Salute 29 Luglio 2020

Covid-19, qual è il meccanismo che scatena l’infiammazione? Risponde Francesco Violi (Sapienza)

Intervista al direttore della Prima Clinica Medica del Policlinico Umberto I di Roma

di Vanessa Seffer

Il team di scienziati dell’Università Sapienza di Roma, guidati dal professor Francesco Violi, ordinario di Medicina Interna e direttore della Prima Clinica Medica del Policlinico Umberto I di Roma, ha studiato il meccanismo a catena che muove il virus SARS-CoV-2 causando spesso gravi danni all’organismo. Lo studio, pubblicato sulla rivista inglese Redox Biology, è stato condotto su 182 pazienti e ha visto la collaborazione di Claudio Maria Mastroianni e Francesco Pugliese dello stesso Policlinico. I risultati ottenuti potrebbero aprire la strada alla ricerca di nuove cure e terapie per il Covid-19, in attesa del vaccino.

Professor Violi, ci spieghi in che modo il virus entra nell’organismo.

«Il virus entra attraverso ACE-2, un enzima che si trova nelle cellule endoteliali dei vasi sanguigni di tutti gli organi, specie del cuore e del polmone. Entrando attraverso l’ACE-2, che fa da cavallo di Troia, il virus lo inattiva e non funziona più».

Cosa fa l’ACE-2? Come funziona quando è attivo?

«Degrada un enzima, l’angiotensina II, che ha un potente effetto infiammatorio dei vasi e mediatore dell’infiammazione delle arterie che avviene attraverso l’attivazione dell’enzima NOX2, il più importante produttore cellulare di ricarica di ossigeno. Quindi, poiché nei soggetti con Covid l’ACE-2 è inattivato e l’angiotensina II è aumentata, l’enzima NOX2 potrebbe essere attivato. E così è. Abbiamo allora dimostrato una catena di eventi che portano all’infiammazione delle arterie e quindi alla trombosi. In altre parole, il virus interrompe la catena che salva le arterie. Quando questa viene interrotta, si avrà un danno a livello arterioso mediato dagli enzimi angiotensina II e NOX2. La nostra intuizione è di aver visto, sapendo che quella che infiamma è la NOX2, come si arriva ad una sua attivazione, perché, non funzionando, l’ACE-2 non impedisce che questa cascata si attivi e quindi che faccia danno alle arterie. Questa è la novità».

Per guarire che cosa bisogna fare?

«Bisogna inibire la NOX2. Ci vuole un farmaco molto particolare che può andare bene per guarire dal Covid-19 in un breve arco di tempo, finché il paziente è ospedalizzato; nel cronico è più complicato, perché si interferirebbe con un sistema che serve all’organismo nel caso di immunità innata».

Serve quindi un farmaco?

«Serve un farmaco finché non si avrà un vaccino che farà scomparire tutto questo, un antiossidante che inibisca la NOX2. È ovvio che lo sviluppo futuro sarà vedere se gli inibitori della NOX2 proteggono dall’infiammazione».

Sono quindi le infiammazioni la base di molte malattie?

«Sì, e di tante che portano ad una precoce mortalità. E noi abbiamo capito perché».

 

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...