Salute 31 ottobre 2017

Apnee Ostruttive del Sonno: l’approccio odontoiatrico. L’intervista a Sonia Familiari, dentista e membro SIMSO

«Il dentista è la sentinella diagnostica dei problemi del sonno. Le implicazioni tra Osas e problemi dentistici sono tante e da non sottovalutare» lo dichiara la Dottoressa Familiari, membro della Società Italiana di Medicina del Sonno Odontoiatrica

Immagine articolo

«All’odontoiatra è stato affidato il ruolo di ‘sentinella diagnostica’ rispetto alla sindrome Osas» lo chiarisce Sonia Familiari, odontoiatra e membro della SIMSO (Società Italiana Medicina del Sonno Odontoiatrica), esperta nella gestione odontoiatrica del paziente russatore o con problemi respiratori, che fa chiarezza sul rapporto tra Apnee Ostruttive del sonno e problemi odontoiatrici.

«Le implicazioni sono sia dal punto di vista del monitoraggio della popolazione sia dal punto di vista terapeutico. L’odontoiatra, attraverso un dispositivo intra-orale è in grado, a livello meccanico, di aprire l’ostruzione delle alte vie aeree con un movimento di propulsione della mandibola permettendo il flusso di aria quando i tessuti collassano per meccanismo dell’Osas. Dal punto di vista chirurgico, se il paziente è giovane, è consigliabile agire il più tardivamente possibile; tuttavia l’Adenotonsillectomia (asportazione adenoidi) è un trattamento adottato in casi non risolvibili con altre terapie come quelle farmacologiche o cortisoniche».

«Chiaramente non tutti gli odontoiatri possono occuparsi di questa branca della medicina – chiarisce la Dottoressa – ma chi è esperto e formato nel settore perché abbiamo a che fare con pazienti affetti anche da altre patologie. La caratteristica dell’Osas è la comorbidità con diabete, ipertensione, problemi endocrinologici e metabolici. Di questi aspetti ne parlerò nel corso di formazione medica ‘Ruolo dell’odontoiatra nella medicina del sonno. Approccio motivazionale al paziente con roncopatia/Osas’ organizzato il 25 novembre prossimo, un momento d’interessante confronto per dibattere sui differenti approcci terapeutici all’Osas e la terapia chirurgica».

LEGGI ANCHE: CARRIE FISHER MORTA PER UN’APNEA DEL SONNO? PARLA LO SPECIALISTA

Per quanto riguarda la diagnosi e la prevenzione «oggi esistono molte alternative per diagnosticare l’Osas», spiega la Dottoressa Familiari. Grazie ai progressi tecnologici oggi «la polisonnografia è utile ad individuare il problema delle Apnee ostruttive e a classificarlo a seconda della gravità. Come? Esistono 4 livelli di monitoraggio: il primo tipo di monitoraggio è la polisonnografia con canali respiratori ed elettrodi per lo studio del sonno (EEG, Oculi, mento), effettuata in laboratorio del sonno. Il secondo tipo è la polisonnografia come nel primo tipo, ma effettuata a domicilio. Per la terza tipologia si tratta di poligrafia con strumenti a 6-8 canali (flusso respiratorio, russamento, posizione, sforzo respiratorio, pulsiossimetria, EKG, muscoli tibiali o masseteri…). Infine la quarta classificazione è la poligrafia con strumento a 2 canali (flusso + pulsiossimetro) oppure a canale singolo (saturimetria)».

LEGGI ANCHE: CONTRO L’OSAS FORMAZIONE E PREVENZIONE ARMI VINCENTI. PROFESSORE GARBARINO: «BENE LA POLISONNOGRAFIA»

Dunque, in questi ultimi anni la tecnologia è andata ulteriormente avanti e «oggi si cerca di rendere l’esame meno invasivo possibile per il paziente – mette in evidenza la Dottoressa –. Infatti, il paziente quando esegue il monitoraggio a casa sua e nel suo letto, tende a mantenere i suoi parametri abituali e di conseguenza l’esame è più preciso. A questo proposito, un meccanismo come il ‘watchPAT’ che si basa su un rilevamento della variazione del tono arterioso periferico, riesce a monitorare tutte le reazioni e le alterazioni del paziente. In breve si tratta di un orologio che s’indossa nel corso della notte con l’unico ingombro di un rilevatore che si attacca all’indice. L’esame va ripetuto a distanza di tempo per valutare i comportamenti corretti di igiene del sonno e se eventuali terapie in corso sono efficaci o meno».

LEGGI ANCHE: OSAS, PROFESSOR CALÒ (POLICLINICO CASILINO): «SERVE DIAGNOSI, OCCORRONO STRUMENTI PER SCREENING DI MASSA»

Di questi strumenti innovativi e sofisticati, se n’è parlato approfonditamente nel corso di un meeting dedicato allo studio dei disturbi del sonno che si è svolto a Roma tra il 19 e il 21 ottobre. «Si è trattato del settimo congresso della Società Italiana Medicina del Sonno Odontoiatrica, un’occasione in cui i colleghi di primissimo livello si sono confrontati e hanno portato novità di studio nazionale e internazionale di approccio a patologie legate al sonno. Sono stati presentati casi clinici molto interessanti: comorbidità di patologie, approcci multi-disciplinari ormai imprescindibili per poter affrontare queste disfunzioni. Altri spunti interessanti quelli correlati al dolore orofacciale, alla fibriomialgia e al bruxismo».

Al contrario delle aspettative comuni, l’Osas è una patologia che non colpisce solo gli adulti ma anche i bambini: infatti «iperattivismo, blocco della crescita, pause respiratorie e russamento prolungato durante la notte sono i campanelli d’allarme per capire se il nostro bambino soffre di Apnee Ostruttive del Sonno» sottolinea la Dottoressa Familiari. Quali terapie occorre adottare con bambini che presentano problemi di Osas? «Innanzitutto è consigliabile la terapia ‘miofunzionale’ basata sul funzionamento muscolare guidato – continua – in grado di modificare sia lo sviluppo ortopedico del bambino sia la morfologia dei tessuti molli. Si tratta di esercizi giocosi che i genitori, dopo un’opportuna formazione, possono fare con i figli sfruttando l’occasione per passare del tempo insieme a loro. Questa è un tipo di terapia domiciliare semplice da eseguire con effetti benefici e misurabili nel tempo».

LEGGI ANCHE: OSAS E COLPI DI SONNO: ALLA GUIDA ATTENTI AI “MICROSLEEPS”. ECCO COME IL MEDICO INDIVIDUA I SOGGETTI A RISCHIO


Articoli correlati
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
Roma, i dentisti dell’AIO nelle scuole e nelle piazze italiane
Oggi, 20 marzo, si celebra la Sesta edizione della Giornata Mondiale per la promozione della Salute Orale (World Oral Health Day) in 150 paesi di tutto il mondo. Per l’occasione, i dentisti dell’Associazione AIO (Associazione Italiana Odontoiatri) incontreranno i cittadini nelle scuole, nelle ASL e nelle piazze delle principali città italiane per sensibilizzarli sulla prevenzione e sulle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila