Salute 3 Novembre 2021 11:46

Il miracolo di Catania, nel reparto Maternità del Garibaldi sei bimbi nati durante l’inondazione

La testimonianza del direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia, Giuseppe Ettore

Il miracolo di Catania, nel reparto Maternità del Garibaldi sei bimbi nati durante l’inondazione

È la natura che non si ferma e va avanti, incurante di ciò che accade al di fuori di sé, dello scompiglio, delle umane difficoltà. È la forza della natura a dare una doppia chiave di lettura al “piccolo miracolo” del 26 ottobre, compiutosi all’Ospedale Garibaldi di Catania.

In quelle ore l’intera provincia è sconvolta dal nubifragio che si abbatte senza sosta, allagando strade e palazzi, portando via con sé anche vite umane. Pure l’Ospedale Garibaldi comincia ad allagarsi, compreso il reparto Maternità. Ma anche lì, la natura non può fermarsi, non conosce momenti opportuni o inopportuni per esprimersi: sei donne in travaglio, sei bambini che di lì a qualche ora vedranno la luce, devono nascere.

Decisioni da prendere in pochi minuti, evitare rischi, mettere in sicurezza le partorienti e i loro nascituri, aiutarli a venire al mondo e assisterli, nonostante l’emergenza. Questo è quello che ha fatto, con successo, il team diretto dal dottor Giuseppe Ettore, direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale Garibaldi di Catania: organizzazione, prontezza, capacità di prendere decisioni rapide sotto stress. E alla base, un rodato lavoro di squadra unito a una grande vocazione professionale: questi gli ingredienti che hanno consentito di “portare la barca in porto”. A Sanità Informazione il dottor Giuseppe Ettore ha raccontato i fatti della sera del 26 ottobre.

Il racconto dell’inondazione e il lieto fine

«L’inondazione è iniziata nel pomeriggio, a partire dall’ingresso, cioè dal piano 0, ed ha rapidamente coinvolto i piani sottostanti dal -1 al -3. L’area parto e la neonatologia si trovano al piano -2. Si sono allagate due sale operatorie su tre e due sale travaglio, l’acqua saliva dal pavimento ma scendeva anche dal soffitto del piano superiore – spiega il primario -. Il personale ha quindi spostato in un’area ancora indenne sia le donne che avevano appena partorito, insieme ai loro bambini, sia le donne in travaglio. Si è preferito, dopo una breve consultazione, continuare ad assistere facendo finta di nulla, piuttosto che mettere in un’ambulanza le donne e portarle via: considerando che fuori il nubifragio imperversava, le avremmo sottoposte ad un rischio maggiore».

«Molti sono rimasti oltre il turno, abbiamo quindi potuto contare su un gran numero di personale. Alcuni hanno preso le puerpere per trasportarle ai piani superiori non allagati, usando le scale, caricandole in barella o in braccio, perché gli ascensori erano tutti fuori uso. Stessa cosa per altri pazienti appena operati – sottolinea – che sono stati caricati di peso e portati in zone più sicure. Le donne in travaglio invece sono state tranquillizzate e assistite, anche dagli psicologi del reparto, e non sono mai rimaste sole. Il personale è intervenuto immediatamente armato di stracci, scope e palette, per rimettere tutto in sesto. Alla fine, tra il pomeriggio e la notte, tutte le donne hanno partorito spontaneamente. Siamo riusciti a garantire la presenza dei partner in sala travaglio e in sala parto – aggiunge Ettore – cosa che peraltro abbiamo garantito anche in epoca Covid, noi e pochissimi altri reparti in Italia. La mattina dopo è stato espletato un cesareo programmato nella sala operatoria rimasta indenne».

La gestione delle emergenze nel DNA di ogni medico

«Io credo che noi medici, nell’esercizio della nostra professione, abbiamo insita nel DNA una capacità di gestione delle emergenze – osserva il primario -. L’intervento chirurgico è in sé una situazione di urgenza/emergenza, che contiene gli elementi dell’imponderabilità e ci pone spesso dinanzi alla necessità di prendere la decisione giusta molto velocemente. Fa parte del nostro mestiere, siamo abituati ad attivarci ogni giorno per trovare soluzioni, così come è stato per tutti i colleghi investiti dallo tsunami del Covid nelle sue primissime fasi. Alla base di tutto, è fondamentale che si navighi tutti nella stessa direzione e che ognuno faccia la sua parte: il lavoro di squadra – conclude – non è solo un valore aggiunto, è la chiave per affrontare con successo qualsiasi emergenza in sanità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Indennità e agevolazioni, così Enpam sostiene le mamme in camice bianco
Dalla gravidanza al primo anno di vita del bambino, sussidi previsti anche per le studentesse neomamme iscritte
Report nascite Ministero: continua fenomeno “culle vuote”, alti i ricorsi al cesareo e aumenta Pma
Il report pubblicato dal Ministero della Salute e riferito all'annata 2017 conferma il trend della diminuzione delle nascite. Alla base diversa struttura per età delle donne e minore propensione ad avere figli
Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano
Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza
di Federica Bosco
Fesmed, Giuseppe Ettore riconfermato presidente: «Necessari ricambio di genere e responsabilità verso i giovani»
La relazione del presidente della Federazione sindacale medici dirigenti: «Ecco i quattro obiettivi principali raggiunti in questi tre anni»
Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti
Marco Terranova, l’odontoiatra che ha ideato il progetto insieme a Riccardo Spampinato: «Abbiamo iniziato portando in giro le nostre apparecchiature con la mia station wagon. Adesso abbiamo anche il cardiologo, il fisioterapista, lo psicologo e l’otorinolaringoiatra. Non so se in Italia ci siano altre strutture simili, ma se esistono sono contento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto