Salute 30 Gennaio 2018 13:26

Pallore, occhiaie e sudore notturno? «Il nostro bambino potrebbe soffrire di Osas» l’intervista all’otorino

«L’età a rischio è dai due ai sei anni: non trascurate sintomi come l’enuresi notturna e l’irascibilità cronica» l’intervista a Gianluca Corsetti, otorinolaringoiatra

«Il 3% dei bambini soffre di Apnee Ostruttive del Sonno» lo dichiara Gianluca Corsetti, otorinolaringoiatra esperto di disturbi del sonno intervistato da Sanità Informazione.

L’Osas è una patologia diffusa anche nel mondo pediatrico, quali sono le cause prevalenti?

«Le cause prevalenti, quelle che sono più facili da riscontrare, vanno dalle più semplici ipertrofie adenoidee tonsillari fino alle malattie sistemiche. Mi riferisco per esempio a malformazioni cranio-scheletriche oppure a problemi di reflusso-gastroesofageo. Noi otorini affrontiamo prevalentemente l’ipertrofia adenoidea-tonsillare quale causa principale di questo disturbo».

Quali sono le manifestazioni di Osas più tipiche in un bambino?

«Le manifestazioni a cui dovrebbero stare attenti i genitori (che può succedere trascurino inconsapevolmente alcune spie apparentemente non significative), sono sudore notturno particolarmente pronunciato, enuresi, numerosi risvegli durante la fase del sonno, irascibilità e nervosismo costante. In alcuni casi è bene che il genitore faccia attenzione alle coperte del letto: se sono particolarmente scomposte allora può essere il segnale di un sonno disturbato e compulsivo. Altro errore è far dormire il bambino nel letto matrimoniale, magari in mezzo ai genitori: non è una condizione raccomandabile per chi soffre di questi disturbi. Inoltre altro elemento da valutare è l’aspetto morfologico del bambino: il pallore pronunciato o le occhiaie sono caratteristiche peculiari di chi in quella fascia di età ha un problema di Osas».

Ultima domanda: qual è la percentuale in Italia di bambini che soffrono di questa patologia e quali le età a rischio?

«Le casistiche parlano di un 3% di bambini affetti da Osas. I numeri di minori che soffrono di russamento cronico (roncopatici) invece sono più alti».

Per quanto riguarda l’età?

«L’età più a rischio è dai due ai sei anni. Dopo questa fascia di età il bambino inizia a sviluppare la testa e quindi le problematiche meccaniche in relazione allo sviluppo cranio-facciale diminuiscono».

 

LEGGI ANCHE: APNEE OSTRUTTIVE DEL SONNO: L’APPROCCIO ODONTOIATRICO. L’INTERVISTA A SONIA FAMILIARI, DENTISTA E MEMBRO SIMSO

LEGGI ANCHE: OSAS E COLPI DI SONNO: ALLA GUIDA ATTENTI AI “MICROSLEEPS”. ECCO COME IL MEDICO INDIVIDUA I SOGGETTI A RISCHIO

Articoli correlati
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...