Salute 8 Novembre 2021 12:32

Pneumologia, al Congresso AIPO la vittoria della professione nell’era del Covid

Come è cambiato il ruolo dello pneumologo nella battaglia contro il virus. Vaghi (Presidente AIPO): «La pandemia da SARS-CoV-2 ha messo in luce la centralità della salute respiratoria per il Servizio Sanitario Nazionale e per la comunità scientifica». Gasparini (Past President): «Borse di studio per le scuole di specializzazione raddoppiate, gli organi decisionali si sono accorti di noi in ospedale e sul territorio. Fondamentali anche nella gestione del long Covid»

di Federica Bosco

Promuovere la salute respiratoria è stato il tema del 22° congresso organizzato dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri che si è svolto dal 6 all’8 novembre a Milano. Negli spazi fieristici di Mi. Co. si sono dati appuntamento 600 professionisti del settore per confrontarsi su nuove terapie e sugli effetti che il Covid ha avuto ed avrà a lungo termine sulla professione.

«Il Covid è servito a riscoprire la pneumologia – analizza Stefano Gasparini, Past President AIPO –. Infatti, mentre il tampone nasofaringeo ha mostrato una attendibilità intorno al 70 per cento, la broncoscopia con il prelievo diretto di secreto dalle vie aeree è risultata essere una tecnica con una sensibilità maggiore. Questo ha fatto sì che il ruolo degli pneumologi sia diventato essenziale; perciò, oggi le borse di studio per le scuole di specializzazione dell’apparato respiratorio sono più che raddoppiate. Ad esempio, nella clinica universitaria di Ancona, dove lavoro, siamo passati da due borse di studio nell’era pre-Covid, a dieci. Finalmente gli organi decisionali si sono accorti che c’è bisogno di pneumologi sia in ospedale che sul territorio».

Attenzione al Long Covid

Se la pandemia ha dato lustro alla professione, la sfida da vincere nei prossimi mesi riguarda la salute del pianeta e la gestione del cosiddetto Long Covid.

«Il virus può lasciare degli strascichi a chi sopravvive e i problemi possono durare anche mesi – rimarca lo pneumologo -. Si possono verificare alterazioni polmonari e morfologiche con cicatrici che configurano il quadro della fibrosi polmonare, alterazioni funzionali respiratorie, con sintomi di dispnea e apnea, affanno e affaticamento respiratorio. A tutti gli effetti, quindi, il compito dello pneumologo è fondamentale, sia nella fase diagnostica che post malattia».

Un aiuto dal PNRR

«La pandemia da SARS-CoV-2 ha messo in luce la centralità della salute respiratoria per il Servizio Sanitario Nazionale e per la comunità scientifica – ha aggiunto Adriano Vaghi, Presidente del Congresso e Presidente AIPO-ITS. -. Ci ha fatto riflettere sulla interconnessione che esiste tra la nostra salute e quella del pianeta e di tutti i suoi abitanti e ci ha ricordato che stiamo attraversando un momento caratterizzato, non solo dalla minaccia dell’insorgenza di nuovi patogeni, ma da profondi e preoccupanti cambiamenti ambientali dovuti sia alle variazioni climatiche che all’inquinamento atmosferico che devono spingerci alla ricerca di nuove soluzioni. Diventa quindi necessario – ha proseguito – promuovere una rinnovata sinergia tra riorganizzazione dell’erogazione delle cure e prevenzione dei danni, respiratori e non, indotti dall’inquinamento e dai cambiamenti climatici».

Un aiuto potrebbe arrivare dal PNRR e dalle risorse destinate alla sanità con la realizzazione delle reti assistenziali di prossimità, l’implementazione della telemedicina, l’innovazione, la ricerca e la digitalizzazione del servizio sanitario nazionale. «Al riguardo è importante evidenziare come la pneumologia abbia, da sempre, una vocazione speciale allo sviluppo dell’integrazione ospedale-territorio e alla continuità delle cure in cui il paziente possa trovare risposte immediate e facilmente accessibili», ha rimarcato il Presidente del Congresso.

Il ruolo delle aziende

La pandemia ha messo in luce la necessità di incrementare i numeri della pneumologia come ben evidenziato durante l’ultimo congresso AIPO, ma per la tutela dell’ambiente è oltremodo necessaria una cultura della salute respiratoria che deve coinvolgere cittadini e imprese. «Il punto cardine è l’inquinamento – ha sottolineato Giuseppe Insalaco, pneumologo esperto di Apnee ostruttive del sonno e consigliere AIPO – quindi riuscire a dare allo sviluppo industriale un orientamento più sostenibile rispetto a quello attuale. Per farlo utilizzeremo delle materie prime sempre meno tossiche e questa sarà una grande risposta per dare maggiore sicurezza ai soggetti che avranno bisogno di utilizzare dei presidi sanitari».

Un segnale è già arrivato dalle aziende, alcune delle quali hanno deciso di intervenire su alcuni apparecchi di ventilazione sostituendo le parti inquinanti. «Si è evidenziata una criticità in alcuni strumenti utilizzati abitualmente nella ventilazione e nel trattamento delle apnee del sonno e si è visto come alcuni materiali utilizzati fossero suscettibili di facile deterioramento e presentassero una certa tossicità. Perciò il provvedimento adottato è stato di avvertire tutti i pazienti che hanno in uso questo genere di macchine ed iniziare a provvedere, cosa che si sta facendo, a sostituire quelle difettose partendo da coloro che ne fanno un uso quotidiano».

L’impegno di Chiesi

Migliorare l’impatto della salute respiratoria sulla società e sull’ambiente è l’obiettivo di Chiesi, gruppo farmaceutico impegnato nella cura delle patologie dell’apparato respiratorio, come asma e BPCO (Broncopneumopatia cronico ostruttiva) e più grande azienda farmaceutica internazionale certificata B Corp. «Siamo la più grande azienda farmaceutica internazionale certificata B Corp – ha puntualizzato Alessandro Chiesi, Chief Commercial Officer del gruppo farmaceutico a margine del congresso AIPO –. Il nostro primo obiettivo è che il movimento aumenti, perché fare gruppo è una delle caratteristiche delle B Corp necessaria per far fronte ad obiettivi ambiziosi. Essere B Corp significa mettere insieme, in maniera integrale, gli obiettivi finanziari e di business dell’azienda con l’impatto che la stessa può avere sulla società e sull’ambiente. Contiamo di continuare in questa direzione e innovare i prodotti, grazie ad un impegno costante in ricerca e sviluppo dove investiamo oltre il 20 per cento del fatturato l’anno. Allo stesso tempo vogliamo continuare a lavorare per il benessere dei pazienti, delle nostre comunità e del pianeta».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Reumatologia, specialisti e pazienti: «Troppe differenze territoriali per le interstiziopatie polmonari»
Sono complicanze polmonari che possono interessare alcuni pazienti con malattie reumatologiche autoimmuni. In Italia esistono centri d’eccellenza ma anche situazioni di grandi carenze
Giornata mondiale polmonite, il presidente degli pneumologi Vaghi spiega perché quella interstiziale è così pericolosa
«La polmonite interstiziale è la principale causa di ricovero e morte tra i pazienti Covid». Attenzione ai sintomi: «Anche se il tampone è negativo, la polmonite può essere da SARS-CoV-2. Questi pazienti se ricoverati erroneamente in area non Covid contribuiscono alla diffusione nosocomiale del virus»
di Isabella Faggiano
Covid-19, cosa fare dopo l’infezione? Le indicazioni degli pneumologi
Le prime evidenze cliniche indicano che nei mesi successivi all’infezione da SARS-CoV 2 i polmoni possono presentare alterazioni fibrotiche. Secondo alcuni studiosi, almeno il 30% dei pazienti affetti da COVID-19 potrà avere tali alterazioni. In altre parole, il passaggio del SARS-CoV2 può lasciare cicatrici importanti a livello polmonare, cicatrici che possono evolvere provocando una insufficienza […]
Covid-19, lo pneumologo: «Alcuni pazienti non guariscono del tutto»
Corsico (direttore Pneumologia San Matteo Pavia): «Molti ne escono completamente, per fortuna, ma ci può essere chi invece avrà delle alterazioni che non si risolveranno completamente. In autunno rischiamo di mettere in quarantena il milione di persone che contrae la comune influenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...