Salute 13 dicembre 2016

Osas, consapevolezza rischi. Gasparini (Aipo): «Patologia sottovalutata, più diagnosi»

L’impatto sulla società della malattia del sonno diventa sempre più importante. Ai nostri microfoni lo penumologo Stefano Gasparini: «Manca una cultura generale sia per il medico che per il paziente. Occorre sensibilizzare sul problema»

Osas conta quasi 2 milioni di pazienti in Italia. Sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della diagnosi e del trattamento diventa necessità indiscutibile per il bene della comunità e a ribadire il concetto ci pensa Stefano Gasparini, Pneumologo e Professore specializzato in Malattie Respiratorie presso l’Università Politecnica Marche e Presidente Nazionale Aipo (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri).

Le malattie respiratorie del sonno hanno un impatto sociale sempre più importante. Come si affrontano e quale è il livello di consapevolezza dei medici e dei cittadini?

«Osas è un capitolo relativamente nuovo. In realtà la malattia del sonno esisteva anche in passato, basta pensare alla ‘Sindrome di Pickwick’, definita dal nome di un personaggio di Dickens, il cocchiere che si addormentava sulla sua carrozza per la sonnolenza notturna. Di questa sidrome se ne parlava secoli fa, oggi sebbene la patologia sia stata studiata e analizzata comunque ritengo che sia ancora sottovalutata. Purtroppo vi è una grossa parte sommersa di questa patologia, di soggetti che hanno problemi durante il sonno e che non hanno ancora sviluppato sintomi diurni. Questi soggetti a rischio, possono essere causa di infortuni stradali e infortuni sul lavoro. Per sollevare questa parte nascosta dell’iceberg, c’è bisogno di tante azioni, la prima è quella educativa, molti medici, molti specialisti non conoscono queste problematiche. Ci sono pazienti che sono curati per anni per disturbi cardiaci, ad esempio fibrillazione atriale, alla cui base c’è un disturbo respiratorio del sonno che però non viene rilevato. Detto questo arriviamo al punto dell’educazione, nei corsi di medicina e chirurgia si parla un’ora o due ore di queste problematiche e questo è un serio problema. Dobbiamo adeguare anche i programmi educazionali sia del corso di laurea che delle scuole di specializzazione comprendendo che questa è una patologia importante che nei prossimi anni avrà un impatto epidemiologico ancora maggiore e dobbiamo formare operatori sanitari ad affrontare nel migliore dei modi il problema»

La ricerca e la medicina hanno fatto grandi progressi su questo tema, nel campo tecnologico e della diagnosi quali le novità più rilevanti?

«Oggi è possibile diagnosticare queste patologie con semplici monitoraggi che possono essere fatti a domicilio del paziente. La telemedicina può svolgere un ruolo importante, in Italia siamo un po’ indietro purtroppo ma la telemedicina oggi è applicata in tantissime condizioni ad esempio nel monitoraggio della insufficienza respiratorie, nelle bronco bremopatie cronico ostruttive, in tante patologie croniche, potrebbe sicuramente alleggerire i costi e gli aggravi per le strutture sanitarie, però su questo c’è ancora molto da lavorare perché nel nostro paese, tranne alcune sporadiche isole dove queste esperienze vengono sviluppate in maniera più approofndita, manca una cultura generale che consenta di incentivare i  collegamenti telematici tra domicilio e strutture sanitarie»

Articoli correlati
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Asma e BPCO: controlli gratuiti in tutta Italia
Respiro corto, tosse, affaticamento e continui risvegli notturni. Sono questi i disturbi che accomunano l’asma e la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), due importanti malattie respiratorie croniche protagoniste della seconda edizione della “Control’ASMA&BPCOweek”, la campagna di consulenze specialistiche gratuite che dal 21 al 25 maggio 2018 offrirà l’opportunità ai circa 8 milioni di italiani che soffrono […]
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila