Salute 9 Aprile 2020

Milano, la Casa Pediatrica diventa ‘Covid-19 Help’. Il professor Bernardo: «Così aiutiamo i colleghi»

«Scelta condivisa con medici, operatori sanitari e direzione e resa possibile da tante donazioni. I tablet di Fondazione Vodafone permettono alla psicologa di dialogare con pazienti e famigliari»

di Federica Bosco

«Abbiamo fatto una cosa che nel mondo non è mai stata fatta, neppure a Wuhan: abbiamo voluto, non dovuto, riconvertirci». A parlare è il professor Luca Bernardo, direttore della Casa pediatrica del Fatebenefratelli-Sacco di Milano, che grazie all’abnegazione del personale medico e degli operatori sanitari e alla volontà della direzione, ha deciso di affrontare la battaglia contro il Coronavirus in prima linea, trasformando quello che era un reparto di pediatria in Covid-19: 24 letti che accolgono i pazienti nella fase critica dopo il lungo periodo in terapia intensiva, ma prima del ritorno a casa.

«Abbiamo dovuto modificare l’assetto, creando un’entrata sporca e una pulita, zona vestizione e svestizione e oblò alle porte. Tutte attenzioni necessarie rese possibili grazie alla tecnologia che ci ha permesso di aprire un reparto che abbiamo chiamato “Covid-19 Help”, perché noi siamo l’aiuto per gli altri».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LA CORSA CONTRO IL TEMPO DI MEDICI E PAZIENTI: «RICORDO TUTTO COME UN SOGNO STRANO. GRAZIE PER AVERMI TIRATO PER I CAPELLI»

Una riconversione realizzata in quattro giorni che è stata possibile grazie alla solidarietà di famiglie milanesi, associazioni e fondazioni, tra cui Arianna e Renzo Rosso, che hanno permesso di costruire un’area con quattro stanze ad isolamento completo per accogliere pazienti con Coronavirus e altre infezioni gravi, e fondazione Vodafone, che ha donato i tablet impiegati per un progetto di supporto psicologico a pazienti e famigliari gestito dalla dottoressa Francesca Maisano.

«Abbiamo la possibilità di contattare direttamente la persona ricoverata all’interno o i famigliari. Quando è necessario la psicologa entra nella zona protetta per sostenere persone particolarmente fragili che cadono in depressione, ed allora il tablet serve per far dialogare pazienti e famigliari».

«Abbiamo attivato questo servizio dal lunedì al venerdì pensando proprio di dare un supporto non solo ai pazienti, ma anche ai famigliari – puntualizza la dottoressa Maisano –. Il Covid-19 purtroppo ci ha messi di fronte anche ad una mancanza fisica come un abbraccio, una stretta di mano, che noi qui garantiamo, tra medici ed infermieri, ma ovviamente questo i famigliari non possono averlo. Allora la possibilità di dare loro un conforto anche da un punto di vista emotivo è fondamentale. All’interno del Covid Help supportiamo i pazienti ricoverati da tantissime settimane e che inevitabilmente presentano ansie e depressioni importanti; dall’altra parte, rimaniamo in contatto costante con i famigliari che possono chiamarci e farci tutte le domande del caso per poter contenere le loro angosce».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
La Ue ha firmato un contratto per 300 milioni di dosi del vaccino Sanofi/Gsk
Si tratta del secondo contratto dopo quello con AstraZeneca. L'Ue potrà scegliere di donare dosi del vaccino Sanofi/Gsk a Paesi con reddito medio-basso. Per Von der Leyen è un ulteriore passo all'accesso equo a vaccini sicuri
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
Fatica, dolore e sintomi dopo Covid-19: è malattia cronica?
Paola Pisanti (Ministero della Salute): «Molti rimangono affetti in maniera subacuta, serve un SSN attento alle cronicità»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»