Salute 27 Giugno 2017

Carrie Fisher morta per un’apnea del sonno? Parla lo specialista

Secondo il Coroner di Los Angeles, la principessa Leila di Star Wars sarebbe morta anche per insufficienza respiratoria causata da OSAS. La patologia si conferma un allarme sociale. Braghiroli (Istituto Maugeri): «La diagnosi può salvare»

Immagine articolo

Carrie Fisher morta per un’apnea notturna? L’indimenticabile principessa Leila di Star Wars sarebbe scomparsa a causa di un’insufficienza respiratoria durante il sonno. A riferirlo, a sei mesi dalla morte dell’attrice, il Los Angeles County Department of Medical Examiner che, ad un’analisi più approfondita dell’autopsia, rende noto che il decesso dell’attrice americana sia dipeso da una combinazione di diversi fattori, tra cui la sindrome delle apnee notturne, una arteriosclerosi avanzata e l’uso incontrollato di medicinali.

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è una vera e propria emergenza sociale e a denunciarne la gravità sono gli specialisti pneumologi di tutto il mondo. In Italia a soffrire di Osas sono più di un milione e mezzo di pazienti e di recente l’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri si è riunita in Congresso Nazionale a Bologna proprio per fare il punto della situazione. In questa occasione, Sanità Informazione ha intervistato Alberto Braghiroli, direttore del Centro di Medicina del sonno presso la Fondazione Maugeri.

Quanti sono i pazienti che soffrono di apnee notturne e come individuarne i sintomi?

«Il numero di pazienti affetti da Osas è piuttosto elevato. Oggi circa 2 milioni di persone soffrono di apnee notturne. Negli ultimi anni, la comunità scientifica ha evidenziato il rischio che la sindrome Osas possa aggravare nel paziente patologie preesistenti (soprattutto di tipo cardiovascolare e metabolico) e dunque peggiorarne notevolmente lo stato di salute. Dalle ultime stime effettuate nell’ambito di studi fatti di recente a livello europeo, si riscontra una presenza di difficoltà respiratorie notturne molto alta: almeno il 25% della popolazione maschile e oltre il 15% di quella femminile che hanno avuto, nel corso della vita, episodi di apnee».

La polisonnografia può rappresentare una soluzione diagnostica?

«Sì, la diagnosi è fondamentale. Oggi disponiamo di sistemi portatili che consentono di effettuare diagnosi accurate fatte a domicilio e anche rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale. Dunque senza affrontare il lungo iter diagnostico che in passato i pazienti erano costretti ad affrontare, oggi è tutto molto più pratico e veloce».

Il medico di base rappresenta la prima sentinella per individuare la patologia? In quest’ottica ritiene necessaria una maggiore formazione?

«Sicuramente sì, anche perché i sintomi spesso sono fuorvianti e non sempre risultano correlati al problema del russamento. I sintomi più caratteristici sono stanchezza cronica che si manifesta in sonnolenza diurna e necessità durante la notte di alzarsi più volte per andare in bagno. Inoltre, la sudorazione profusa, sia di notte che di giorno, è un altro segnale».

LEGGI ANCHE: 

DISTURBI DEL SONNO: NEL REGNO UNITO BOOM DI DIAGNOSI

OSAS, PROFESSOR CALÒ (POLICLINICO CASILINO): «SERVE DIAGNOSI, OCCORRONO STRUMENTI PER SCREENING DI MASSA»

Articoli correlati
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone