Salute 12 Luglio 2018 12:22

Adolescenti e disturbi alimentari, Busato Barbaglio (psicoanalista): «Quando lo sguardo dell’altro è uno specchio deforme»

«Appare come una patologia dell’alimentazione, ma può essere una ricerca di identità». Carla Busato Barbaglio, della Società Psicoanalitica Italiana, analizza l’impatto che le immagini di bellezza e perfezione possono avere sulla crescita individuale

di Isabella Faggiano

Dalle emoticons, piccole faccine espressive che sostituiscono intere frasi negli sms, alle foto postate su Instagram e  Facebook, per raccontare cosa stiamo facendo o pensando. Nell’era 2.0 sono le immagini a comunicare, più delle parole. Ma cosa accade a giovani e adolescenti quando queste immagini che bombardano la loro vita quotidiana veicolano soprattutto messaggi di perfezione e bellezza?

«C’è un prezzo altissimo da pagare. Influenzano il loro sviluppo psichico». A rispondere è Carla Busato Barbaglio, psicoanalista didattica della Società Psicoanalitica Italiana. Per lei è soprattutto il gentil sesso ad avere la peggio: «Come dice  Rossana Rossanda (giornalista e scrittrice italiana, ndr)  la donna vive con uno specchio piazzato costantemente davanti a sé. Vive con lo sguardo dell’altro puntato, occhi che diventano la sua unità di misura. Troppo bassa o troppo alta, non sufficientemente magra, esageratamente grassa. Meglio bionda o bruna. Questo specchio, per una ragazzina che si affaccia alla vita, alla crescita, si trasforma in un grosso peso da portare sulle spalle».

Perché queste immagini influenzano soprattutto le adolescenti?

«Questa fase della vita femminile è molto delicata: le giovani cominciano ad affacciarsi al mondo e, mentre lo fanno, percepiscono i cambiamenti del proprio corpo, movimenti ormonali, chimici, fisici. Quando appaiono le prime forme su una figura che non è più quella di una bambina lo sguardo che viene dalla società, dall’altro, può trasformarsi in una persecuzione».

LEGGI ANCHE: DISTURBI ALIMENTARI, IN ITALIA 3MILA VITTIME L’ANNO. PARLA LO PSICHIATRA LUCIO RINALDI: «COLPA DELLA SOLITUDINE E DELLA MANCANZA DI AUTOSTIMA»

E se l’adolescente percepisce la sua immagine nello specchio come un riflesso disarmonico?

«Possono insorgere dei disturbi – ha spiegato la psicoanalista -. Ma è necessario distinguere tra i disturbi alimentari di minore gravità e le anoressie vere e proprie. I primi possono essere anche conseguenza di un particolare momento della vita. Una ragazza, ad esempio, può decidere di cominciare una dieta con le amiche, per rispondere a determinati canoni di bellezza, e poi ritrovarsi a fare i conti con una realtà interiore molto più intricata. Una situazione tipica dell’adolescenza, periodo della vita in cui si costruisce l’identità personale. I disturbi alimentari che possono innescarsi in un contesto simile, di solito, non nascondono nulla di più grave. Al contrario, invece, dietro una patologia come l’anoressia ci possono essere elementi psicopatologici, disagi economici, sociali, abusi, trascuratezze. E qui le immagini di perfezione veicolate dai social c’entrano poco o nulla».

Come uscirne?

«È molto importante nelle condizioni più gravi lavorare in rete. A volte, casi estremi possono richiedere anche dei ricoveri. Nelle situazioni più lievi, invece, il tutto può risolversi anche con una psicoanalisi. Ciò che appare come un disturbo del comportamento alimentare può in realtà essere una ricerca di identità. Allora non resterà che guidare la giovane alla scoperta di sé. Affronterà nuove relazioni, nuovi affetti. E in questo mondo appena conosciuto troverà, pian piano, anche il posto che preferisce».

LEGGI ANCHE: TRAUMI INFANTILI E DISTURBI ALIMENTARI, IL LEGAME C’È. L’INTERVISTA ALLO PSICHIATRA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
I disturbi del comportamento alimentare sono aumentati del 30% tra i giovanissimi
Le cause secondo la psicologa: «Equilibri familiari saltati, esposizione costante al cibo, instabilità continua tra chiusure e riaperture. La DAD? Un trigger pericoloso per i soggetti a rischio»
Ambra Angiolini testimonial in Regione Lombardia della legge per la prevenzione e la cura dei disturbi alimentari
L’attrice realizzerà con le ragazze del centro pilota regionale degli Spedali Civili di Brescia un laboratorio teatrale «per raccontare e far comprendere come si combatte il cancro dell’anima»
di Federica Bosco
Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi
La psicoterapeuta: «Da un racconto generale, si arriva a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati. L’ipnosi si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza che permetterà di entrare in contatto con la parte più profonda di sé»
di Isabella Faggiano
Disturbi alimentari nei più piccoli aumentati del 30% in lockdown. Migliaccio (Sisa): «Causati da paura e convivenza forzata»
Bambini e pre-adolescenti sempre più esposti ai DCA. Le richieste di aiuto sono salite durante la quarantena. Per l'esperta: «Sensazione di mancanza di controllo e riserve alimentari hanno favorito il binge eating disorder»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre