Salute 5 Gennaio 2022 17:33

Covid, Tozzi (Bambino Gesù): «Ricoverati bimbi di tutte le età. Vaccinate i più piccoli con estrema fiducia e tranquillità»

«Ci sono neonati di pochi giorni fino a ragazzi di 16. Tre sono in terapia intensiva. I vaccini anti Covid si sono dimostrati efficaci e sicuri in una quantità così grande di casi che non ci aspettiamo sorprese. Devono invece prevenire i guai che vediamo in questi giorni»

Covid, Tozzi (Bambino Gesù): «Ricoverati bimbi di tutte le età. Vaccinate i più piccoli con estrema fiducia e tranquillità»

Due settimane di vita il più piccolo, 16 anni il più grande, tre in terapia intensiva. Un totale di circa 50 pazienti pediatrici ricoverati per Covid all’Ospedale Bambino Gesù di Roma. Il trend è in netta crescita: a dicembre, prima delle feste, i piccoli pazienti ricoverati erano una quindicina. Nel giro di qualche settimana, i numeri si sono triplicati.

Tozzi (Bambino Gesù): «Tra i ricoverati bimbi di tutte le età, anche in buona salute prima del Covid»

Quello che succede ai bambini è il riflesso di quello che sta accadendo agli adulti. Più aumentano i contagi, più crescono i malati che hanno bisogno di essere ricoverati, anche tra i più piccoli. Alberto Eugenio Tozzi, pediatra ed epidemiologo, Responsabile dell’Area di ricerca malattie multifattoriali e malattie complesse del Bambino Gesù, descrive al nostro giornale la situazione nell’ospedale romano.
«Ci aspettiamo un’ulteriore crescita generalizzata dell’epidemia che si rifletterà, per forza di cose, sui bambini – spiega a Sanità Informazione -. I bambini ricoverati appartengono a tutte le età pediatriche: ci sono neonati di pochi giorni fino a ragazzi di 16 anni. Tre sono in terapia intensiva. Il più piccolo ha due settimane di vita, il più grande 16, anche in buona salute prima del Covid. La maggior parte non hanno condizioni preesistenti, purtroppo».

Come si manifesta il Covid nei bambini?

«Nelle fasi iniziali le manifestazioni respiratorie del Covid nei bambini sono sovrapponibili a quelle di una comune infezione virale respiratoria – spiega lo specialista -. In qualche caso, però, queste manifestazioni modeste possono diventare più importanti e interessare la parte bassa del tratto respiratorio, quella polmonare. Oltre alla caratteristica tosse, c’è una compromissione della ventilazione ed è il motivo per cui alcuni bambini hanno bisogno di assistenza polmonare, del casco di ossigeno per respirare. Questa è la prima differenza».

Sindrome multi-infiammatoria sistemica e long Covid nei bambini

Può sopraggiungere, poi, un’altra complicazione. «In sei casi su mille, dopo il Covid, questi bambini possono sviluppare una complicanza importante. Si chiama malattia multi-infiammatoria sistemica, uno stato di infiammazione generalizzato che spesso richiede il ricovero ospedaliero e interessa diversi organi vitali insieme». Infine, un’altra evenienza è che il bimbo che ha avuto il Covid possa avere delle manifestazioni a distanza «di lungo periodo, che vanno sotto l’ombrello del long Covid, in un percentuale intorno al 6-7% dei casi» sottolinea il medico.

Quali bimbi, in buona salute, rischiano di più?

I bambini fragili sono sicuramente più a rischio, ma molti bambini ricoverati erano in buona salute. Per il momento, è ancora difficile individuare quali sono i bimbi, in salute, che rischiano di più una forma seria di Covid. «La comunità scientifica sta facendo sforzi inauditi per cercare di rispondere a questa domanda. Ma anche per il morbillo, ad esempio, non siamo in grado di capire quali bambini, a priori, avranno complicanze. È, probabilmente, il risultato di tanti fattori che non siamo ancora in grado di decifrare».

«I vaccini anti Covid si sono dimostrati efficaci e sicuri, non ci aspettiamo sorprese»

Il medico insiste, dunque, sull’importanza della vaccinazione per i bambini che hanno possibilità di farlo, dai 5 anni in su. Per quanto riguarda la fascia d’età tra i 12 e i 18 anni, secondo il dottor Tozzi, «è stato fatto un ottimo lavoro, c’è stata una risposta eccellente, le coperture possono migliorare ma sono buone». I bambini tra i 5 e gli 11 anni, invece, sono ancora parzialmente scoperti dalla vaccinazione, solo il 12% nel Lazio. «Questi bimbi possono essere vaccinati con estrema fiducia e tranquillità. I vaccini si sono dimostrati efficaci e sicuri in una quantità così grande di casi che non ci aspettiamo sorprese. Devono invece prevenire i guai che vediamo in questi giorni».

Tozzi (Bambino Gesù): «La vaccinazione permette di prevenire i ricoveri»

Ma quali sono le maggiori preoccupazioni dei genitori? «I genitori non hanno un atteggiamento oppositivo, vogliono solo informazioni da noi pediatri. Le domande che fanno sono relative alla sicurezza del vaccino e agli effetti collaterali. E possiamo dire che tutti i dati che abbiamo, preliminari e successivi, sono confortanti. La sorveglianza continua, ma non ci sono state segnalazioni di eventi gravi o meritevoli di attenzione. La vaccinazione ci permette di prevenire i ricoveri. Tre pazienti sono in terapia intensiva: è ciò che vorremmo cancellare e bisogna fare di tutto perché questo accada» conclude il dottor Tozzi.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Nel 2019 1,2 milioni di morti per super-batteri. Maga (Cnr): «Sia da monito contro uso improprio di zitromax»
Nel 2019 l'antibiotico-resistenza ha ucciso ben 1,27 milioni di persone, più di quanto abbiano fatto AIDS e malaria. Maga del Cnr: «Fondamentale contrastare uso inappropriato di antibiotici, come lo zitromax contro Covid-19»
3.921 over 60 morti nell’ultimo mese. FederAnziani: «Ma tasso mortalità sceso all’1,19% grazie ai vaccini»
Il centro studi di FederAnziani ha analizzato gli ultimi dati provenienti dall’ISS. Messina: «Concentrarsi su questa fascia di popolazione. Rischio di morire è superiore di ben 56 volte per le persone non vaccinate»
Premio “LEADS – Donne Leader in Sanità”: prorogata la consegna dei progetti
È stata prorogata al 21 maggio la consegna dei progetti per partecipare alla prima edizione del Premio LEADS - Donne Leader in Sanità, a causa del prolungamento dell’emergenza Covid-19 dovuto alla variante Omicron. La cerimonia di premiazione slitterà al 21 giugno
Covid e quarta dose, dubbi e timori degli scienziati. «Un secondo booster inutile e rischioso»
Gli scienziati sono scettici e preoccupati degli effetti di un'eventuale quarta dose di vaccinazione anti-Covid per tutti. I dubbi riguardano sia l'efficacia che le probabilità di creare una sorta di "paralisi immunitaria"
Vaccini, tra obblighi e consenso informato
Il nuovo obbligo vaccinale per gli over 50, appena entrato in vigore, già divide l’opinione pubblica in fazioni. Chi lo ritiene insufficiente e lo vorrebbe esteso a tutti. Chi invece lo ritiene illegittimo, perché non sostenuto da effettive ragioni di tutela della salute pubblica. Si tratta, lo ricordiamo, di un trattamento sanitario obbligatorio ovviamente non […]
di Avvocato Maurizio Hazan (Hsm-Consulcesi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre