Salute 9 Febbraio 2022 17:59

Brusaferro: «Long Covid ancora oggetto di indagini». Al via il progetto ISS sulla sorveglianza

Tra gli obiettivi dell’iniziativa ISS-Ministero anche una mappa dei centri di diagnosi e assistenza al Long-Covid. «Il progetto ci aiuterà ad aumentare le nostre conoscenze sul fenomeno, base da cui partire per trattamenti più mirati, oltre che omogenei» spiega Graziano Onder (ISS)

Brusaferro: «Long Covid ancora oggetto di indagini». Al via il progetto ISS sulla sorveglianza

Affanno, affaticamento, dispnea. E ancora cefalea, perdita di gusto e olfatto, disturbi d’ansia e del sonno. È il Long Covid, sindrome peculiare ed esclusiva del Covid-19, l’eredità dell’infezione da Sars CoV-2. Una serie di sintomi e sequele (fisiche, cognitive e neurologiche) che continuano – o emergono – dopo la fase acuta e nonostante la negativizzazione.

Long Covid, il progetto ISS-Ministero della salute

Le manifestazioni del Long Covid appaiono evidenti e colpiscono vari organi, giovani e adulti, sembra più le donne che gli uomini. E per monitorare gli effetti, accrescere le conoscenze e uniformare l’approccio e la gestione clinica a livello nazionale è nato il progetto finanziato dal Ministero della salute e coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità. Si chiama “Analisi e strategie di risposta agli effetti a lungo termine dell’infezione Covid-19” ed è stato presentato oggi nel corso del webinar Long Covid: pronti a fronteggiare l’impatto presente e futuro della pandemia?.

Gli obiettivi: definire buone pratiche e protocolli diagnostici sul territorio

Il progetto coinvolgerà per due anni Enti di tre Regioni (Friuli-Venezia Giulia, Toscana e Puglia) e ha cinque obiettivi specifici. Definire le dimensioni del fenomeno Long Covid, con un’analisi dei flussi regionali e dei MMG. Definire numero, caratteristiche e distribuzione sul territorio dei centri Long Covid (l’ISS effettuerà un censimento). Definizione di buone pratiche e protocolli diagnostici in tema Long Covid per uniformare i servizi in tutt’Italia. Costruire un sistema di sorveglianza e sviluppare una piattaforma informatica con workshop o webinar periodici di informazione e aggiornamento.

Brusaferro: «Long Covid ancora oggetto di indagini»

«Ormai sappiamo che se a distanza di quattro settimane dall’infezione e nonostante la negatività del test, i sintomi persistono – afferma Silvio Brusaferro, Presidente dell’ISS – ci troviamo di fronte ad una condizione che oggi viene inquadrata come Long Covid. Le conoscenze su questo sono tuttora oggetto di numerose indagini e in questa prospettiva di approfondimento va inquadrato questo progetto».

Onder (ISS): «Non è chiaro se danno del virus o risposta immunitaria»

«Stanchezza, problemi di memoria e difficoltà a concentrarsi, perdita di olfatto e gusto, ma anche cefalea, stress e difficoltà cardio-respiratorie. Sono alcuni dei sintomi persistenti associati al Covid-19, anche a guarigione avvenuta – spiega Graziano Onder, Direttore del Dipartimento Malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell’invecchiamento dell’ISS e coordinatore del progetto – che fanno parlare di Long Covid. Non è ancora chiaro se tutto ciò sia conseguenza di un danno causato a monte dal virus contro questo o quell’organo, o dalla risposta immunitaria innescata sempre dal virus ma poi “deviata” contro organi e tessuti. Il progetto ci aiuterà ad aumentare le nostre conoscenze sul fenomeno, base da cui partire per trattamenti più mirati, oltre che omogenei».

Long Covid in pediatria, Villani (Bambino Gesù): «Abbiamo 54 bambini ricoverati, 5 in rianimazione»

In sei casi su mille, dopo il Covid, i bambini possono sviluppare una complicanza importante, la malattia multi-infiammatoria sistemica. E sviluppare manifestazioni a distanza, che vanno sotto l’ombrello del Long Covid, in una percentuale intorno al 6-7% dei casi. Gli esperti, ad oggi, non sono in grado di individuare quali sono i bimbi, in salute, che rischiano di più una forma seria di Covid. Forse perché l’esito della malattia è il risultato di tanti fattori. «Noi non sappiamo preventivamente qual è il bambino che morirà o andrà incontro a forme gravi di Covid – sottolinea Alberto Villani, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma nel corso del primo webinar multidisciplinare organizzato dall’ISS a cui ne seguiranno altri -. Oggi abbiamo 54 bambini ricoverati, 5 in rianimazione. Pochi giorni fa ne avevamo 90, 8 in rianimazione. È un virus con cui non si scherza, la vaccinazione deve essere fatta anche nei bambini. Nessuno può prevedere cosa accadrà il prossimo inverno, l’ideale è arrivarci tutti vaccinati».

Long Covid in pneumologia, Richeldi: «Dispnea resta in metà dei pazienti»

L’impatto principale del Covid è respiratorio: lo è anche per il Long Covid? «La risposta è sì – aggiunge Luca Richeldi, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma -. La patogenesi è polmonare, il polmone è l’organo di entrata, uscita e a volte permanenza, del virus. La dispnea è un sintomo che resta quasi nella metà dei pazienti identificati al follow-up».

Long Covid e MMG, Grattagliano (SIMG): «Necessaria formazione specifica per operatori e sanitari»

«È il MMG che ha in carico il paziente – evidenzia Ignazio Grattagliano (SIMG) – e sarà in grado di collegare la sintomatologia del Long Covid a un’infezione superata. Deve essere sempre considerato che il momento della negativizzazione non rappresenta, per alcuni, la fine della storia della malattia ma quello del manifestarsi di sintomi nascosti». Per gestire questi pazienti è necessaria «una formazione specifica di operatori e sanitari – continua – siamo impreparati, anche sulle riabilitazioni cardio-respiratorie, neurologiche e psichiatriche». A questo scopo «sarebbe utile pensare di creare un sito web con informazioni dettagliate e precise ma anche semplici con suggerimenti e consigli utili su come affrontare i disagi del Covid a lungo termine. I pazienti con sintomi da Long Covid non sono tutti uguali, è una condizione a volte fumosa. L’approccio ad un giovane deve essere diverso rispetto a quello al paziente anziano con comorbidità. Sono da prendere in considerazione nuove forme di presa in carico e di follow-up con interventi multidisciplinari in rete. C’è bisogno di istituire percorsi dedicati al Long Covid che includano accertamenti diagnostici e consulenze specialistiche in tempi brevi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Arrivano le zecche, attenzione alla malattia di Lyme
Inverno mite e primavera con temperature elevate hanno contribuito alla diffusione delle zecche. L’area più colpita è l’Europa centrale, dove si segnala un 20,7% di infezioni, a seguire l’Asia orientale con il 15,9% e l’Europa occidentale con il 13,5%. Antonella D’Arminio Monforte, direttore della struttura complessa di malattie infettive Santi Paolo e Carlo Milano spiega come affrontarle e le possibili conseguenze
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?
La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
“Non sono più io”, la testimonianza di una donna affetta da Long Covid
Ericka dopo due anni dalla malattia ancora non riesce a riprendere il lavoro perché le sono state diagnosticate diverse patologie: dalla stanchezza cronica, alla perdita di memoria, fino alla tachicardia e all’insonnia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali