Salute 21 Agosto 2020 09:10

Un programma per combattere l’obesità infantile, che colpisce un bambino su dieci

Il professor Bernardo, direttore della Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano: «I primi mille giorni di vita fondamentali per prevenire gravi problemi in età adulta e ridurre costi del Sistema Sanitario Nazionale»

di Federica Bosco

Due bambini su dieci in Italia sono in sovrappeso e uno su dieci è obeso. Gravi le conseguenze che rischiano: condizioni di pre-diabete, sindrome metabolica, arteriosclerosi per alti livelli di trigliceridi e colesterolo nel sangue, fegato ingrossato con danno epatico, livelli di pressione sopra la norma, problemi respiratori, gastrointestinali, ortopedici e danni psicosociali. Per mettere un freno a questo fenomeno evidenziato dalla Società italiana di pediatria, in collaborazione con la Società italiana di endocrinologia e diabetologia, la Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano diretta dal professor Luca Bernardo ha messo a punto un programma di contrasto al sovrappeso e all’obesità infantile.

SOVRAPPESO E OBESITÀ INFANTILE, UN PROGRAMMA PER EDUCARE I BAMBINI AD UNA SANA ALIMENTAZIONE

«Nel nostro centro di nutrizione per la prevenzione delle malattie dell’adulto abbiamo inserito questo nuovo programma dove i ragazzi vengono seguiti a 360 gradi – spiega il professor Bernardo – sia da un punto di vista medico, con un’attività clinica, psicologica, alimentare, nutrizionale, e ovviamente anche fisico, con un programma quotidiano di sport. Il percorso non sarà breve, ma fondamentale per il resto della vita dei ragazzi, e permetterà di ridurre anche i costi del Sistema Sanitario Nazionale. Questo è il messaggio che, come Casa Pediatrica, vogliamo trasmettere per fronteggiare un fenomeno che purtroppo ha un’elevata prevalenza e persistenza nel mondo occidentale».

Secondo i dati dell’UNESCO,  il 50% dei bambini e degli adolescenti obesi lo sarà anche in età adulta, in particolare nel sud dell’Europa (Italia, Spagna, Grecia e Malta), dove l’ultimo rapporto COSI di OMS/Regione Europea ha evidenziato una maggiore percentuale di obesità grave. I Paesi in cui il problema è meno evidente risultano essere Olanda, Norvegia, Danimarca e Svizzera.

UN DECALOGO ANTI-OBESITÀ PER I PRIMI MILLE GIORNI DI VITA

Alla base del lavoro del team di professionisti di Casa Pediatrica, coordinato dalla nutrizionista Lisa Mariotti con il supporto di psicologi, fisiatri e fisioterapisti, dieci regole da seguire nei primi mille giorni di vita del bambino.

«L’indicazione che diamo è fare prevenzione – sottolinea la dottoressa Lisa Mariotti –. Il decalogo anti-obesità spiega come si può controllare il peso dal momento del concepimento, durante tutti i nove mesi di gestazione fino alla nascita, per proseguire poi con lo svezzamento e i primi anni di vita. Un’educazione alimentare, ma non solo: infatti durante il percorso diamo consigli in molti ambiti, dall’uso corretto dello smartphone alle ore di sonno da fare, da un sano stile di vita all’attività fisica quotidiana necessaria, perché si possa prevenire e trattare l’eccesso ponderale e i rischi ad esso correlati».

UN RICOVERO DI TRE GIORNI CON PASTO ASSISTITO

I ragazzi che vengono presi in carico dal centro anti-obesità infantile di Casa Pediatrica hanno un indice di massa corporea BMI superiore al 95 percentile, quindi sono inquadrati come una prima condizione di obesità. «Questi bambini entrano in un percorso che prevede un ricovero di tre giorni – racconta la dottoressa Mariotti – in cui viene fatto un inquadramento clinico, medico endocrino e metabolico. Seguono quindi un percorso di educazione alimentare e nutrizionale con pasti adeguati al fabbisogno dei bambini, che non sono adulti in miniatura, ma organismi in crescita: quindi non si dovranno mai fare delle restrizioni eccessive, ma è necessario strutturare un piano alimentare normo-calorico bilanciato per la loro età e fase di crescita».

«Ogni giorno viene fatto il cosiddetto pasto assistito – prosegue la nutrizionista che coordina l’attività del progetto -, ovvero la spiegazione di quali sono i nutrienti e i componenti alimentari e come devono essere strutturati e bilanciati i pasti, dalla colazione ai due spuntini fino al pranzo e alla cena. In questo percorso è fondamentale l’affiancamento della psicologa e psicoterapeuta che consiglia, incoraggia e supporta i pazienti, mentre fisiatra e fisioterapista studiano programmi di allenamento per i bambini che vengono seguiti in struttura e poi a casa».

Articoli correlati
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
Obesità: BMI sbaglia metà diagnosi. Esperti SIE: «Urgente rivedere linee guida»
Considerato da decenni fattore determinante per stabilire se una persona è entro i limiti del peso normale od obesa, il BMI non sarà più usato dai medici statunitensi come unico criterio perché responsabile di enormi errori. Posizione condivisa dagli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) che propongono di rivedere le attuali linee guida italiane sull’obesità
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nativi digitali apprendono come i dislessici. Logopedista: “Non si torna indietro, fondamentale educare all’uso nelle scuole”

I nativi digitali crescono con un sistema nervoso diverso e una diversa visione della vita in confronto alle generazioni precedenti, molti simili a quello delle persone con dislessia. La scuola, tutta...
Salute

Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano

Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste ...
Ambiente

Inquinamento: la Corte Europea dei diritti dell’Uomo condanna l’Italia

Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: “Sentenza storica: da Europa diritto a vivere in un ambiente salubre anche senza danno alla salute. Forti analogie con la nostra azione collettiva Ari...