Salute 8 Ottobre 2021 13:47

Giornata salute mentale. Zanalda (Sip): «No al sovraffollamento dei servizi: i pazienti psichiatrici vanno curati e non custoditi»

“Salute Mentale in un mondo ineguale” è lo slogan della Giornata 2021, il presidente Sip: «In Africa o in alcuni Paesi dell’Asia i servizi di salute mentale non esistono e al malato di mente, emarginato dal resto della società, non è offerta alcuna possibilità di cura»

di Isabella Faggiano

Prima la chiusura dei manicomi, poi quella, più recente, degli ospedali psichiatrici giudiziari ha sancito una rivoluzione copernicana nel trattamento dei pazienti affetti da disturbi mentali. Non più malati da ghettizzare, ma persone da curare e, laddove possibile, guarire. Un cambiamento epocale che, però, non ha coinvolto tutti i Paesi del mondo: molti sono rimasti indietro, altri, come quelli in via di sviluppo, non hanno ancora mosso nemmeno il primo passo. Una disparità di trattamento che, in occasione della Giornata Mondiale della Salute mentale 2021, celebrata ogni anno il 10 ottobre, è stata sintetizzata con lo slogan “Salute Mentale in un mondo ineguale”.

La tutela della salute mentale non è ancora un diritto universale

«In Africa o in alcuni paesi dell’Asia i servizi di salute mentale non esistono e al malato di mente, emarginato dal resto della società, non è offerta alcuna possibilità di cura. Eppure – spiega Enrico Zanalda, presidente della Società italiana di Psichiatria (Sip) – le malattie mentali, soprattutto quelle più gravi come la schizofrenia e i disturbi bipolari, si manifestano tra la popolazione indipendentemente dal livello di sviluppo del Paese in cui si vive, a differenza di disturbi come l’ansia o la depressione che sono molto più rilevanti e diffusi nei Paesi ad alto reddito». Le differenze sono determinate non solo dalla situazione economica, ma anche da fattori sociali e culturali, compreso lo stigma e il pregiudizio che ancora condizionano, anche in Italia e in altri paesi industrializzati, la qualità di vita delle persone con disturbi mentali e quella dei loro cari.

La situazione italiana

«Stando ai più recenti dati epidemiologici, in Italia tre persone su dieci soffrono di un problema di salute mentale, ma solo una si rivolge ai servizi pubblici di salute mentale – sottolinea lo psichiatra -. In Italia ci sono 143 dipartimenti di salute mentale in cui, attualmente, sono assistite circa 900mila persone, una cifra che racchiude solo una parte della totalità di coloro che convivono con un disagio mentale. C’è chi rinuncia per le liste di attesa troppo lunghe e chi per un profondo senso di vergogna che scaturisce dal disturbo di cui soffre».

Al di là delle attese più o meno lunghe e di uno stigma non del tutto superato, il modello di cura italiano è tra i più avanzati al mondo, almeno in teoria. «Ciò che ci impedisce di passare da un’ottima teoria ad una pratica altrettanto efficace è la mancanza di risorse economiche – sottolinea il presidente Sip -. La salute mentale necessiterebbe di un investimento pari almeno al 5% dei finanziamenti dedicati all’intero Sistema Sanitario Nazionale. E, invece, arrivando a malapena a 3 punti percentuali, è difficile garantire personale numericamente adeguato ed orari di apertura che possano soddisfare il bisogno di salute dei cittadini».

Prevenire è meglio che curare

Aumentare gli investimenti oggi permetterebbe di risparmiare domani: «Intervenire prima che le patologie diventino troppo gravi o croniche rappresenta sicuramente un risparmio di risorse, umane ed economiche, per il Sistema Sanitario Nazionale. È impensabile avere a disposizione efficaci strumenti farmacologici, terapeutici e riabilitativi e non poterli utilizzare a causa di carenza di risorse o per uno stigma ancora troppo radicato», dice Zanalda. Negli ultimi anni, poi, la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari ha peggiorato ulteriormente la situazione. «Un numero considerevole di rei a cui è stato riconosciuto un vizio totale o parziale di mente è stato riversato nei servizi di salute mentale, aumentando ulteriormente le liste di attesa. Il tutto – evidenza lo psichiatra – con un malcontento generale della magistratura che vorrebbe una presa in carico immediata di questi pazienti. Ma la capienza delle strutture va rispettata: sovraccaricarle significherebbe non poter più garantire trattamenti adeguati. E queste persone vanno curate, non semplicemente custodite».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, scoperto biomarcatore utile per la diagnosi della psicosi
Potrà diventare l’integratore del futuro, tutto naturale, per il benessere del cervello, ma anche il primo biomarcatore naturale di una patologia psichiatrica: per questo sulla palmitoiletanolamide, o PEA, sono puntati i riflettori degli esperti della Società di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf), riuniti da oggi a Milano al XXV congresso nazionale dedicato a “Le neuroscienze del domani: la neuropsicofarmacologia verso la precisione e la personalizzazione delle cure”
di V.A.
Più di 4 ore al giorno sullo smartphone mette la salute degli adolescenti a rischio
Gli adolescenti che utilizzano lo smartphone per più di 4 ore al giorno hanno un rischio maggiore di sviluppare disturbi di salute mentale o di fare uso di sostanze pericolose. A far emergere questa preoccupante associazione è stato uno studio coreano pubblicato su Plos One
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Salute mentale: «Ancora stigma e solitudine, Case di comunità possono dare risposte»
Presentata un’indagine ONDA in collaborazione con la SINPF che ricostruisce il percorso del paziente e le difficoltà legate ai servizi territoriali e indaga la percezione dei nuovi servizi assistenziali e delle nuove modalità di presa in carico previsti dal PNRR
Psichiatri: Rems «svuota-carceri», rischio ritorno a manicomi criminali
Le Rems, strutture di cura che hanno preso il posto dei manicomi giudiziari, create per curare e accogliere gli autori di reato giudicati infermi o seminfermi di mente, rischiano di trasformarsi in nuovi manicomi criminali. La denuncia della Società italiana di psichiatria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...