Salute 3 Novembre 2021 16:55

“Climate anxiety”, quella paura di un pianeta che muore che condiziona le decisioni di vita

Ansia ingestibile e scetticismo verso un miglioramento che non si vede all’orizzonte: cos’è la “climate anxiety”, quella paura della fine del mondo che, secondo un sondaggio Nature, impedisce a tanti scienziati anche di pensare ad avere figli

“Climate anxiety”, quella paura di un pianeta che muore che condiziona le decisioni di vita

Si chiama “climate anxiety”, ansia climatica, e chiunque può esserne vittima. Ci si sente in agitazione, tristi e disperati di fronte a disastri naturali, tragedie inattese che fino a qualche anno fa sembravano impossibili. È un misto di un sentimento di sconfitta e di preoccupazione per la propria “casa”, che subisce mutamenti imprevedibili e volti al peggioramento.

Su Nature l’hanno espressa chiaramente i 233 autori del Rapporto sul Clima pubblicato dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) statunitense ad agosto. Una valutazione che non lascia molto spazio a riflessioni positive: il mondo sta esaurendo il suo tempo per limitare gli impatti più gravi del cambiamento climatico. Al COP26 di Glasgow la verità sarà messa nero su bianco di fronte ai leader mondiali.

Il sondaggio

La rivista ha coinvolto 92 tra gli autori in un sondaggio anonimo su come loro si sentono verso il futuro del pianeta e la “climate anxiety” si è mostrata in tutte le sue sfaccettature. Scetticismo verso i governi e conseguente timore che tutto sia perduto ben presto. Per sei su dieci il mondo si riscalderà di almeno 3 gradi entro la fine del secolo, mentre l’obbiettivo dell’Accordo di Parigi richiederebbe 1,5 massimo 2 gradi.

La metà di loro ha dichiarato di aspettarsi cambiamenti drastici nella propria vita dovuti alla crisi climatica e la stessa percentuale ha ammesso di aver riconsiderato le proprie scelte di vita per questa ragione. Oltre il 60% ammette di provare ansia, disagio e dolore per via delle conseguenze del clima.

Il 41% dei partecipanti ha segnato di aver riconsiderato dove vivere per via del clima, il 21% le proprie scelte nello stile di vita (dieta, viaggi e trasporti) e il 17% la decisione di avere figli. Alcuni di loro hanno scelto di non averne per non rischiare di consegnare loro un mondo destinato a finire.

La Generazione Z

C’è anche qualche segno positivo comunque. Per esempio un 20% degli intervistati si diceva convinto che si sarebbe riusciti a mantenere il surriscaldamento globale entro i 2 gradi e il 4% addirittura entro l’1,5. In molti concordano sull’importanza che ha l’advocacy sul cambiamento climatico, sia verso i leader che verso le persone comuni. Una popolazione estremamente sensibile a queste necessità è quella della Generazione Z, da cui proviene anche l’attivista Greta Thunberg.

I più giovani, che prima della pandemia si riunivano settimanalmente nei Friday for Future, desiderano preservare la loro terra e invitare in qualsiasi modo gli adulti a fare lo stesso. Un messaggio molto incoraggiante, dicono anche gli scienziati dell’IPCC. Sono proprio loro a vivere maggiormente la “climate anxiety”, ma senza farlo in maniera passiva. Combattendo invece i cattivi pensieri con richieste ancora più forti, perché non siano ignorate come non lo sono gli eventi catastrofici che il clima ci costringe a non ignorare. Piogge torrenziali come quella di Catania non sono la normalità e non devono passare come tali. “There is no planet B”, deve essere chiaro.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’allarme dello scienziato: il cambiamento climatico fa ammalare i bambini
Lo scienziato svedese Tobias Alfvén ha parlato chiaro al Festival della Scienza Medicina 2022: le conseguenze dei cambiamenti climatici impatteranno sulle future generazioni rendendole più vulnerabili alle malattie, e lo stanno già facendo
Da dove viene Omicron? Le tre teorie più probabili spiegate bene dal prof. Rasi
Una "fuga invisibile" perché sviluppatasi in un Paese poco monitorato, una serie di mutazioni incubate da un soggetto con patologia cronica oppure un retropassaggio verso una specie animale tra le più pericolose per le malattie: quella di topi e ratti. Come si è sviluppata Omicron con le sue 55 mutazioni, lontanissima da Alpha e Delta che da sola ha contagiato più in due mesi di quanto le prime due abbiano fatto in anni? Lo abbiamo chiesto al prof. Rasi, consigliere di Figliuolo e direttore scientifico di Consulcesi
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
Vaccinare tutto il mondo e farlo velocemente: è davvero possibile?
Le proposte per aumentare la produzione di vaccini: licenza intellettuale sospesa temporaneamente, accordi tra aziende in competizione e formazione
Covid e superfici, c’è troppa confusione. La trasmissione dagli oggetti è “molto rara”
Gli studi sono andati avanti, dimostrando che Sars-CoV-2 si trasmette per via aerea e molto raramente da superfici. Allora perché le agenzie di sanità pubblica non correggono le loro guide? Bisogna concentrarsi sulla depurazione dell'aria non sull'igienizzazione costante
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali