Salute 29 Ottobre 2018 12:54

Il Gruppo Aon tutela la salute dei pazienti con tecnologia e prevenzione. L’AD Vanin: «Sanità in evoluzione, necessario stare al passo»

Enrico Vanin, amministratore delegato Aon Spa e Aon Hewitt Risk & Consulting: «Il cittadino sta chiedendo nuovi servizi in grado di ottimizzare il proprio tempo: dalla prenotazione online, alla ricerca di strutture/professionisti in ambiti specifici, alla consultazione attraverso servizi di telemedicina»

Il Gruppo Aon tutela la salute dei pazienti con tecnologia e prevenzione. L’AD Vanin: «Sanità in evoluzione, necessario stare al passo»

Tecnologia e prevenzione è il binomio vincente in sanità. Lo ha ben capito il Gruppo Aon, leader mondiale nella consulenza e gestione dei rischi e uno dei principali player in Italia nell’ambito healthcare, che fonda proprio su questo molti dei progetti che sta portando avanti. Ce ne ha parlato Enrico Vanin, amministratore delegato Aon Spa e Aon Hewitt Risk & Consulting.

Dottore, viste le crescenti difficoltà nell’accesso alle cure, quali sono le soluzioni proposte da AON agli assicurati e alle aziende per la prevenzione e la tutela della salute?

«Aon ha da sempre posto una grande attenzione alla prevenzione, anticipando un trend di sensibilità nei confronti di questo tema da parte delle aziende, che offrono ai propri collaboratori piani di prevenzione personalizzati in base alle caratteristiche dei lavoratori, molto differenti tra loro per fascia d’età di appartenenza, sesso e provenienza geografica. Grazie alla nostra esperienza nell’healthcare e alle partnership strette con i migliori player di mercato, siamo in grado di offrire soluzioni mirate a tutela e prevenzione della salute, a seconda dei bisogni degli utenti, dando loro la possibilità di usufruire di servizi innovativi che garantiscono una migliore accessibilità alle cure, anche in termini di tariffazione e tempistiche».

Qual è il ruolo della tecnologia nel rapporto dei cittadini con la propria salute?

«Crediamo fortemente nel ruolo centrale che la tecnologia e l’innovazione rivestono nel settore sanitario. Per questo stiamo sostenendo elevati investimenti per poter offrire alle persone dei tool informatici che consentano loro di accedere in modo rapido a prestazioni sanitarie. Il mondo della salute si sta indubbiamente evolvendo e il cittadino sta chiedendo nuovi servizi in grado di ottimizzare il proprio tempo: dalla prenotazione online, alla ricerca di strutture/professionisti in ambiti specifici, alla consultazione attraverso servizi di telemedicina, ecc. Attraverso le nostre partnership con aziende leader del settore stiamo sviluppando nuovi progetti, certi di poter migliorare così la tutela della salute dei pazienti».

LEGGI ANCHE: COME TI PRENOTO LA VISITA IN FARMACIA: A MILANO C’È SALUTE4YOU. LAPORTA (LLOYDS FARMACIA): «PRESIDIO PER SALUTE TERRITORIO»

Articoli correlati
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica
Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»
di Federica Bosco
Vorrei cambiare compagnia assicurativa, posso mantenere la retroattività?
Nel momento in cui dovesse cambiare la compagnia assicurativa, è di fondamentale importanza concordare con la nuova compagnia un adeguato periodo di retroattività, onde evitare “buchi temporali” di copertura. Alcune compagnie, per determinate attività professionali, consentono il mantenimento della retroattività vigente sulla precedente polizza, in modo tale da garantire all’assicurato una copertura senza soluzione di […]
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...