Salute 23 Settembre 2020

Report nascite Ministero: continua fenomeno “culle vuote”, alti i ricorsi al cesareo e aumenta Pma

Il report pubblicato dal Ministero della Salute e riferito all’annata 2017 conferma il trend della diminuzione delle nascite. Alla base diversa struttura per età delle donne e minore propensione ad avere figli

Report nascite Ministero: continua fenomeno “culle vuote”, alti i ricorsi al cesareo e aumenta Pma

Continuano a calare le nascite nell’Italia “paese anziano” per eccellenza. Lo certifica il nuovo “Rapporto annuale sull’evento nascita“, pubblicato dal Ministero della Salute e basato sui dati rilevati per il 2017 dal CeDap (Certificato di assistenza al parto). Sono 451 i punti nascita coperti, per una valutazione che rispetta gli standard di correttezza e completezza.

La diminuzione delle nascite prosegue in tutte le aree del Paese, questo il primo dato su cui soffermarsi. Nel 2017 sono nati 461.284 bambini, contro i 474.925 dell’anno precedente. Alla base motivazioni di cui da anni si discute tra gli esperti. La diversa struttura per età della popolazione femminile e la minore propensione alla maternità. Finora erano le donne straniere a compensare il vuoto, ma ultimamente si nota una diminuzione anche in quella componente.

LEGGI IL REPORT NASCITE

IL 21% DEI PARTI È DI  DONNE STRANIERE. TRENTO E BOLZANO IN CIMA PER FECONDITÀ

Nel 2017, il 21% dei parti è relativo a donne di cittadinanza non italiana. Nelle regioni di Centro-Nord raggiunge anche il 25%, in Emilia Romagna e Lombardia il 31%. Tra le aree geografiche più rappresentate: l’Africa (27,7%) e l’Unione Europea (24,4%). Per le italiane l’età media delle madri è di 32,9 anni, scende a 30,4 per le straniere. Nel 2017, il 43,7% delle partorienti italiane aveva una scolarità medio alta, il 28,4% una laurea e il 27,8% medio bassa. Contro il 45,6% delle straniere con scolarità medio bassa. Il 54,7% delle madri lavora, il 29% è casalinga e il 14,3% disoccupata o in cerca di prima occupazione.

Il tasso di natalità varia da 6,1 nati per mille in Liguria e Sardegna a 10,2 nella Provincia Autonoma di Bolzano rispetto a una media nazionale del 7,6 per mille. Le Regioni del Centro presentano tutte, tranne il Lazio, un tasso di natalità con valori inferiori alla media nazionale. Nelle Regioni del Sud, i tassi di natalità più elevati sono quelli di Campania, Calabria e Sicilia che presentano valori superiori alla media nazionale. Anche la fecondità mantiene l’andamento decrescente degli anni precedenti: nel 2017 il numero medio di figli per donna scende a 1,34 (rispetto a 1,46 del 2010). I dati per il 2017 danno livelli più elevati di fecondità al Nord nelle Province Autonome di Trento e Bolzano, in Friuli Venezia Giulia e nel Mezzogiorno in Campania e Sicilia. Le regioni in assoluto meno prolifiche sono invece Sardegna, Basilicata e Molise.

PARTO CESAREO E PMA

L’1% dei nati ha un peso inferiore a 1.500 grammi e il 6,4% tra 1.500 e 2.500 grammi. Sono stati 1.317 i nati morti, per un tasso di 2,86 ogni 1000 nati. Mentre 5.226 i casi di malformazioni diagnostiche alla nascita. Rispettivamente l’indicazione della diagnosi è del 36,3% dei nati morti e nell’89% dei nati con malformazioni.

Il Report conferma anche un eccessivo ricorso al parto cesareo, con una media del 32,8% e notevoli differenze regionali. Scelta più frequente per le madri italiane rispetto a quelle staniere, 34,3% contro 27,6%. Si è invece ricorsi a tecniche di procreazione assistita (Pma) per 2,12 gravidanze su 100. La fecondazione in vitro è stata la tecnica più utilizzata, con successivo trasferimento di embrioni nell’utero.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano
Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza
di Federica Bosco
Specialisti ambulatoriali, intesa su Acn 2016-2019. Magi (SUMAI): «Superate problematiche della medicina veterinaria»
Intesa raggiunta in merito al rinnovo dell’Acn 2016-2019. Proposto il riconoscimento delle tutele della maternità, l’applicazione completa della legge 104, non solo per i famigliari a carico ma anche per il singolo specialista
Legge di Bilancio. Al lavoro fino al nono mese di gravidanza? Il sì dei ginecologi extra ospedalieri
La presidente Ageo: «Nulla in contrario se la donna è in buona salute, ma due condizioni sono importanti: gravidanza fisiologica e professione adatta al suo stato»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli