Politica 15 Marzo 2019

Conservazione staminali, l’Italia è indietro. Pierpaolo Sileri (M5S): «L’autologa solidale è necessaria»

Il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato: «Non ritengo giusto che per conservare il cordone ombelicale di mio figlio debba mandarlo in un altro Paese. Così priviamo il cittadino italiano di una possibilità»

Immagine articolo

«Mi chiedo come mai io non possa preservare il cordone ombelicale di mio figlio in Italia e debba mandarlo all’estero. Credo che su questo tema, in qualche maniera, dovremo metterci le mani. Siamo in Europa, e dobbiamo adeguarci a quello che accade in altri Paesi europei». Così Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, interviene sul dibattito relativo alla possibilità di crioconservare le cellule staminali del cordone ombelicale. In Italia, infatti, è possibile donare il campione, oppure conservarlo nelle banche pubbliche per la propria famiglia solo se si ha una reale necessità. Altrimenti, i genitori che desiderano conservare le cellule staminali del cordone del proprio bambino, devono spedirle in altri stati europei dove questo è possibile.

LEGGI ANCHE: AUTOLOGA SOLIDALE, DIFFERENZE IN UE SULLA CONSERVAZIONE DELLE STAMINALI DEL CORDONE. TOTTA (FUTURA): «MODELLO IBRIDO PUBBLICO-PRIVATO IL MIGLIORE, ITALIA COLGA OCCASIONE»

Intervenendo a due diversi convegni che nei giorni scorsi hanno affrontato in Senato l’argomento, Sileri ha precisato che «l’autologa solidale è necessaria». Viene definito così, infatti, il modello ibrido pubblico-privato che esiste in Europa: si tratta di sistemi con centri di raccolta privati che offrono la possibilità di inserire quei campioni in un registro per metterli a disposizione della comunità internazionale. Un registro che dovrà ovviamente essere controllato e monitorato, perché «il controllo poi porta ad una qualità migliore», specifica Sileri.

«Al di là del valore scientifico della procedura – aggiunge il Senatore – lascio ai tecnici la bontà della cosa. Ma quello che non ritengo giusto è che chi intende preservare il cordone di suo figlio debba inviarlo in un altro stato. Mi sembra una spesa inutile, e mi sembra di privare il cittadino italiano di una possibilità».

 

Articoli correlati
Staminali da cordone ombelicale e Covid-19
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Coronavirus, Sileri: «Italiani rimpatriati provati e stanchi, ma meno preoccupati di chi corre a comprare mascherine»
Stazionarie le condizioni dei due turisti cinesi ricoverati allo Spallanzani: sono in terapia intensiva e la prognosi resta riservata. 494 le vittime del virus nel mondo, ma aumentano i pazienti dimessi dagli ospedali cinesi: 898 persone sono guarite
Coronavirus isolato allo Spallanzani, Manuel Tuzi (m5s): «SSN eccellenza italiana. Attendiamo italiani da Wuhan»
«L’ospedale Spallanzani dimostra ancora una volta che il Servizio Sanitario Nazionale è un’eccellenza Italiana. Siamo il primo paese in Europa ad aver isolato il Coronavirus. Ora sarà possibile studiarlo per arrivare al vaccino rapidamente. Il mio plauso personale al team medico dell’ospedale romano per quanto fatto. Da medico, oltre che da italiano, sono doppiamente fiero […]
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
Tumori, svolta con le terapie ‘agnostiche’. Vella: «Con immunoterapia e farmaci mirati aumenta sopravvivenza e diminuisce tossicità»
Alcuni degli oncologi più importanti d’Italia si sono dati appuntamento a Roma al convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”. Il Vice Ministro Sileri: «Queste terapie sono una vera rivoluzione nel trattamento dei pazienti oncologici laddove è dimostrata una alterazione genetica comune»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...