Salute 23 Settembre 2020 10:46

Report nascite Ministero: continua fenomeno “culle vuote”, alti i ricorsi al cesareo e aumenta Pma

Il report pubblicato dal Ministero della Salute e riferito all’annata 2017 conferma il trend della diminuzione delle nascite. Alla base diversa struttura per età delle donne e minore propensione ad avere figli

Report nascite Ministero: continua fenomeno “culle vuote”, alti i ricorsi al cesareo e aumenta Pma

Continuano a calare le nascite nell’Italia “paese anziano” per eccellenza. Lo certifica il nuovo “Rapporto annuale sull’evento nascita“, pubblicato dal Ministero della Salute e basato sui dati rilevati per il 2017 dal CeDap (Certificato di assistenza al parto). Sono 451 i punti nascita coperti, per una valutazione che rispetta gli standard di correttezza e completezza.

La diminuzione delle nascite prosegue in tutte le aree del Paese, questo il primo dato su cui soffermarsi. Nel 2017 sono nati 461.284 bambini, contro i 474.925 dell’anno precedente. Alla base motivazioni di cui da anni si discute tra gli esperti. La diversa struttura per età della popolazione femminile e la minore propensione alla maternità. Finora erano le donne straniere a compensare il vuoto, ma ultimamente si nota una diminuzione anche in quella componente.

LEGGI IL REPORT NASCITE

IL 21% DEI PARTI È DI  DONNE STRANIERE. TRENTO E BOLZANO IN CIMA PER FECONDITÀ

Nel 2017, il 21% dei parti è relativo a donne di cittadinanza non italiana. Nelle regioni di Centro-Nord raggiunge anche il 25%, in Emilia Romagna e Lombardia il 31%. Tra le aree geografiche più rappresentate: l’Africa (27,7%) e l’Unione Europea (24,4%). Per le italiane l’età media delle madri è di 32,9 anni, scende a 30,4 per le straniere. Nel 2017, il 43,7% delle partorienti italiane aveva una scolarità medio alta, il 28,4% una laurea e il 27,8% medio bassa. Contro il 45,6% delle straniere con scolarità medio bassa. Il 54,7% delle madri lavora, il 29% è casalinga e il 14,3% disoccupata o in cerca di prima occupazione.

Il tasso di natalità varia da 6,1 nati per mille in Liguria e Sardegna a 10,2 nella Provincia Autonoma di Bolzano rispetto a una media nazionale del 7,6 per mille. Le Regioni del Centro presentano tutte, tranne il Lazio, un tasso di natalità con valori inferiori alla media nazionale. Nelle Regioni del Sud, i tassi di natalità più elevati sono quelli di Campania, Calabria e Sicilia che presentano valori superiori alla media nazionale. Anche la fecondità mantiene l’andamento decrescente degli anni precedenti: nel 2017 il numero medio di figli per donna scende a 1,34 (rispetto a 1,46 del 2010). I dati per il 2017 danno livelli più elevati di fecondità al Nord nelle Province Autonome di Trento e Bolzano, in Friuli Venezia Giulia e nel Mezzogiorno in Campania e Sicilia. Le regioni in assoluto meno prolifiche sono invece Sardegna, Basilicata e Molise.

PARTO CESAREO E PMA

L’1% dei nati ha un peso inferiore a 1.500 grammi e il 6,4% tra 1.500 e 2.500 grammi. Sono stati 1.317 i nati morti, per un tasso di 2,86 ogni 1000 nati. Mentre 5.226 i casi di malformazioni diagnostiche alla nascita. Rispettivamente l’indicazione della diagnosi è del 36,3% dei nati morti e nell’89% dei nati con malformazioni.

Il Report conferma anche un eccessivo ricorso al parto cesareo, con una media del 32,8% e notevoli differenze regionali. Scelta più frequente per le madri italiane rispetto a quelle staniere, 34,3% contro 27,6%. Si è invece ricorsi a tecniche di procreazione assistita (Pma) per 2,12 gravidanze su 100. La fecondazione in vitro è stata la tecnica più utilizzata, con successivo trasferimento di embrioni nell’utero.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Indennità e agevolazioni, così Enpam sostiene le mamme in camice bianco
Dalla gravidanza al primo anno di vita del bambino, sussidi previsti anche per le studentesse neomamme iscritte
Il miracolo di Catania, nel reparto Maternità del Garibaldi sei bimbi nati durante l’inondazione
La testimonianza del direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia, Giuseppe Ettore
Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano
Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza
di Federica Bosco
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Specialisti ambulatoriali, intesa su Acn 2016-2019. Magi (SUMAI): «Superate problematiche della medicina veterinaria»
Intesa raggiunta in merito al rinnovo dell’Acn 2016-2019. Proposto il riconoscimento delle tutele della maternità, l’applicazione completa della legge 104, non solo per i famigliari a carico ma anche per il singolo specialista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto