Salute 23 Agosto 2019

Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente

«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura

di Federica Bosco

Più riservatezza e maggiore spazio per l’assistenza dei pazienti. Questi i primi cambiamenti che balzano agli occhi non appena si varca il nuovo Pronto soccorso dell’Ospedale San Paolo di Milano che occuperà una superficie lorda di 3640 mq. Un progetto avviato dieci anni fa che è arrivato a compimento e, a fine mese, – la data ufficiale è il 28 agosto – aprirà i battenti.

12 sale visita di cui 6 per l’area medica, due sale per ortopedia, 2 per chirurgia, una sala radio-protetta, aree specialistiche con i propri spazi di attesa, una zona per pazienti psichiatrici, una per infettivi, percorsi separati per codici rossi e bambini, mentre sulle pareti colori tenui e rassicuranti si arricchiscono di paesaggi che infondono benessere. In ogni sala postazioni per ricaricare i telefoni cellulari, telecamere e sistemi di allarme per il controllo e il monitoraggio costante dei pazienti.

Il nuovo Pronto soccorso che eredita un flusso di oltre 78 mila accessi del 2018 di cui 1,1% in codice Rosso, 13,3% in codice Giallo, 67,8% in codice Verde e i restanti 18% in codice Bianco, potrà contare su un team di medici specialisti presenti 24 ore su 24 in grado di garantire prestazioni sanitarie internistiche, chirurgiche, pediatriche, ortopediche, radiologiche, psichiatriche e ginecologiche. Inoltre, per la gestione delle urgenze minori, sarà attivo il Fast Track con l’invio diretto del paziente in Dermatologia, Oculistica e Otorino.

Un ambiente con tecnologie all’avanguardia e confortevole che permetterà dunque una migliore gestione delle criticità, in tempi rapidi per non sovrapporre chi arriva con chi è in attesa di ricovero.

«Queste aree nuove ci aiuteranno – spiega Marco Gardinali, direttore del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Paolo di Milano – a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro. Non bisogna poi dimenticare le criticità sociali che sono comuni a tanti Pronto soccorso e che riguardano la gestione di un’utenza non sempre facile da affrontare – aggressioni a medici ed infermieri – e che purtroppo non cambierà con la nuova struttura».

Per quanto riguarda il personale, medico e paramedico esiste un problema di carenza nella vostra struttura?

«Per il momento non siamo in grossa difficoltà. È verosimile che nei prossimi anni si andrà in quella direzione per cui si sta pensando di impiegare gli specializzandi di fine corso come assistenti in corsia. Questo permetterà di far fronte alle carenze di camici bianchi. Sul versante infermieristico la forza lavoro non basta mai, e questo è un equilibrio legato ai costi, alle opportunità, alle disponibilità che le aziende hanno sul piano economico. Noi abbiamo personale infermieristico tarato al millimetro, ma confido che l’apertura del pronto soccorso nuovo ci permetta di allargare i cordoni della borsa».

Articoli correlati
Triage ospedaliero, D’Amato (Lazio): «Dal 2020 si passa dai 4 codici a colore a 5 codici numerici»
«La Regione Lazio è tra le prime Regioni in Italia ad approvare il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore ai codici numerici. Un passaggio che non è un semplice adempimento o spacchettamento del sistema dei codici a colori, ma rappresenta un nuovo processo di codifica nel quale si ridefiniscono […]
Milano, la “spinta” dei genitori: «Test da cambiare. E se mio figlio non passa farò ricorso»
Visibilmente emozionati, ma tanto orgogliosi dei loro ragazzi. La squadra dei genitori che ha accompagnato gli oltre 2mila aspiranti medici questa mattina all’università Bicocca di Milano ha atteso per oltre tre ore che le porte dei padiglioni 6 e 7 si aprissero per conoscere l’esito di un test che è stato motivo di preoccupazione per […]
di Federica Bosco
Pronto soccorso, CIMO Emergenza: «Nuove linee guida aprono strada a criticità»
«La nuova definizione di tempi massimi di attesa prestabiliti per codice di priorità ingenera aspettative nell’utenza che in gran parte non potranno che essere disattese, soprattutto in questa fase di grave carenza di medici, “imbuto” che può diventare una ulteriore criticità che rischia di aumentare le aggressioni nei confronti del personale sanitario»
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»
Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali