Salute 17 Aprile 2020

Degenza di Sorveglianza: apre a Milano il primo reparto per pazienti Covid-19 con sintomi lievi

Venti posti letto all’Ospedale San Paolo per assistere pazienti positivi che non possono restare al proprio domicilio

«Al via oggi presso l’Ospedale San Paolo l’attivazione di 20 posti letto di Degenza di Sorveglianza per la gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19 (DGR 3020 del 30/03/2020)». Così l’ospedale in un comunicato.

«Il reparto, collocato al 6° piano del blocco A, accoglierà pazienti autosufficienti con sintomatologia respiratoria lieve suggestiva per infezione da COVID-19 che richiedano quarantena fiduciaria e bassi bisogni clinico – assistenziali. L’assistenza medica e infermieristica è garantita h 24, 7/7gg con personale dell’ASST che l’Azienda ha ricollocato da altri reparti».

LEGGI ANCHE: COVID-19, CLAVENNA (MARIO NEGRI): «RIPARTENZA DIFFERENZIATA TRA REGIONI PUO ESSERE UTILE. SU IDROSSICLOROCHINA DATI CONTRASTANTI»

«Un aiuto concreto al territorio e a supporto a quei Medici di Medicina Generale che, in questo momento di emergenza, non possono essere direttamente impiegati nelle attività di assistenza al domicilio dei pazienti perché contagiati o per l’elevato numero di casi da seguire. La proposta di ricovero di questa tipologia di pazienti potrà avvenire su indicazione del Medico di Medicina Generale, di un Pronto Soccorso oppure su proposta del medico di centrale AREU, dopo verifica delle condizioni cliniche effettuate dal soccorritore».

LEGGI ANCHE: COVID-19, CLAVENNA (MARIO NEGRI): «RIPARTENZA DIFFERENZIATA TRA REGIONI PUO ESSERE UTILE. SU IDROSSICLOROCHINA DATI CONTRASTANTI»

«Il nostro è un lavoro di supporto al territorio per favorire la guarigione del malato che, trovandosi già “sorvegliato” in ospedale, ci permette di intervenire immediatamente in caso di improvvise complicanze cliniche» dichiara Matteo Stocco, Direttore Generale dell’ASST Santi Paolo e Carlo.

«La pandemia di COVID19 sta colpendo soggetti che evidenziano quadri clinici differenti. Si osservano situazioni che da paucisintomatici (febbre, tosse, ecc) evolvono in distress respiratorio (fame d’aria) in tempi rapidi, con peggioramento delle condizioni cliniche e necessità di ricovero ospedaliero immediato. Al momento non vi sono evidenze chiare che possano fare identificare i pazienti a maggiore rischio di complicanze di questo tipo. L’indicazione attuale per i pazienti paucisintomatici è quella di quarantena fiduciaria con controllo della temperatura e della frequenza respiratoria. In alcuni casi agli stessi pazienti può essere prescritta la somministrazione di ossigeno domiciliare. Per questa tipologia di pazienti, laddove possibile, è ipotizzabile, in alternativa alla quarantena domiciliare, un periodo di osservazione in ambiente protetto, con sorveglianza garantita da personale ospedaliero per garantire la sicurezza nell’effettuazione dell’isolamento. Ai pazienti viene misurata regolarmente (2 volte al giorno) la temperatura corporea e la saturazione di ossigeno e viene condotto una volta al giorno il test del cammino».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cnn, documenti segreti da Wuhan mostrano una cattiva gestione dell’epidemia
Un "whistleblower" avrebbe fornito all'emittente statunitense documenti interni del sistema sanitario cinese. Si parla di numeri diversi e di un approccio troppo lento nella diagnosi dei casi
Gestione dei pazienti Covid in casa, le indicazioni del Ministero a medici e pediatri
Firmata da Rezza e Urbani, la circolare del Ministero della Salute illustra a medici e pediatri come occuparsi di pazienti Covid in cura domiciliare. Elencati anche i criteri da adottare e le restrizioni sui farmaci da prescrivere (netto il "no" all'idrossiclorochina) per evitare un aggravarsi della malattia
Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%
Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»
di Federica Bosco
Iss avverte: quasi 12mila operatori sanitari contagiati in due settimane
Oltre 66mila gli operatori sanitari contagiati da inizio epidemia, con un'età media di 47 anni. Virus meno letale rispetto alla popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli