Salute 4 Marzo 2020

World obesity day 2020: uniti per una svolta all’obesità

«L’obesità è un problema di salute pubblica e di spesa per i sistemi sanitari nazionali. È fondamentale un’attenzione specifica sul tema da parte dei decisori politici, affinché considerino l’obesità in tutta la sua gravità» spiega Roberto Pella, Presidente Intergruppo Parlamentare Obesità e Diabete

Discriminazione, isolamento, atti di bullismo: queste sono solo alcune delle situazioni con cui una persona con obesità è costretta a convivere e da cui non può sfuggire essendo l’obesità la malattia più visibile fra tutte. Lo stigma basato sul peso, ovvero la disapprovazione sociale che si traduce in atteggiamenti negativi espressi sotto forma di stereotipi, pregiudizi e discriminazione verso alcuni individui a causa del loro peso, rappresenta un problema sociale molto diffuso e in aumento. La Giornata Mondiale dell’Obesità di quest’anno, promossa dalla World Obesity Federation, si celebra oggi e vede concentrati gli sforzi di diverse organizzazioni nazionali e regionali unite perché “Insieme, possiamo cambiare la narrativa sull’obesità”.

Quest’anno, progetti di sensibilizzazione già esistenti e di grande impatto tra cui la Giornata europea dell’obesità e la Giornata mondiale dell’obesità hanno deciso di far fronte comune e realizzare iniziative e attività nella stessa data e in sinergia per ispirare, impegnarsi e informare su quella che è ormai, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’epidemia non infettiva di più vaste proporzioni del terzo millennio. In Italia la Nuova Giornata è promossa dalla Società Italiana dell’Obesità (SIO) e dall’Italian Obesity Network (IO-NET) in partnership con Open-Obesity Policy Engagement Network (OPEN) e Amici Obesi Onlus, in collaborazione con Changing ObesityTM e con il patrocinio del Ministero della Salute e dall’Intergruppo parlamentare Obesità e Diabete.

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità l’obesità e il sovrappeso interessano 2,3 miliardi di persone nel mondo e l’obesità da sola 650 milioni di persone con un costo complessivo pari a circa duemila miliardi di dollari – impatto economico sovrapponibile a quello del fumo di sigaretta o a quello di tutte le guerre, atti di violenza armata e di terrorismo – ed è causa quasi di 5 milioni di decessi. Anche l’Italia non è da meno, infatti, secondo i dati ISTAT una persona su 10 è obesa, ovvero oltre 5 milioni di adulti, con un impatto considerevole sui diversi ambiti dell’assistenza sanitaria.

«L’obesità è ormai un problema molto rilevante di salute pubblica e di spesa per i sistemi sanitari nazionali, una spesa che diverrà insostenibile se non saranno adottate politiche di prevenzione adeguate, non disgiunte da programmi di gestione della malattia in grado di affrontare il fardello delle comorbidità. È quindi fondamentale un’attenzione specifica sul tema da parte dei decisori politici, affinché considerino l’obesità in tutta la sua gravità. A tal proposito, lo scorso 13 novembre, l’Assemblea della Camera ha approvato all’unanimità una Mozione che impegna il Governo ad adottare azioni per la prevenzione e la cura dell’obesità, richiedendo in primis il riconoscimento dell’obesità come malattia cronica caratterizzata da elevati costi sociali, economici e clinici; l’implementazione di un Piano Nazionale; l’avvio di una forte campagna di lotta allo stigma che, grazie alla sensibilità del Ministro alla Salute Speranza, prende avvio proprio oggi», spiega Roberto Pella, Presidente Intergruppo Parlamentare Obesità e Diabete, Vicepresidente Vicario ANCI. «Bisogna incrementare la capacità del Sistema Sanitario Nazionale di erogare e monitorare i servizi per la persona con obesità attraverso l’individuazione e l’attuazione di strategie che abbiano come obiettivo la razionalizzazione dell’offerta, l’accesso alle cure e l’appropriatezza delle prestazioni erogate per migliorare la qualità di vita, la cura e la piena integrazione sociale delle persone con obesità, comprendendone i bisogni e le problematiche, attuando strategie di coinvolgimento all’interno dell’ambiente familiare, sociale e professionale», continua Daniela Sbrollini, Presidente Intergruppo Parlamentare Obesità e Diabete.

«L’obesità è una malattia epidemica e gli interventi di prevenzione, fino ad ora, si sono dimostrati inefficaci perché basati sul paradigma della responsabilità personale, ovvero il soggetto ingrassa perché non rispetta le regole. Al contrario l’obesità è una condizione complessa che deriva dall’interazione di fattori genetici, psicologici e ambientali», dice Giuseppe Fatati, Presidente Italian Obesity Network – IO NET, che aggiunge «Le persone con obesità dovrebbero essere prese in carico dai medici di famiglia e ricevere una assistenza individuale dal Sistema Sanitario Nazionale al pari delle persone con diabete, in quest’ottica l’approvazione della mozione rappresenta un importante passo in questa direzione».

«L’obesità è una malattia eterogenea e multifattoriale influenzata da fattori genetici, ambientali e psicologici e rappresenta un importante fattore di rischio per diverse malattie croniche; sovrappeso e obesità sono responsabili dell’80 per cento dei casi di diabete tipo 2, del 35 per cento dei casi di malattie ischemiche del cuore e del 55 per cento dei casi di malattie ipertensive tra gli adulti. Si tratta di una malattia potenzialmente mortale che influisce negativamente sull’aspettativa di vita, è causa di disagio sociale e spesso, tra bambini e adolescenti, favorisce episodi di bullismo, che più volte le cronache hanno riportato, tutti aspetti che concorrono a richiedere l’impegno sinergico di Istituzioni, Società medico-scientifiche e associazioni pazienti», afferma Ferruccio Santini, Presidente Società Italiana Dell’Obesità – SIO.

«È necessaria una strategia che porti al riconoscimento dell’obesità quale malattia e problema sociale», spiega il coordinatore di Open Italia, Andrea Lenzi, Presidente OPEN e Presidente Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La campagna “Io vorrei che” è nata per coinvolgere membri del Governo, del Parlamento e delle principali Istituzioni per lavorare insieme per combattere questa complessa malattia cronica per la quale è necessario mettere in atto strategie integrate e multidisciplinari. Insieme ai partner, ha realizzato un libro con tutti gli … Io vorrei che… raccolti tra coloro che si battono quotidianamente per contrastare l’obesità e vogliono garantire cure appropriate e una buona qualità di vita alle persone con obesità».

«Le persone con obesità sono oggetto di stigma e discriminazioni già dall’infanzia con un impatto negativo sul benessere fisico, psicologico e sociale che provoca ripercussioni nei domini più importanti della vita. È quindi di fondamentale importanza adeguare il linguaggio e i comportamenti grazie anche a una maggior consapevolezza e conoscenza sull’obesità come malattia complessa e non solo imputabile a errori personali», dichiara Iris Zani, Presidente di Amici Obesi Onlus e continua «Il progetto “La chiave di (s)volta”, è stato pensato proprio per informare le persone e cercare di sfatare lo stigma e i pregiudizi sociali sull’obesità, mandando al contempo un messaggio positivo, ovvero che l’obesità è una malattia da cui si può guarire. Per questo abbiamo ideato una mostra che, attraverso una selezione accurata di fotografie, racconta le storie di consapevolezza e di rinascita dall’obesità».
Le tappe della mostra saranno presto disponibili sui canali informativi e piattaforme social di Amici Obesi Onlus.

«L’educazione ad una corretta e sana alimentazione comincia a tavola fin dalla più tenera età», è quanto afferma la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa. «È la base per combattere contro l’obesità e rappresenta un obiettivo di sanità pubblica perseguito con progetti e interventi specifici sia a livello europeo che italiano. Fanno riflettere gli ultimi dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo cui su 50.000 bambini il 21,3 per cento è risultato in sovrappeso e il 9,3 per cento obeso. L’elevata prevalenza di sovrappeso e obesità costituisce una problematica a livello mondiale ed è un serio fattore di rischio di malattie croniche. Se presente in età pediatrica si associa ad una più precoce insorgenza di patologie tipiche dell’età adulta, come diabete e ipertensione. La diffusione di sovrappeso e obesità rende necessario rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto di un fenomeno che ha dimensioni epidemiche, nel contesto di un disegno strategico complessivo, attraverso la identificazione di ruoli e responsabilità di tutti gli attori coinvolti ed evitando interventi settoriali e frammentari, anche al fine di assicurare la precoce presa in carico dei soggetti in sovrappeso e/o obesi e ritardare o evitare il ricorso a terapie farmacologiche o chirurgiche».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada
Le diete da sole non funzionano. Ximena Ramos-Salas dell'Obesity Canada invita i medici a non ridurre l'obesità a una questione di peso, favorendo invece l'approccio olistico
Covid-19, Istat-Iss: «Nove volte su dieci la causa di decesso è il virus»
L’Istituto Nazionale di Statistica e l’Istituto Superiore di Sanità hanno analizzato le cause di morte nei deceduti positivi a SARS-CoV-2
Report Passi: adulti italiani sedentari e in sovrappeso, specie over 65
Poca frutta e verdura, niente attività fisica e peso in eccesso: specie al Sud. Gli adulti d'Italia secondo il Report Passi
Professionisti in Sanità, la fotografia dell’Istat: «Sempre meno e sempre più vecchi»
Anelli (FNOMCeO): «Situazione frutto di politiche di tagli e di contenimento. Dobbiamo lavorare tutti insieme, i medici, i professionisti, le istituzioni, il Governo, gli stakeholder, a un grande progetto di rilancio del nostro Ssn». SIGM: «Gli “eroi” tanto elogiati restano i più poveri e più stanchi della Pubblica Amministrazione»
Coronavirus, lo studio Iss-Istat: «A marzo mortalità aumentata del 49,4%»
I decessi sono aumentati di 25.354 unità. Di questi, il 54% è costituito dai morti diagnosticati Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...