Salute 28 Marzo 2019 14:18

Eterologa, il 95% degli embrioni e dei gameti arriva dall’estero. Dal 29 aprile si rischia stop a importazione

Benigna (specialista in riproduzione assistita): «Dal 2014, in Italia, è possibile ricorrere all’ovodonazione eterologa femminile. In linea teorica è consentito donare i propri ovociti in maniera assolutamente gratuita ed altruistica, ma mancano le Linee Guida del Ministero» | LEGGI LO SPECIALE PMA

di Isabella Faggiano
Eterologa, il 95% degli embrioni e dei gameti arriva dall’estero. Dal 29 aprile si rischia stop a importazione

Dal 29 aprile potrebbe arrivare lo stop all’importazione di gameti per la fecondazione eterologa destinati a molti centri italiani, sia pubblici che privati. Che tradotto in cifre significherebbe rinunciare alla quasi totalità delle Procreazioni Medicalmente Assistite (PMA) eterologhe: in Italia, il 95% di queste fecondazioni vengono effettuate grazie ai gameti o embrioni importati dall’estero.

E chi sceglie questa strada, di solito, non ha molte altre alternative: «Si ricorre alla fecondazione eterologa femminile quando la riserva ovarica è ormai ridotta ai minimi termini, oppure – spiega Michela Benigna, specialista in riproduzione assistita di Institut Marquès a Roma, in collaborazione con Villa Salaria – quando la donna è affetta da endometriosi di stadio severo (terzo o quarto grado), o ancora quando la coppia ha eseguito più tentativi di fecondazione in vitro, almeno 4 o 5, senza successo. Ultima condizione per la quale è consigliata una tecnica eterologa è l’esito negativo di una diagnosi preimpianto, ovvero quando tutti gli embrioni ottenuti da una precedente tecnica di fecondazione assistita omologa siano risultati aneuploidi (cromosomicamente alterati)».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE DEDICATO ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

Tutte le coppie che presentano una o più di queste condizioni – in Italia si stima siano oltre 6mila ogni anno – potrebbero dover rinunciare al loro desiderio di genitorialità sin dal mese prossimo. Il ministero della Salute, infatti, proprio in questi giorni, ha ricordato la scadenza del 29 aprile come data ultima per i centri di PMA di acquisire i certificati di conformità. Molti ne sono ancora sprovvisti per il mancato rispetto della tempistica nelle ispezioni da parte di Regioni e Enti. Un ritardo che per i pazienti che intendono sottoporsi ad una eterologa si traduce in sole due alternative: andare all’estero o ricorrere all’ovodonazione in Italia. La prima alternativa non è accessibile alle tasche di tutti; la seconda, invece, più che ad una soluzione assomiglia ad un miraggio. «In Italia – dice Michela Benigna – è possibile ricorrere all’ovodonazione eterologa femminile dalla seconda metà del 2014. In linea teorica è consentito donare i propri ovociti in maniera assolutamente gratuita ed altruistica, ma dal Ministero non sono ancora chiare le Linee Guida che consentono di attivare questo tipo di percorso. Di conseguenza, la maggior parte dei centri di PMA italiani che eseguono fecondazione di tipo eterologa femminile devono inevitabilmente rivolgersi a banche estere».

LEGGI ANCHE: CONSERVAZIONE STAMINALI, L’ITALIA È INDIETRO. PIERPAOLO SILERI (M5S): «L’AUTOLOGA SOLIDALE È NECESSARIA»

«Il nostro Istituto, che dispone di una propria banca di ovuli, offre invece ai pazienti italiani la possibilità di realizzare una ovodonazione “a fresco” – sottolinea Benigna – senza dover viaggiare all’estero. Grazie alla donazione di ovuli a distanza, il medico realizza personalmente la selezione della donatrice idonea per ogni paziente, che effettuerà la stimolazione ed il pick up. La fecondazione in vitro si realizza quindi a fresco nel laboratorio di Barcellona, con gli ovociti della donatrice. Una volta fecondati, gli embrioni vengono vitrificati il quinto giorno di sviluppo (blastocisti) e mandati all’origine, in modo che il trasferimento dell’embrione possa essere effettuato in Italia».

La situazione non cambia se la coppia necessita di una donazione di liquido seminale: «Esistono situazioni in cui l’eterologa viene scelta per un’infertilità maschile – aggiunge la specialista in riproduzione assistita – e non sono poche. Anzi, negli ultimi anni, i casi di sterilità maschile sono addirittura aumentati. Cosicché, quando non è possibile reperire gli spermatozoi nel partner maschile nemmeno utilizzando le tecniche più avanzate, come il prelievo testicolare degli spermatozoi, è necessario ricorrere al seme di donatore. Le regole in vigore per i donatori maschili sono identiche a quelle previste per le donatrici. E di conseguenza per la maggior parte dei centri italiani l’approvvigionamento avviene attraverso banche estere, principalmente spagnole, greche o danesi. Altri centri, compreso il nostro – conclude Benigna – possono invece contare su una propria banca».

Articoli correlati
Inositolo, Vittorio Unfer primo al mondo per gli studi sulla molecola che aiuta la fertilità
Il ginecologo: «Stiamo testando il dichiositolo, in grado di riequilibrare il testosterone sia negli uomini che nelle donne. Puntiamo ad una medicina personalizzata»
di Isabella Faggiano
Covid in gravidanza, altissima la probabilità di parto pretermine
Al Policlinico Federico II di Napoli 420 prematuri (alcuni di 26 settimane) da madri Covid positive. Raimondi (direttore TIN Federico II): «Vaccino in gravidanza raccomandato per tutelare madre e bambino»
Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia
L’iniziativa del Dipartimento donna, mamma e neonato del Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione un team di ginecologi ed ostetriche: «I vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento»
di Federica Bosco
Ministero Salute, arriva certificato esenti vaccino: «Immunizzazione non controindicata in gravidanza». Ecco come funziona
I certificati non possono contenere dati sensibili come la motivazione clinica dell'esenzione. Cosa fare in caso di sindrome di Guillain-Barré, miocarditi e pericarditi
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco