Salute 27 Settembre 2023 01:12

Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante

Un gruppo di ricercatori svedesi ha valutata la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry

Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante

Il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche, o HSCT in breve, viene solitamente utilizzato per trattare i tumori del sangue e prevede il prelievo di cellule staminali dal midollo osseo o dal sangue del paziente, seguito da chemioterapia e trattamento con anticorpi. Prove emergenti indicano che è adatto per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente, caratterizzata da episodi infiammatori distinti che causano vari gradi di disabilità residua. Ma l’aHSCT deve ancora essere incluso nella maggior parte delle linee guida cliniche nazionali. Un gruppo di ricercatori svedesi ha dunque deciso di fare chiarezza, valutando la sicurezza e l’efficacia della terapia cellulare quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.

Il primo paziente dello studio ha ricevuto la terapia con staminali nel 2004

I ricercatori hanno identificato 231 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente, 174 dei quali erano stati trattati con la terapia con cellule staminali  prima del 2020. Il primo paziente è stato trattato nel 2004. L’età media dei pazienti al momento del trattamento era di 31 anni e quasi due terzi (64%) erano donne. L’efficacia della terapia cellulare è stata valutata analizzando i dati raccolti dal registro svedese della sclerosi multipla. E la sua sicurezza è stata valutata esaminando le cartelle cliniche elettroniche dei pazienti per i 100 giorni successivi alla procedura. In media, i pazienti avevano la malattia da più di 3 anni e avevano ricevuto una media di 2 lotti di trattamento standard (farmaci modificanti la malattia) prima di un trapianto di cellule staminali emopoietiche, mentre 23 non avevano ricevuto alcun trattamento. Circa quasi 3 anni, in media, dopo essere stati sottoposti ad aHSCT, a 20 pazienti (11%) è stato somministrato un farmaco modificante la malattia.

Più della metà dei pazienti sottoposti alla terapia cellulare è migliorata

Questo studio non ha mostrato alcuna evidenza di attività della malattia in quasi 3 pazienti su 4 (73%) trattati dopo 5 anni e in quasi due terzi (65%) dopo 10 anni. Tra i 149 pazienti affetti da sclerosi multipla con qualche disabilità iniziale, più della metà (54%) è migliorata, poco più di un terzo (37%) è rimasta stabile e circa 1 su 10 (9%) è peggiorata. In media, un paziente ha avuto 1,7 recidive nell’anno precedente al trattamento con le cellule staminali e 1 recidiva ogni trentesimo anno dopo il trattamento aHSCT. Cinque pazienti hanno avuto bisogno di terapia intensiva e 61 hanno sviluppato un’infezione batterica entro 100 giorni dal trattamento. L’effetto collaterale più comune è stato la neutropenia febbrile (bassa conta dei globuli bianchi accompagnata da febbre alta), che ha colpito il 68% dei pazienti. Altre infezioni virali sono state rilevate in 23 pazienti (13%). La riattivazione dell’herpes zoster è stata documentata in 3 casi e in altri 3 è stata confermata un’infezione fungina localizzata. Nessuno è morto a causa del trattamento.

«La terapia con cellule staminali dovrebbe essere considerata uno standard di cura»

Si tratta di uno studio osservazionale, senza gruppo comparativo, il che preclude conclusioni definitive. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che «i nostri risultati dimostrano che un aHSCT per [la sclerosi multipla recidivante-remittente] è fattibile nell’ambito dell’assistenza sanitaria regolare e può essere eseguito senza compromettere la sicurezza. Il nostro studio conferma i risultati osservati nell’unico studio randomizzato e controllato condotto fino ad oggi. Riteniamo che la terapia con cellule staminali potrebbe portare benefici a un numero maggiore di pazienti con sclerosi multipla e dovrebbe essere incluso come standard di cura per la sclerosi multipla altamente attiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Un trapianto di cellule polmonari potrebbe «curare» la BPCO
Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile riparare il tessuto polmonare danneggiato nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) utilizzando le cellule polmonari degli stessi pazienti
Trapianto: nuovo dispositivo monitora i primi segni di rigetto
È più piccolo di una moneta, ma ha enormi potenzialità per coloro che subiscono un trapianto. Si tratta del primo dispositivo elettronico, messo a punto dai ricercatori della Northwestern University, che è in grado di monitorare in modo continuo la salute degli organi trapiantati in tempo reale
Sclerosi Multipla, Regimenti (Forza Italia): «Sostenere ricerca e tecnologia per favorire diagnosi precoce»
Per la Responsabile Sanità per l'Europa degli azzurri è importane che «Bruxelles si faccia anche promotrice di politiche per garantire l’uguale accesso alle terapie e ai servizi per le persone con Sclerosi Multipla in tutti i Paesi Europei»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Acqua del rubinetto sicura, parametri rispettati al 99%. Le Fake News smentite dall’ISS

Anche se, secondo l'Istat, 1 italiano su 3 non si fida, l'acqua potabile che arriva nelle nostre case è sicurissima. Queste sono le conclusioni del primo rapporto del neonato Centro Nazionale p...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...