Salute 5 Aprile 2023 12:34

Alzheimer, l’aggiornamento AIFA non convince le associazioni: «Resta il collo di bottiglia dei Centri»

Patrizia Spadin, presidente di AIMA, Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, contesta le scelte AIFA: «I CDCD hanno liste di attesa lunghissime e molti pazienti non riescono ad accedere. Ma la gratuità dei farmaci è vincolata al Piano terapeutico del centro». E chi può i farmaci preferisce pagarli

Alzheimer, l’aggiornamento AIFA non convince le associazioni: «Resta il collo di bottiglia dei Centri»

Potrebbe essere un’occasione persa l’aggiornamento della nota 85 di AIFA, l’Agenzia del Farmaco Italiana, che è andata a cambiare alcune regole per l’accesso alle terapie da parte dei pazienti affetti da Alzheimer e demenze correlate.

«Purtroppo non ci hanno ascoltato» commenta Patrizia Spadin, presidente di AIMA, Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, a Sanità Informazione. «Il problema – spiega Spadin – è questo abbraccio mortale tra Piano terapeutico e Centri per i Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD) in una situazione in cui questi ultimi non sono uniformi sul territorio e hanno spesso liste di attesa molto lunghe, per cui il vincolo del piano terapeutico crea problemi alle famiglie».

Il collo di bottiglia dei CDCD

La nota, oltre a modificare la rimborsabilità di alcuni farmaci, aggiorna anche il monitoraggio delle terapie farmacologiche, ora meno rigido e più personalizzato alle esigenze del singolo paziente. In particolare, la visita di controllo nei casi stabilizzati può essere distanziata anche a un anno, se il caso lo consente. Una modifica positiva ma che potrebbe non bastare. Per AIMA la distribuzione gratuita dei farmaci vincolata al piano terapeutico e ai CDCD è «un imbuto, un collo di bottiglia».

«Chiediamo che la prescrizione dei farmaci e il piano terapeutico vengano fatti anche dagli specialisti del territorio, senza andare al CDCD che sono troppo pochi, mal di disposti e con orari ridotti e non hanno in carico tutti i pazienti» continua Spadin.

Oggi qualsiasi specialista può prescrivere alcuni farmaci, come gli inibitori della colinesterasi che vengono somministrati negli stadi iniziale e intermedio della malattia di Alzheimer. Ma solo se prescritti in un centro CDCD questi farmaci sono gratuiti, altrimenti si pagano.

Farmaci per Alzheimer gratuiti solo con piano terapeutico

«Molti di questi farmaci sono diventati generici nel tempo per cui i prezzi non sono elevatissimi. Però non si capisce perché questo imbuto. Sono 20 o 25 anni che ci sono questi farmaci, gli specialisti sanno usarli e sanno controllare i pazienti. Parlo degli specialisti, neurologi e geriatri, non degli MMG».

Spadin sottolinea: «Io ne conosco tanti di pazienti che pur di non fare la trafila della prenotazione, della visita, ecc. decidono di pagarseli ma non tutti possono permetterselo. Sono pazienti che hanno così poco che almeno i farmaci dovrebbero essere gratuiti».

La presidente AIMA ricorda poi la lentezza della burocrazia italiana, come nel caso della durata del progetto Cronos, uno studio osservazionale multicentrico per il monitoraggio dei piani di trattamento farmacologico, durato ben quattro anni e che poi ha portato all’originaria nota 85.

«Io ho avanzato le nostre richieste ad AIFA nel tavolo apposito, ma non mi hanno ascoltato. So che anche tra le società scientifiche c’è contrasto. Per noi è urgente agire» spiega ancora Spadin.

Sui nuovi farmaci che promettono di bloccare le demenze già approvato da FDA, Spadin è pessimista. «Temo che fintanto che non cambiano le cose non li renderanno disponibili da noi semplicemente perché non siamo in grado di fare la diagnosi precoce e somministrare questi farmaci se non in pochi centri. I pazienti che hanno sintomi leggeri andrebbero sottoposti a una serie di accertamenti non sempre disponibili. Parliamo di 300 o 400 mila persone che hanno diritto ad essere valutate per scoprire se sono persone che convertiranno ad Alzheimer».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Alzheimer: regolare i livelli di dopamina riduce i sintomi nelle prime fasi della malattia
Uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, insieme alla Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e condotto su modelli sperimentali, ha confermato che la stimolazione dopaminergica è efficace nel ridurre l’ipereccitabilità dell’ippocampo condizione alla base dell’insorgenza di epilessia e che può contribuire al progressivo danno cognitivo nell'Alzheimer
Scoperte 5 diverse forme di Alzheimer. Aperta la strada a nuove terapie personalizzate
Ci sono 5 tipi diversi di Alzheimer e questo potrebbe spiegare perché alcuni farmaci sembrano essere inefficaci con questa devastante malattia neurodegenerativa. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio condotto dall'Alzheimer Center Amsterdam, dall'Università di Amsterdam e dall'Università di Maastricht, nei Paesi Bassi. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Aging, potrebbero avere implicazioni per il futuro sviluppo di farmaci contro l’Alzheimer
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Creato il più grande atlante delle cellule cerebrali umane
Circa 200 miliardi di cellule cerebrali. Precisamente 86 miliardi di neuroni e 100 miliardi di cellule di 3.000 tipi diversi. Sono impressionanti i numeri del più completo atlante delle cellule del cervello umano e dei primati non umani, realizzato nell’ambito della Brain Initiative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...