio dell’Ufficio legislativo del Ministero della Salute. Il ministero per vie ufficiose ci dice che sono praticamente imminenti. Questi decreti completeranno la fase di base della attuazione della legge 3 del 2018 perché consentirà, una volta istituiti gli albi, di comporre gli albi in termini di composizione della Commissione. Una volta che sarà insediata ogni singola commissione d’Albo ecco che le associazioni maggiormente rappresentative che oggi vicariano le funzioni delle Commissioni d’albo perderanno la loro rappresentatività ma poi soprattutto si avrà una vita molto capillare per ogni singola categoria in termini di inquadramento ordinistico per realizzare quella che è non solo la tutela, non solo la difesa, non solo l’identità, ma anche lo sviluppo di ogni singola categoria all’interno del maxi Ordine, quindi di fatto completerà un percorso di riordino con una fase di sviluppo che riguarderà tutte le professioni sanitarie, sempre a tutela e a garanzia delle qualità prestazionali per il cittadino».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, BEUX (TSRM E PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

A proposito di novità, il famoso elenco provvisorio dell’emendamento alla finanziaria che fine è fatto?

«Non si sono perse le tracce. Si sta lavorando, si sta definendo e soprattutto si sta precisando chi riguarderà, quali soggetti saranno coinvolti in questi elenchi speciali previsti dalla legge 145. Era stata fatta una prima immaginazione con tante comunicazioni mediatiche abbastanza fantasiose. In realtà riguarderà soltanto quei professionisti che ad oggi hanno un titolo potenzialmente equivalente alle professioni sanitarie ma che a suo tempo non hanno svolto o non hanno potuto svolgere il processo di equivalenza, ecco costoro potranno iscriversi agli elenchi speciali. Tutti coloro che invece non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere, quindi per pura velleità, rimarranno fuori, perché oggi non sono toccati dalla legge 3 del 2018. Non dimentichiamoci che il provvedimento che istituisce tramite decreto attuativo gli elenchi speciali di cui alla legge 145 fa riferimento alle professioni sanitarie, di cui alla legge 3 del 2018: non dobbiamo perdere questo fil rouge perché altrimenti tutto diventa fantasioso».

Articoli correlati
Congresso TSRM e PSTRP, parla Sergio Venturi: «Serve nuovo Patto tra professionisti della salute»
Dopo le polemiche della settimana scorsa torna a parlare l’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna: «Serve più clinica per i medici, più responsabilità per le professioni sanitarie. Sono sicuro che il Ministro della Salute partirà proprio da qui per dare vita a una grande conferenza nazionale per avviare questo processo»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Morti sul lavoro, l’allarme dell’Ordine TSRM e PSTRP: «Servizi a rischio, in tre anni 35% addetti alla vigilanza delle Asl andrà in pensione»
Dal Congresso di Rimini del maxi Ordine delle professioni sanitarie arriva un grido d’allarme: «Occorre fare una grande opera di investimento pubblico perché la prevenzione deve iniziare con azioni di formazione fin dalle scuole, di ogni ordine e grado, considerando che i nostri figli e i nostri nipoti saranno i lavoratori e i datori di lavoro di domani»
Professioni sanitarie, Lorenzin al Congresso TSRM e PSTRP: «Ordine strumento innovativo. Ora serve un grande sito a misura di cittadino»
L’ex ministro della Salute è stata protagonista del primo Congresso del maxi Ordine nato con la legge 3 del 2018: «E’ stata una legge difficile da portare a casa perché c’era da mettere insieme veramente tanti aspetti diversi e anche superare molte paure, ma oggi il risultato che è stato raggiunto è straordinario»
Professioni sanitarie, a Rimini il primo Congresso. Beux: «Modello ospedaliero va superato, tutti possiamo dare contributo a salute»
Il mondo delle 19 professioni sanitarie si è dato appuntamento al PalaCongressi della città romagnola per la prima storica asside del nuovo ordine. «Ora ci attende la grande sfida elettorale delle Commissioni d’Albo ma occorre lavorare per rafforzare la nostra identità comune» sottolinea il presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP Alessandro Beux
Professioni sanitarie, Speranza incontra presidente maxi Ordine: «Valorizzarle partendo da articolo 32 Costituzione»
Il Presidente della Federazione degli Ordini  TSRM e PSTRP Alessandro Beux è stato ricevuto dal Ministro della Salute alla vigilia del primo Congresso nazionale che si svolgerà a Rimini dall’11 al 13 ottobre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...