Salute 21 Febbraio 2020

Cesareo vs parto naturale, libera scelta o decisione del medico? Il caso della Gran Bretagna raccontato dalla giornalista Clare Wilson

La Wilson sostiene con convinzione la libertà di scelta delle mamme, ed il “maternity scandal” che si è verificato nel Regno Unito sta cambiando l’approccio degli inglesi al tema delle nascite. In Italia, in assenza di una appropriata indicazione clinica, il medico ha il diritto di rifiutare una richiesta di taglio cesareo programmato

Immagine articolo

Gli ultimi dati in Italia indicano un trend in calo: nel 2018 i parti con taglio cesareo sono stati il 33,16%, mentre dieci anni fa erano il 47,78%. Tuttavia resta aperta una delle questioni di cui si dibatte da decenni: continuare con la politica di riduzione dei cesarei o consentire alle donne di poter scegliere come mettere al mondo i loro bambini? Della questione, che ha risvolti non solo medici ma anche filosofici e politici, abbiamo parlato con Clare Wilson, giornalista britannica del New Scientist, da anni in prima linea per difendere il diritto delle donne “di scegliere”.

«Negli anni ’70 e ’80 abbiamo vissuto una fase di eccessiva medicalizzazione del parto: la reazione di oggi è che molte mamme inseguono il parto naturale. È un contraccolpo», spiega la Wilson, che nel 2016 aveva polemizzato apertamente con le indicazioni contenute nella National Maternity Review, una dichiarazione programmatica sulle politiche di assistenza al parto e alla maternità del governo inglese in cui si sottolineava la necessità di ridurre la medicalizzazione del parto, incentivare esperienze non ospedaliere come le nascite in casa o in strutture alternative, puntare sull’assistenza delle ostetriche più che su quella dei medici. «In Gran Bretagna i parti in casa sono il 2-3% del totale. C’è un grave problema di sicurezza per la salute del bambino e della madre. È una scelta personale ma è un grande rischio», spiega Wilson.

LEGGI ANCHE: VIOLENZA CONTRO LE DONNE E VIOLENZA OSTETRICA: IL RISPETTO PER LA DONNA (E IL NASCITURO) COMINCI DALLA SALA PARTO  

Il tema è tornato di attualità anche per uno scandalo che ha scosso la Gran Bretagna: quello dell’ospedale di Shrewsbury and Telford Hospital Trust, non lontano dalla frontiera con il Galles, dove, come riportato da molto giornali tra cui The Indipendent, il nosocomio avrebbe pagato oltre 50 milioni di sterline come risarcimento ai parenti di bimbi nati morti o con gravi disabilità. In tutto 80 famiglie che hanno denunciato vari errori tra cui ritardi nei trattamenti, mancate risposte all’anormale aumento del battito cardiaco del feto e casi nei quali non sono state riconosciute le complicanze: si tratterebbe di 42 bambini e tre mamme decedute e più di 50 bimbi che hanno subito danni neuronali. Ma i casi attenzionati sarebbero oltre 900 a partire dagli anni ’70. Un vero e proprio “maternity scandal” che ha messo nell’occhio del ciclone l’NHS e che sta cambiando l’approccio del Regno Unito al tema delle nascite.

«Nel Regno Unito c’è stata a lungo una concezione paternalistica del parto, dovuta non solo alle ostetriche – continua la Wilson -. Il concetto era: “Tu fai quello che dico io perché è giusto così”. Noi chiamiamo questo “paternalismo medico”. La reazione è andata così lontana che ora le donne stanno rifiutando anche i necessari interventi medici».

Oggi i sudditi di Sua Maestà vedono un ruolo preponderante delle ostetriche nel parto: «In molti ospedali britannici le ostetriche sono responsabili delle cure che le donne ricevono. Se tu sei sana e non particolarmente in là con l’età potresti non vedere mai un ginecologo, se tutto va bene. Negli Usa è diverso: ogni donna si aspetta di essere sotto la supervisione di un ginecologo», spiega la giornalista.

Clare Wilson non è l’unica giornalista anglosassone a mettere in evidenza le difficoltà e i pericoli che il parto naturale può rappresentare per alcune donne. Nel 2018 Natasha Pearlman, all’epoca direttrice di Elle UK, ha raccontato la sua esperienza personale, il suo travaglio lungo 33 ore e le conseguenze fisiche che il parto naturale aveva prodotto sul suo corpo. Anche lei forse vittima dell’ideologia del “parto naturale a tutti i costi” che oggi però, dopo gli scandali dello Shrewsbury and Telford Hospital, sembra messa in discussione.

La Wilson sostiene con convinzione la libertà di scelta: far scegliere alle donne la modalità di parto che preferiscono. «Vent’anni fa ci fu un sondaggio tra le ginecologhe londinesi: un terzo di loro aveva scelto il parto cesareo. Ciò significa che era una scelta ragionevole anche dal punto di vista medico. La verità è che non c’è una scelta giusta o sbagliata: è una scelta individuale personale. Io dico semplicemente che se scelgo una modalità di parto devo poterla portare avanti».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA OSTETRICA E GINECOLOGICA, BELLI: «ECCO PERCHÉ IN ITALIA NON C’È UNA SICURA ED EFFICIENTE GOVERNANCE DEL PARTO»

La libertà di scelta è un tema molto dibattuto in tutto il mondo: negli Stati Uniti, in base alle raccomandazioni dell’American College of Obstetricians and Gynecologists, le donne possono richiedere l’effettuazione del taglio cesareo da farsi dopo la 39° settimana. Diverso il caso dell’Italia, dove secondo le linee guida sul taglio cesareo dell’Istituto Superiore di Sanità, in assenza di una appropriata indicazione clinica, il medico ha il diritto di rifiutare una richiesta di taglio cesareo programmato. Posizione però che non trova concordi tutti gli specialisti, come il professor Pierfrancesco Belli, membro del Comitato di Indirizzo e Controllo dell’agenzia Regionale di Sanità Toscana, secondo cui invece le indicazioni ISS «non hanno nessun fondamento giuridico perché nessuna legge dello Stato lo vieta». Inoltre, secondo Belli «se la paziente si fa refertare dal suo ginecologo curante, dal suo medico di famiglia o da un psicologo che per motivi psicologici è necessario per la salute psico-fisica della donna fare un taglio cesareo, il medico non si può rifiutare per legge».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
FNOPO incontra Speranza: «Implementare modelli di ostetrica di famiglia e di comunità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica: «L'obiettivo è migliorare la presa in carico delle donne sul territorio e in ospedale»
Alimentazione del bambino: ecco come prevenire gli squilibri del microbioma intestinale e del sistema immunitario
Dal CEINGE di Napoli in collaborazione con l’Università di Milano e l’Humanitas, lo studio sull’alimento che difende i bambini da infezioni ed allergie attraverso una positiva modulazione del microbioma intestinale e del sistema immunitario
Oltre 200 parti all’ospedale di Lodi nell’era Covid. Con “pronto mamma” e “Home visiting” percorso nascite in sicurezza
Giacchero (responsabile dipartimento materno infantile): «Pronto soccorso in ostetricia con tampone naso faringeo per le mamme, allattamento ed esami di screening a domicilio dopo il parto. Modello per la sanità del futuro»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)