Salute 9 Marzo 2023 16:41

Vaccini, Calò (UniPd): «Nuovo anti-Herpes Zoster a pazienti in dialisi»

“Abbiamo deciso di iniziare a impiegare il nuovo vaccino anti-Herpes Zoster nei dializzati, perché non c’erano studi con evidenza di efficacia in questa popolazione. Siamo partiti dalla considerazione che, rispetto a quello con virus modificato e attenuato, che ha un’efficacia intorno al 50%, il vaccino ricombinante adiuvato ha un’efficacia intorno al 90% che si mantiene […]

Vaccini, Calò (UniPd): «Nuovo anti-Herpes Zoster a pazienti in dialisi»

“Abbiamo deciso di iniziare a impiegare il nuovo vaccino anti-Herpes Zoster nei dializzati, perché non c’erano studi con evidenza di efficacia in questa popolazione. Siamo partiti dalla considerazione che, rispetto a quello con virus modificato e attenuato, che ha un’efficacia intorno al 50%, il vaccino ricombinante adiuvato ha un’efficacia intorno al 90% che si mantiene per più di 3 anni, nella popolazione generale e abbiamo riscontrato che dove il medico era più presente, l’adesione è stata superiore”. Lo afferma Lorenzo Calò, direttore Uoc Nefrologia dialisi trapianto Azienda Ospedale Università di Padova, in occasione della Giornata mondiale del rene che si celebra il 9 marzo.

“L’infezione da virus Herpes Zoster – aggiunge Calò – è un problema molto significativo per la salute già nella popolazione generale, in particolare negli anziani e immunodepressi. A maggior ragione lo è nei pazienti in stato terminale di insufficienza renale che, notoriamente, sono immunodepressi. Quando poi la malattia si manifesta in queste persone, ci possono essere complicanze anche gravi. Le caratteristiche di questi pazienti imponeva la necessità di evitare le complicanze con la vaccinazione. L’esperienza che avevamo nei pazienti con questa patologia – spiega il nefrologo – è che l’infezione è difficile da eradicare anche perché i farmaci disponibili per il Fuoco di Sant’Antonio sono utilizzabili solo per un tempo limitato, in questi pazienti, in cui la malattia è particolarmente debilitante per la nevralgia post erpetica che si sviluppa successivamente. L’infezione del virus, inoltre, espone a ulteriori superinfezioni batteriche. Alla luce di questi elementi, data la disponibilità di questo nuovo vaccino, abbiamo pensato di utilizzarlo nei circa 200 pazienti dializzati”.

Lo studio – di cui è prossima la pubblicazione e che aveva l’obiettivo di verificare aderenza ed efficacia della vaccinazione – evidenzia una maggiore aderenza alla vaccinazione nei centri dove il medico era più presente. “Dei 195 pazienti dialitici coinvolti – continua Calò – il 70% ha accettato la vaccinazione contro Herpes Zoster: 131 (68%) hanno fatto la prima dose e 123 (64%) anche la seconda. I pazienti, soprattutto anziani, sono seguiti dai medici durante le 3 sedute dialitiche settimanali. Tuttavia, alcuni, meno complicati, afferiscono per il trattamento a una sede semiassistita, dislocata, dove il medico è presente 2 volte la settimana. Lo studio mostra che il centro dove il medico era sempre presente ha avuto una percentuale di adesione più elevata di quella della sede meno assistita”.

Il dato non è nuovo in letteratura. “Dove il medico è più presente – sottolinea Calò – la campagna vaccinale si realizza in un clima di fiducia e di informazione, che riduce l’esitazione alla vaccinazione che, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, è ‘un ritardo nell’adesione alla vaccinazione per la quale, è noto, non comportare effetti collaterali notevoli’. È quindi correlata a disinformazione, scarsa fiducia e convinzioni personali. La fiducia e la confidenza del medico che è sempre presente, fanno la differenza”. Anche in questo contesto la carenza dei medici è un problema importante. “La normativa europea – ricorda Calò – prevede che nelle sedi semi-assistite per queste ed altre procedure ci sia il medico. Non c’è dubbio, del resto, che siano più che necessarie le strutture semiassistite. Inoltre, vi è sempre più necessità di posti di dialisi per l’aumento sempre maggiore del numero di pazienti anziani in dialisi”.

La vaccinazione anti Herpes Zoster è raccomandata anche nei pazienti con insufficienza renale cronica. “La malattia è suddivisa in stadi. Quelli più gravi sono 4 (predialitico) e 5, che è terminale. L’immissione in dialisi non è codificata – chiarisce il professore – Non c’è un livello di filtrato che la imponga, ma data la natura progressiva della patologia, nonostante i trattamenti, soprattutto nella fase avanzata, si ricorre alla dialisi o al trapianto. Anche nei pazienti non in dialisi l’immunodepressione esiste- precisa – e può esporre alla infezione di Herpes Zoster. Questo discorso va quindi fatto anche per questi pazienti che potrebbero giovarsi di una vaccinazione che ha dimostrato degli effetti molto buoni anche sul profilo della sicurezza e tollerabilità, a prescindere anche dall’etnia: in dialisi ci sono asiatici, africani, oltre che caucasici. Abbiamo anche degli ucraini che sono scappati dalla guerra”.

Tornando ai pazienti in terapia con malattia renale cronica, non in dialisi, “il ruolo del medico di medicina generale può essere determinante – ribadisce Calò – Nei pazienti in terapia conservativa che vediamo in ambulatorio specialistico, il medico di famiglia avrebbe lo stesso ruolo che abbiamo avuto noi con i pazienti in dialisi nel proporre la profilassi per l’Herpes Zoster”, aggiunge il professore che è già pronto per un altro studio in cui valutare “l’efficacia del vaccino in questi pazienti, negli anni dopo che, nel primo studio – conclude – abbiamo visto per questo vaccino un’ottima aderenza e sicurezza”.

Scaparrotta, ‘anti-Zoster in emodializzati insieme ad antinfluenzale’

“Sapendo dell’esistenza di un vaccino anti Herpes Zoster ricombinante e adiuvato che, negli over 65 riduce il rischio di reattivazione del 90%, abbiamo pensato di proporlo, a giugno 2022, anche ai circa 200 pazienti emodializzati dei nostri centri. Il 70% ha aderito. Nessuno di questi, ad oggi, ha manifestato l’infezione, nonostante 1 su 5, in questa popolazione sia a rischio di svilupparla. Per il profilo di efficacia e sicurezza, l’abbiamo somministrato anche in chi l’aveva già avuta, per evitare nuove recidive della malattia nota anche come Fuoco di Sant’Antonio. In molti, l’abbiamo co-somministrato insieme all’antinfluenzale”. Così Giuseppe Scaparrotta, referente per l’Emodialisi Uoc Nefrologia dell’Azienda Ospedale Università di Padova, diretta da Lorenzo Calò, in occasione della Giornata mondiale del rene che si celebra il 9 marzo.

“L’Herpes Zoster – ricorda Scaparrotta – è un’infezione virale che si contrae nell’infanzia, con la varicella, e che si può manifestare negli anni. Si presenta con un’eruzione cutanea, con vescicole in varie parti del corpo, lungo le terminazioni nervose. Può durare 2-4 settimane. In 1 caso su 5 persiste per lungo tempo con una nevralgia post-herpetica molto dolorosa e debilitante. Gli emodializzati, specie se in età avanzata – continua – hanno più probabilità di andare incontro a questa condizione, a causa dell’immunodepressione dovuta alla malattia renale. In questi pazienti, inoltre, non possono essere impiegati i farmaci antivirali indicati per l’infezione perchè possono complicare il quadro clinico”.

Tra i primi ad applicare “la direttiva regionale del Veneto n. 1575 dell’11. 11. 2021 – che prevede vaccinazione anti Herpes Zoster in persone come età pari o superiore ai 50 anni, che l’abbiano già manifestata o meno, e negli over 18 che hanno un aumento del rischio dell’infezione, quindi anche per i pazienti emodilaizzati e quelli con insufficienza renale cronica – abbiamo proposto la vaccinazione – aggiunge il nefrologo – ai 195 pazienti dei nostri 3 centri. Ha aderito il 68%. Di questi, l’80% ha da 70 a 90 anni e sono proprio i più anziani quelli che hanno aderito di più”. Sulla durata della protezione, “che nella popolazione generale è, dopo 2 dosi, per almeno 3 anni, faremo delle verifiche, dei dosaggi degli anticorpi nel primo anno di somministrazione”.

Fondamentale “l’ottimo rapporto con il paziente. Siamo i medici di riferimento per chi è in dialisi – sottolinea Scaparrotta – praticamente li vediamo 3 volte alla settimana, 2 volte nelle sedi semiasistite, dove ci sono pazienti più giovani e meno complicati e dove c’è stata anche una minore adesione”. Per ottenere il consenso informato “abbiamo lavorato sulla scia dell’anti-Covid – aggiunge – abbiamo fatto le 4 dosi al centro dialisi e abbiamo continuato con l’informazione sulla necessità di altre vaccinazioni. Oltre a quella per epatite B e influenza, abbiamo fornito anche quella per l’Herpes Zoster”.

Tra i dubbi e i motivi di preoccupazione e di resistenza al vaccino spicca “la paura di effetti collaterali pesanti, come febbre alta, malessere generale – precisa il nefrologo – ma quando abbiamo fatto capire che sarebbero stati a lievi, soprattutto rispetto alla nevralgia, 8 su 10 degli over 70 ha aderito. In realtà noi abbiamo registrato solo in alcuni vaccinati dolore nel sito di iniezione e cefalea. Avendo visto e toccato con mano la sofferenza dei pazienti quando sono colpiti da questo virus – ricorda Scaparrotta – abbiamo lavorato con gli operatori sanitari e fatto colloqui individuali, convocato caregiver familiari o il personale delle strutture dove vivono queste persone. Ci vuole il tempo per spiegare bene ogni cosa, ascoltare e rispondere ai dubbi. Il vaccino si fa in 30 secondi – conclude Scaparrotta – il consenso in un minuto, i colloqui anche 20-30 minuti”.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...