Salute 9 luglio 2018

Hiv, Oldrini (Lila): «In Italia troppe diagnosi tardive, l’incidenza maggiore tra 25 e 29 anni. Lasciamo fare anche ai 16enni il test senza consenso dei genitori»

«In Italia, quasi 30 mila persone hanno l’Hiv e non lo sanno. Le cure di ultima generazione migliorano la qualità della vita del paziente e bloccano la trasmissione del virus». L’intervista a Massimo Oldrini, Presidente Lega Italiana contro l’Aids

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«In Italia, le persone con Hiv, stando alle stime ufficiali dell’Istituto Superiore di Sanità, sarebbero circa 150 mila. Attualmente, sono 120 mila i pazienti in cura negli ospedali italiani». A fotografare la realtà italiana è Massimo Oldrini, Presidente Lila, la Lega italiana per la lotta contro l’Aids. Un’immagine che, secondo il presidente Oldrini, sarebbe in grado di ritrarre solo una parte dell’effettiva situazione: «Questi numeri – ha sottolineato – sottostimano la condizione del nostro Paese. Ipotizziamo che ci siano dalle 15 mila alle 30 mila persone inconsapevoli di aver contratto l’Hiv».

Giovani, maschi, eterosessuali, cittadini del centro e nord Italia: è questo l’identikit-tipo del soggetto affetto da Hiv. «È un’infezione prevalentemente maschile – ha detto Oldrini – diffusa per più del 50% del totale tra gli eterosessuali. Nord e centro Italia sono le zone dove si registra la maggiore incidenza della patologia. Il numero più elevato di diagnosi è in Lombardia».

LEGGI ANCHE: L’OMS COMPIE 70 ANNI: MILIONI DI VITE SALVATE, DALL’EBOLA ALL’HIV

A rendere ancor più preoccupante la situazione italiana è il numero di nuovi casi: «ogni anno – ha spiegato il presidente Lila – se ne contano circa 4 mila, di cui il 35% è già in Aids conclamato. Questo significa che un numero elevato di pazienti scopre la propria malattia a distanza di moltissimi anni dal contagio».

Numeri che piazzano il Belpaese piuttosto male nella classifica europea: «L’Italia ha una situazione epidemiologica peggiore della Germania e dell’Inghilterra, ma piuttosto simile alla Spagna. Tra i Paesi dell’Unione è al secondo posto per diagnosi di Aids e al tredicesimo per quelle di Hiv ».

Ad incidere sull’elevato numero di diagnosi tardive c’è anche il divieto per i minori di sottoporsi al un test senza il consenso dei genitori. «È uno dei principali nodi da sciogliere – ha continuato Oldrini – i giovani sotto tra i 25 e i 29 anni risultano i più colpiti dall’infezione che hanno contratto, con molta probabilità, quando erano ancora minorenni. Per questo la nostra richiesta è di permettere ai ragazzi dai 16 anni i su, che anche da un punto di vista legale vengono definiti grandi minori, di poter effettuare il test per l’Hiv senza il consenso di genitori o tutori».

Per Oldrini non manca solo un adeguamento legislativo, ma anche culturale e formativo: «L’Italia e la Slovenia –  ha aggiunto – sono gli unici Paesi dell’Unione Europea che non prevedono l’educazione sessuale e affettiva nei propri curricula scolastici».

Eppure, oggi, diagnosticare l’Hiv richiede soltanto pochi minuti. Può essere fatto ovunque, anche fuori dalle mura di ospedali e ambulatori. «Abbiamo a disposizione test rapidi e non invasivi, da eseguire su sangue o saliva, capaci di dare un responso in un lasso di tempo che va da uno a venti minuti.  Test che in molti paesi europei vengono effettuati, in modo gratuito e anonimo, fuori dagli ambiti sanitari. E chiunque dovesse scoprire di avere l’Hiv può contare sull’assistenza di un’attiva rete territoriale. Un modello che in Italia è diventato realtà in un’unica regione, l’Emilia Romagna, dove l’amministrazione locale ha provveduto ad attivare autonomamente un servizio di questo tipo».

Diagnosticare l’Hiv non solo permette di migliorare la vita di chi ne è affetto, ma anche di bloccare il contagio tra la popolazione. «I trattamenti – ha commentato il presidente Lila – hanno avuto un’evoluzione impressionante: si è partiti nel ’96 con farmaci molti complessi, carichi di effetti collaterali, che richiedevano l’assunzione anche di venti compresse più volte al giorno. Oggi, i nuovi farmaci hanno un minore impatto sulla salute delle persone e sui loro organi. Sono meno tossici e possono essere assunti in un numero minore di dosi: da una a tre compresse in contemporanea»

Ma le buone notizie non finiscono qui: gli scenari futuri sono ancora più confortanti di quelli attuali. «Grazie a delle iniezioni da fare una sola volta al mese, la qualità della vita delle persone con Hiv migliorerà ulteriormente – ha spiegato Oldrini –  Anche la situazione epidemiologica subirà una decisiva svolta: chi assume farmaci antiretrovirali, infatti, non può trasmettere il virus a nessuno».

LEGGI ANCHE: LA STORIA DI ROSE, L’INFERMIERA UGANDESE CHE SALVÒ LA VITA A CENTINAIA DI DONNE MALATE DI AIDS. COME? COSTRUENDO UNA SCUOLA

E mentre la scienza ha compiuto passi da gigante, la collettività è rimasta indietro, e non di poco. L’esclusione sociale e lo stigma persistono: «proprio di recente – ha raccontato Massimo Oldrini – la Lila è stata allertata perché un bando pubblico di un’Asl per l’assunzione di un farmacista ospedaliero escludeva dalla selezione, in modo esplicito, chiunque fosse affetto da Hiv. In Inghilterra nemmeno un chirurgo con Hiv è allontanato dalla sua professione, poiché seguendo le terapie, qualora si tagliasse in sala operatoria, il suo sangue non potrebbe trasmettere il virus né ai pazienti, né ai colleghi. In Italia, invece, è prevista l’esclusione da molti impieghi, come dall’esercito, o da altri ruoli della pubblica sicurezza».

Che lo stigma sia fortemente presente lo dimostrano anche diverse ricerche: «Tra le più recenti – ha commentato il presidente Lila – un sondaggio condotto nel 2016, secondo il quale più del 50% delle persone preferirebbe non avere nemmeno un vicino di casa con l’Hiv e il 60% non sarebbe tranquillo se l’insegnate dei propri figli avesse l’Hiv. Una situazione – ha concluso Oldrini – che difficilmente potrà essere modificata senza una diffusione capillare, su tutto il territorio nazionale, di adeguate campagne di comunicazione».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Nasce il Pelvic Center, centro per la diagnosi e la cura delle malattie pelvico-perineali e dei prolassi
Creare una sinergia tra i diversi specialisti per indicare la diagnosi più precisa e la terapia più completa per il paziente affetto da disturbi pelvico-perineali: è questo l’obiettivo del nuovo Centro di diagnosi e cura delle malattie del pavimento pelvico (Pelvic Center), realizzato presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza e tra i pochi in […]
Addio a Fernando Aiuti, immunologo di fama mondiale | L’ULTIMA INTERVISTA A SANITA’ INFORMAZIONE
L'ipotesi è quella del suicidio, indaga la procura di Roma. Era ricoverato da tempo al Policlinico Gemelli. Ha fondato l'Anlaids. Quando diceva: «Dovrebbe essere obbligatoria la vaccinazione per gli operatori sanitari...». La Simedet, di cui era responsabile scientifico, gli dedicherà il suo Primo Congresso nazionale
Aids, nel 2017 sono 3443 le nuove diagnosi da infezione HIV. Più colpita la fascia di età 25-29 anni
Il Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV e il Registro Nazionale Aids costituiscono due basi di dati dinamiche, permanentemente aggiornate dall’afflusso continuo delle segnalazioni inviate dalle regioni e dai centri segnalatori al Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Il COA pubblica annualmente un fascicolo del Notiziario dell’Istituto Superiore […]
Aids, Massimo Galli: «Infezione non cala, piano di contrasto fermo in molte regioni»
Il Presidente Simit e Consigliere nazionale ANLAIDS lancia l’allarme: «Negli ultimi anni il numero di nuove infezioni si stima che sia rimasto stabile, ma lo scarso e nella maggior parte dei casi tardivo ricorso al Test HIV in Italia e l'evidente caduta d'attenzione sul tema prevenzione suscitano preoccupazione»
Giornata Mondiale contro AIDS, Fernando Aiuti: «Non ricordiamo la malattia solo un giorno all’anno, il contagio non è finito»
L’immunologo sottolinea: «In Italia molti centri all’avanguardia, ma negli ultimi anni i finanziamenti sono diminuiti e si rischia di perdere quello che è stato seminato allora»
di Fernando Aiuti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano