Salute 5 Agosto 2020 11:50

«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada

Le diete da sole non funzionano. Ximena Ramos-Salas dell’Obesity Canada invita i medici a non ridurre l’obesità a una questione di peso, favorendo invece l’approccio olistico

«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada

La definizione di “obeso” non dovrebbe essere stabilita dal peso, ma dallo stato di salute. A inaugurare questo nuovo modo di pensare la malattia è una guida clinica canadese pubblicata sul Canadian Medical Association Journal. All’interno si trovano consigli innovativi rivolti ai medici che si trovano di fronte un paziente con eccesso ponderale. Prima di tutto: andare oltre la prescrizione di dieta ed esercizio fisico, focalizzandosi invece sulle cause profonde del peso in aumento. Indagando, quindi, le ragioni psicologiche e pensando l’obesità con un approccio olistico.

Queste nuove regole vorrebbero puntare a sconfiggere lo stigma che vede le persone obese colpevolizzate per la propria condizione dal proprio medico e dall’intera società. Una narrativa, ha spiegato alla Bbc Ximena Ramos-Salas, che è tra le autrici della guida, che «alimenta le accuse di comportamento irresponsabile e mancanza di forza di volontà», trasmettendo a chi soffre di obesità un senso di vergogna che crea ulteriori danni e, spesso, veri e propri momenti di discriminazione tra medico e paziente.

LE BIAS SULL’OBESITÀ E IL PESO

Ramos-Salas è anche la direttrice del dipartimento “Ricerca e policy” dell’Obesity Canada e ha voluto che questa guida arrivasse ai medici di famiglia, per aiutarli nella corretta diagnosi e trattamento dell’obesità. «Queste bias sul peso non si fermano solo a una falsa percezione dell’obesità – ha spiegato – ma producono anche un cambio di comportamento negli operatori sanitari».

In Canada il tasso di obesità è triplicato negli ultimi 30 anni: secondo le statistiche, un canadese su quattro è obeso. In Italia, secondo i dati riferiti dagli intervistati PASSI dell’Iss, quattro adulti su 10 sono in eccesso ponderale: tre in sovrappeso e uno obeso. Le linee guida in Canada sono le stesse dal 2006, riferisce lo studio.

Quelle ora diffuse dall’Obesity Canada non cambiano del tutto le regole. Indice di massa corporea e circonferenza della vita sono ancora elementi consigliati per calcolare l’obesità. Tuttavia, all’interno se ne fanno presenti chiaramente i limiti e si invitano i medici a concentrarsi su quanto e come il peso influisce sulla salute di una persona.

COSA CONSIGLIARE DAVVERO AL PAZIENTE OBESO?

Riduzioni di peso che vanno dal 3% al 5%, quindi piccole, possono comunque portare importanti miglioramenti nella salute di un paziente. Inoltre, il «peso migliore» può spesso non coincidere con il «peso ideale» imposto dalle regole troppo rigide. L’obesità è una malattia cronica e ha bisogno di gestione permanente.

«Per tanto tempo abbiamo associato l’obesità a uno stile di vita – continua l’esperta – invece queste persone hanno bisogno dello stesso sostegno di tutte le altre che convivono con una patologia cronica». I nuovi consigli spostano le prescrizioni dei medici oltre la dieta e l’esercizio fisico, verso la terapia psicologica, i farmaci e il bypass gastrico.

«Chiunque, indipendentemente dalle dimensioni del suo corpo, può trarre beneficio da uno stile di vita sano ed equilibrato, corredato da attività fisica», spiega ancora la dottoressa. Ma in condizione di obesità, il cervello compenserà gli effetti di questo nuovo comportamento sentendosi più affamato e costringendo il soggetto a mangiare di più.

Chi perde peso seguendo una dieta spesso lo riacquista: «Le diete da sole non funzionano», ribadisce Ramos-Salas. Il consiglio finale per i camici bianchi è quello di chiedere sempre il permesso al paziente prima di discutere del suo peso. Costruire quindi un rapporto di fiducia e discutere con loro dei problemi di salute senza spostare subito il discorso sul numero di calorie ingerite.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
Obesità: BMI sbaglia metà diagnosi. Esperti SIE: «Urgente rivedere linee guida»
Considerato da decenni fattore determinante per stabilire se una persona è entro i limiti del peso normale od obesa, il BMI non sarà più usato dai medici statunitensi come unico criterio perché responsabile di enormi errori. Posizione condivisa dagli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) che propongono di rivedere le attuali linee guida italiane sull’obesità
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.