Salute 15 Agosto 2022 09:00

Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane

Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»

Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane

Prima ancora dell’inequivocabile pancione, ma anche delle nausee e della ritenzione idrica, talvolta addirittura prima dell’assenza di ciclo mestruale e, quindi, di un test positivo tra le mani: le donne, a volte, lo sanno e basta. Esistono infatti una serie di segni e sensazioni, più che di sintomi veri e propri, ascrivibili ad una gravidanza in corso nelle sue primissime fasi, comuni a molte donne. Quali sono, quanto sono frequenti, e da cosa dipendono, lo abbiamo chiesto al professor Giuseppe Bifulco, direttore dell’UOC di Ginecologia e Ostetricia presso il Policlinico “Federico II” di Napoli.

Professore, per una donna dal momento del test positivo inizia una vera giostra di emozioni e cambiamenti fisici. Ma come ci sente, invece, nei giorni successivi al concepimento?

«Si tratta di una sintomatologia abbastanza complessa da inquadrare. Molte donne, dopo aver avuto la conferma di essere incinte, riferiscono di aver provato nelle primissime settimane di gestazione ancora “inconsapevole” una sensazione di profondo benessere al quale poi è seguito il ritardo mestruale, il test positivo eccetera. Frequente è anche una sintomatologia simile a quella premestruale, che talvolta induce le donne a pensare all’imminente arrivo delle mestruazioni che poi, invece, non arrivano».

Perché questa sovrapposizione di sintomi?

«Questo accade sia perché, a livello ormonale, la donna gravida nelle primissime fasi non differisce molto da quella non gravida, ma anche perché, se pensiamo al lieve fastidio al basso ventre che può contraddistinguere sia l’inizio della gravidanza sia l’inizio delle mestruazione, è indice che a livello uterino qualcosa stia accadendo. In alcuni casi, in corrispondenza dei giorni attesi per il ciclo mestruale, possono aversi delle perdite ematiche, cosiddette perdite da impianto, assolutamente fisiologiche, che possono essere scambiate per l’arrivo della mestruazione».

Quanto varia da donna a donna la sintomatologia iniziale della gravidanza?

«La sintomatologia delle primissime settimane di gravidanza, viene avvertita in maniera spesso direttamente proporzionale alla predisposizione emotiva della donna: c’è la donna che quella gravidanza l’ha cercata disperatamente, c’è la donna che non sospetta di poter essere incinta, c’è la donna che è sopraffatta da altri pensieri o preoccupazioni come la cura di altri figli. È chiaro che la capacità di ascoltare i segnali del proprio corpo è influenzata da molteplici fattori».

Si sente sempre più spesso, sia a causa di un noto format televisivo sia per i recenti tragici fatti di cronaca, di donne che non si accorgono di essere incinte fino a gravidanza inoltrata, addirittura fino al momento del parto. È davvero possibile avere una gravidanza così asintomatica?

«Si tratta di casi in cui la negazione dello status gravidico è talmente forte a livello psicologico per la donna da riuscire a mettere a tacere o ad attribuire ad altre cause qualunque sintomo clinico, dall’amenorrea alla nausee al ventre che continua a crescere. In condizioni psichiche normali è impossibile non accorgersi di una gravidanza in corso, perché la sintomatologia, per quanto variabile da donna a donna, è comunque presente ed inequivocabile anche nei casi in cui è più lieve».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Caldo estremo aumenta il rischio di complicanze in gravidanza
L'esposizione al caldo estremo, eventualità diventata più frequente a causa dei cambiamenti climatici durante la gravidanza è stata collegata a un aumento del rischio di grave morbilità materna, cioè di complicanze durante il travaglio e il parto. I rischi sono maggiori se l'esposizione è avvenuta durante il terzo trimestre di gravidanza. Questo è quanto emerso da uno studio condotto dal Kaiser Permanente Southern California, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open
Creato un modello completo di embrione umano, senza spermatozoi e ovuli
Non sono stati utilizzati né spermatozoi, né ovuli e né utero. Il nuovo modello di embrione sviluppato da un gruppo di ricercatori del Weizmann Institute, in Israele, è stato generato con cellule staminali. Nonostante questo è quasi identico a  un embrione umano vero di 14 giorni, in grado addirittura di rilasciare ormoni da far risultare positivo un test di gravidanza in laboratorio. Non mancano i quesiti etici
«Colpi di calore, a rischio donne in gravidanza e menopausa». I consigli del ginecologo
«Donne in gravidanza e in menopausa attenzione ai colpi di calore in agguato». A mettere in guardia,  invitando a proteggersi in queste giornate roventi, è Claudio Giorlandino, ginecologo, direttore scientifico dell'Istituto di Ricerche Altamedica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...