Salute 5 Agosto 2020 11:50

«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada

Le diete da sole non funzionano. Ximena Ramos-Salas dell’Obesity Canada invita i medici a non ridurre l’obesità a una questione di peso, favorendo invece l’approccio olistico

«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada

La definizione di “obeso” non dovrebbe essere stabilita dal peso, ma dallo stato di salute. A inaugurare questo nuovo modo di pensare la malattia è una guida clinica canadese pubblicata sul Canadian Medical Association Journal. All’interno si trovano consigli innovativi rivolti ai medici che si trovano di fronte un paziente con eccesso ponderale. Prima di tutto: andare oltre la prescrizione di dieta ed esercizio fisico, focalizzandosi invece sulle cause profonde del peso in aumento. Indagando, quindi, le ragioni psicologiche e pensando l’obesità con un approccio olistico.

Queste nuove regole vorrebbero puntare a sconfiggere lo stigma che vede le persone obese colpevolizzate per la propria condizione dal proprio medico e dall’intera società. Una narrativa, ha spiegato alla Bbc Ximena Ramos-Salas, che è tra le autrici della guida, che «alimenta le accuse di comportamento irresponsabile e mancanza di forza di volontà», trasmettendo a chi soffre di obesità un senso di vergogna che crea ulteriori danni e, spesso, veri e propri momenti di discriminazione tra medico e paziente.

LE BIAS SULL’OBESITÀ E IL PESO

Ramos-Salas è anche la direttrice del dipartimento “Ricerca e policy” dell’Obesity Canada e ha voluto che questa guida arrivasse ai medici di famiglia, per aiutarli nella corretta diagnosi e trattamento dell’obesità. «Queste bias sul peso non si fermano solo a una falsa percezione dell’obesità – ha spiegato – ma producono anche un cambio di comportamento negli operatori sanitari».

In Canada il tasso di obesità è triplicato negli ultimi 30 anni: secondo le statistiche, un canadese su quattro è obeso. In Italia, secondo i dati riferiti dagli intervistati PASSI dell’Iss, quattro adulti su 10 sono in eccesso ponderale: tre in sovrappeso e uno obeso. Le linee guida in Canada sono le stesse dal 2006, riferisce lo studio.

Quelle ora diffuse dall’Obesity Canada non cambiano del tutto le regole. Indice di massa corporea e circonferenza della vita sono ancora elementi consigliati per calcolare l’obesità. Tuttavia, all’interno se ne fanno presenti chiaramente i limiti e si invitano i medici a concentrarsi su quanto e come il peso influisce sulla salute di una persona.

COSA CONSIGLIARE DAVVERO AL PAZIENTE OBESO?

Riduzioni di peso che vanno dal 3% al 5%, quindi piccole, possono comunque portare importanti miglioramenti nella salute di un paziente. Inoltre, il «peso migliore» può spesso non coincidere con il «peso ideale» imposto dalle regole troppo rigide. L’obesità è una malattia cronica e ha bisogno di gestione permanente.

«Per tanto tempo abbiamo associato l’obesità a uno stile di vita – continua l’esperta – invece queste persone hanno bisogno dello stesso sostegno di tutte le altre che convivono con una patologia cronica». I nuovi consigli spostano le prescrizioni dei medici oltre la dieta e l’esercizio fisico, verso la terapia psicologica, i farmaci e il bypass gastrico.

«Chiunque, indipendentemente dalle dimensioni del suo corpo, può trarre beneficio da uno stile di vita sano ed equilibrato, corredato da attività fisica», spiega ancora la dottoressa. Ma in condizione di obesità, il cervello compenserà gli effetti di questo nuovo comportamento sentendosi più affamato e costringendo il soggetto a mangiare di più.

Chi perde peso seguendo una dieta spesso lo riacquista: «Le diete da sole non funzionano», ribadisce Ramos-Salas. Il consiglio finale per i camici bianchi è quello di chiedere sempre il permesso al paziente prima di discutere del suo peso. Costruire quindi un rapporto di fiducia e discutere con loro dei problemi di salute senza spostare subito il discorso sul numero di calorie ingerite.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti
Aumenta le endorfine e abbassa il cortisolo. Ma le aspettative troppo alte e una mancata predisposizione potrebbero vanificare i vantaggi
Diabete e obesità in aumento, colpa dell’inquinamento e del Covid
Presentato a Milano il programma Cities Changing Diabetes action plan 2022-2025 per invertire la curva di crescita della malattia e porre la salute dei cittadini al centro dello sviluppo urbano
È record di bambini obesi in Italia. Le strategie per vincere i disturbi legati al cibo
Educazione alimentare e mense a km 0 nelle scuole, la proposta di Coldirette piace ai pediatri. Appello di SIMPEF E SIPPS perché genitori e insegnanti siano alleati nella divulgazione dei corretti stili di vita con cibo sano e attività fisica all’aria aperta
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Aderenza alla terapia, FederAnziani: «4 anziani su 10 non assumono regolarmente i farmaci prescritti»
1 anziano su 3 ammette di dimenticarne spesso l’assunzione. I dati diffusi alla vigilia della Giornata Nazionale per l’Aderenza alle Terapie. Selvi: «Aderenza è battaglia che non si può perdere: promuovere strumenti e interventi per migliorarla»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi