Salute 28 Febbraio 2020

Coronavirus, ecco come fare in casa gli igienizzanti. Orlandi (FNCF): «Bastano pochi passaggi, ma attenzione ai rischi»

La presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici, spiega: «Come prescrive l’OMS, serve alcol etilico, acqua ossigenata, glicerina, acqua distillata oppure acqua bollita. Fondamentale seguire l’ordine». Nel vademecum anche la pulizia degli abiti e quali sostanze usare per pulire le superfici

Immagine articolo

«Fare molta attenzione e seguire l’ordine esatto delle sostanze da mescolare. Solo così si può realizzare un igienizzante ‘fatto in casa’». Nausicaa Orlandi, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici, spiega a Sanità Informazione i passaggi per arrivare a realizzare una ‘amuchina domestica’ e fronteggiare l’ormai difficile reperibilità di un prodotto che sembra essere uno dei migliori alleati nella lotta al coronavirus. «Ma il gel serve solo per quando si è fuori, in casa è più che sufficiente un sapone» spiega Orlandi, che poi ricorda tutte le altre sostanze che possono essere di aiuto per l’igiene delle mani: «Esistono tanti altri prodotti, ognuno con le sue peculiarità. Il classico che si trova negli ospedali è la clorexidina, un potente battericida, che difficilmente si trova al supermercato, però è un biocida a spettro limitato, agisce su batteri Gram-positivi ma non negativi. I principi attivi disinfettanti sono tanti: dagli àlcoli ai cloroderivati, i derivati fenolici, gli iodofori, il perossido di idrogeno, gli aldeidi».

In tempi di psicosi, non sempre però si riescono a reperire questi prodotti. E allora, non resta che provare a creare un gel ‘home made’ seguendo, in primis, le indicazioni dell’OMS: la ricetta prevede 833 ml di alcol etilico al 96%, 42 ml di acqua ossigenata al 3%, 15 ml di glicerina al 98%, acqua distillata oppure acqua bollita e raffreddata fino ad arrivare ad 1 litro.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ANELLI (FNOMCEO): «SITUAZIONE MEDICI NEL LODIGIANO È DRAMMATICA». E SCRIVE A FONTANA: «COLLABORIAMO»

«È fondamentale seguire l’ordine dei passaggi – spiega Orlandi -. Prima bisogna mettere l’alcol, che si può trovare al supermercato (va bene quello per fare i liquori), poi l’acqua ossigenata. Per dosare i millimetri basta procurarsi una siringa da iniezione. Poi va la glicerina che si trova in farmacia perché molti la usano per fare le creme. È un po’ vischiosa, è quella che dà la forma del gel. Poi si aggiunge l’acqua distillata, oppure bollita. Infine bisogna far raffreddare e versare in bottiglie di plastica o di vetro. Se non si rispetta l’ordine degli ingredienti, si avranno difficoltà di miscibilità».

Ma attenzione: giocare al ‘piccolo chimico’ può essere rischioso. Per questo è opportuno prendere le dovute precauzioni: «Non bisogna mettersi vicino ai fornelli perché l’alcol etilico è altamente infiammabile – sottolinea Orlandi -. Sarebbe meglio avere i guanti e anche gli occhiali per evitare che il liquido entri in contatto con gli occhi.

Per sconfiggere il coronavirus, che secondo alcuni studi sarebbe in grado di resistere molto a lungo sulle superfici, è fondamentale che nel composto ci sia la componente alcolica, purché nella giusta percentuale.

«Prendere l’alcol puro e lavarsi le mani non è uguale a lavarsi le mani con un prodotto contenente una certa percentuale di cloro all’interno» sottolinea Orlandi che smentisce un luogo comune che vuole la candeggina diluita come alternativa all’amuchina. «La varechina è costituita da una soluzione acquosa al 10% dell’ipoclorito di sodio con cui generalmente viene stabilizzata aggiungendo del carbonato di sodio o del solfato di sodio, quindi viene mantenuta stabilizzata perché altrimenti non si potrebbe mantenere nel tempo. La candeggina è sensibile alla variazione di calore e di luce e viene messa in una confezione opaca. La concentrazione è al 10% dell’ipoclorito di sodio, mentre quella proposta dall’ISS è un ipoclorito di sodio all’1%» continua la presidente della FNCF. La candeggina invece va benissimo per pulire le superfici, ma anche qui attenzione a mischiare con altri prodotti chimici: «Il rischio più grosso – continua Orlandi – è che certe persone, per essere sicure di pulire bene, spesso mescolino la candeggina con ammoniaca, alcol, acido muriatico. Quest’ultimo unito alla candeggina può sviluppare cloro e diventare pericoloso. Anche l’acqua calda può dare origine a reazioni. I prodotti vanno usati così come è scritto, nella dose prevista. Viceversa, troppo diluiti potrebbero non fare effetto».

In base al vademecum della FNFC i disinfettanti chimici che possono uccidere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) sulle superfici includono disinfettanti a base di cloro al 1%, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e iodoformio. Questo l’ordine crescente di resistenza dei microrganismi ai disinfettanti chimici: spore, micobatteri, virus senza rivestimento lipidico, funghi, batteri vegetativi, virus con rivestimento lipidico. I disinfettanti presentano diversi spettri di azione, e la loro efficacia è condizionata da molti fattori tra cui la caratteristica del prodotto, le modalità d’uso, la concentrazione di impiego.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, QUANDO LA PROFESSIONE È UNA MISSIONE. DA VO’ EUGANEO LA STORIA DEL GIOVANE SOSTITUTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA IN QUARANTENA

I chimici hanno un ruolo importante anche nei processi di ‘sanificazione’ che sono in corso in tutta Italia in molti luoghi pubblici, a cominciare dai mezzi di trasporto. «C’è una normativa di riferimento, la legge 82 del 1994, poi modificata, che regolamenta la disciplina delle attività di pulizia, disinfezione, derattizzazione, sanificazione – spiega la Presidente FNCF -. C’è differenza tra le varie attività. La disinfestazione è l’eliminazione di piccoli animali tipo artropodi, parassiti, agenti infestanti. La disinfezione è l’insieme per distruggere o inattivare agenti patogeni. La sanificazione è l’insieme di pulizia, disinfezione, disinfestazioni e miglioramento delle condizioni microclimatiche per quanto riguarda temperatura, umidità e ventilazione e quindi per ridurre la proliferazione di batteri e virus. In ospedale si fa la sanificazione. A casa si fa la pulizia e la disinfezione. La sanificazione è un livello molto più alto».

Nel vademecum rilasciato dalla Federazione dei Chimici Fisici, oltre all’importanza di lavarsi le mani, c’è anche un richiamo a procedere al frequente lavaggio degli indumenti con acqua calda e detersivi o, in alternativa, esporre gli abiti al sole così da alterare i parametri ambientali che possano favorire la conservazione del virus.

La Federazione dei Chimici Fisici non è stata direttamente coinvolta dal ministro della Salute Roberto Speranza nelle attività emergenziali anti-coronavirus ma «rinnova la disponibilità sia al Ministro che al Capo della Protezione Civile».

Al momento non risultano chimici-fisici in situazione di difficoltà a causa dell’epidemia ma a far paura, sottolinea Nausicaa Orlandi, è il blocco dell’economia: «Sento di aziende bloccate, fornitori che non forniscono e clienti che non ordinano. L’impatto economico sarà pesante. La problematica che si può innescare è quella del panico. Boccaccio aveva sperimentato l’isolamento per peste. Diceva che il danno peggiore è che si elimina il vivere umano. Ciascuno è nemico di ciascuno. Questo allarmismo può ingenerare rischi economici e danni al nostro tessuto imprenditoriale ma anche a quello dei professionisti. Molte attività sono saltate».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 9 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 9 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 9 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)