Salute 29 Ottobre 2018

Il Gruppo Aon tutela la salute dei pazienti con tecnologia e prevenzione. L’AD Vanin: «Sanità in evoluzione, necessario stare al passo»

Enrico Vanin, amministratore delegato Aon Spa e Aon Hewitt Risk & Consulting: «Il cittadino sta chiedendo nuovi servizi in grado di ottimizzare il proprio tempo: dalla prenotazione online, alla ricerca di strutture/professionisti in ambiti specifici, alla consultazione attraverso servizi di telemedicina»

Immagine articolo

Tecnologia e prevenzione è il binomio vincente in sanità. Lo ha ben capito il Gruppo Aon, leader mondiale nella consulenza e gestione dei rischi e uno dei principali player in Italia nell’ambito healthcare, che fonda proprio su questo molti dei progetti che sta portando avanti. Ce ne ha parlato Enrico Vanin, amministratore delegato Aon Spa e Aon Hewitt Risk & Consulting.

Dottore, viste le crescenti difficoltà nell’accesso alle cure, quali sono le soluzioni proposte da AON agli assicurati e alle aziende per la prevenzione e la tutela della salute?

«Aon ha da sempre posto una grande attenzione alla prevenzione, anticipando un trend di sensibilità nei confronti di questo tema da parte delle aziende, che offrono ai propri collaboratori piani di prevenzione personalizzati in base alle caratteristiche dei lavoratori, molto differenti tra loro per fascia d’età di appartenenza, sesso e provenienza geografica. Grazie alla nostra esperienza nell’healthcare e alle partnership strette con i migliori player di mercato, siamo in grado di offrire soluzioni mirate a tutela e prevenzione della salute, a seconda dei bisogni degli utenti, dando loro la possibilità di usufruire di servizi innovativi che garantiscono una migliore accessibilità alle cure, anche in termini di tariffazione e tempistiche».

Qual è il ruolo della tecnologia nel rapporto dei cittadini con la propria salute?

«Crediamo fortemente nel ruolo centrale che la tecnologia e l’innovazione rivestono nel settore sanitario. Per questo stiamo sostenendo elevati investimenti per poter offrire alle persone dei tool informatici che consentano loro di accedere in modo rapido a prestazioni sanitarie. Il mondo della salute si sta indubbiamente evolvendo e il cittadino sta chiedendo nuovi servizi in grado di ottimizzare il proprio tempo: dalla prenotazione online, alla ricerca di strutture/professionisti in ambiti specifici, alla consultazione attraverso servizi di telemedicina, ecc. Attraverso le nostre partnership con aziende leader del settore stiamo sviluppando nuovi progetti, certi di poter migliorare così la tutela della salute dei pazienti».

LEGGI ANCHE: COME TI PRENOTO LA VISITA IN FARMACIA: A MILANO C’È SALUTE4YOU. LAPORTA (LLOYDS FARMACIA): «PRESIDIO PER SALUTE TERRITORIO»

Articoli correlati
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»
Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»
Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»
Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri
Top Employers Italia 2019: anche quest’anno Merck ottiene la prestigiosa certificazione
Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha ricevuto anche quest’anno la prestigiosa certificazione Top Employers. L’ambito riconoscimento, rilasciato dal Top Employers Institute, vuole premiare le aziende che hanno dimostrato eccellenti condizioni di lavoro. Merck è stata premiata per la terza volta consecutiva. In particolare, il Top Employers Institute ha riconosciuto i risultati dell’azienda […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone