Professioni Sanitarie 13 Settembre 2022 12:49

Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea

Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»

Il terapista delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva è la seconda professione sanitaria, dopo gli infermieri, per tasso di occupazione nel post laurea: l’83,3% trova lavoro immediatamente, tra gli infermieri la percentuale è di 84,8 (dati del XXIV Report Consorzio interuniversitario di AlmaLaurea Bologna). «È una professione che attrae moltissimo gli studenti poiché offre una formazione ad alta specializzazione – spiega Andrea Bonifacio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale dei Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva -. È una figura unica in Europa e, come tale, fa emergere quanto l’Italia sia all’avanguardia nell’ambito della riabilitazione».

Figura unica in Europa

Grazie alla ricerca scientifica ed agli investimenti nelle nuove tecnologie questo primato non solo viene mantenuto negli anni, ma è in continua evoluzione e miglioramento. «I terapisti della neuro e psicomotrictà dell’età evolutiva, oltre ad essere attivi nell’ambito della riabilitazione, sono sempre più impegnati anche nella ricerca specialistica in neuroriabilitazione», aggiunge Bonifacio. Durante la pandemia, poi, c’è stata una forte e repentina espansione della teleriabilitazione. «Abbiamo incrementato l’utilizzo di tutti quei supporti tecnologici che ci permettono di intervenire anche a distanza – spiega il presidente della Commissione d’Albo Nazionale dei Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva -. Tecnologie utili non sono durante i lockdown che si sono susseguiti in questi oltre due anni di pandemia, ma anche per far fronte alle lunghe liste di attesa».

Il parent trainig

Molti terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva si sono formati, e continuano ad aggiornarsi, per offrire degli interventi a distanza, mediati dai genitori, laddove i tempi di attesa per essere inseriti in un percorso in convezione con il Sistema Sanitario Nazionale siano troppo lunghi. «Con il parent trainig, ovvero un intervento psicoeducativo che ha l’obiettivo di coinvolgere i genitori nel programma riabilitativo e terapeutico intrapreso dai figli, si riesce a sopperire, almeno in parte a questa carenza. Ma ovviamente non può essere considerata “la soluzione”».

Aumentare la presenza nel SSN

Il problema delle liste di attesa va risolto alla radice aumentando numericamente i Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva attivi nel SSN. «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato, collaborazioni libero-professionali per lo più in ambito privato. Nel SSN, stando agli ultimi dati, c’è un terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva ogni 165 pazienti, con percentuali anche peggiori in alcune zone d’Italia. Questo si ripercuote sulle liste di attesa: attualmente la media è di due anni, un tempo troppo lungo per i piccoli pazienti. In un bambino di un anno, o che ha solo pochi mesi di vita, ritardare l’intervento riabilitativo pure di un unico mese può anche comprometterne l’esito finale del trattamento. Per questo non c’è mai tempo da perdere – conclude Bonifacio -. Prima si interviene e meglio è».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
TSRM a Congresso dal 23 al 25 settembre, le richieste di Galdieri (CdA)
Al Congresso si parlerà di PNRR e delle questioni irrisolte della professione. La presidente della Cda Carmela Galdieri commenta il rinnovo del contratto del comparto: «Bene sulla valorizzazione ma molte perplessità sulla parte economica». Poi chiede di rivedere l’iter formativo
di Francesco Torre
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi