Professioni Sanitarie 13 novembre 2018

Educatori professionali, il presidente Anep Nicola Titta: «L’Ordine è già operativo ma le iscrizioni non sono consentite ai laureati in Scienze dell’Educazione»

L’appello alle istituzioni: «La classe politica provveda a rimuovere tutti gli ostacoli che  impediscono ad alcuni professionisti di iscriversi all’Ordine e di esercitare in maniera libera»

di Isabella Faggiano

Aiuta una persona disabile ad acquisire la massima autonomia di cui è capace. Sostiene un bambino, con un passato fatto di abusi o trascuratezze, nella sua crescita personale. Assiste un anziano non più autosufficiente. Cosi, l’educatore professionale accompagna gli individui, in diverse fasi della loro vita, lungo un percorso sia abilitativo che riabilitativo, “tenendoli per mano” fin quando necessario.

«Un esercito di circa 60 mila professionisti – ha affermato Nicola Titta, presidente dell’Anep, l’Associazione Nazionale Educatori Professionali – che sin dal 1950 prende in carico le persone e tutti gli aspetti funzionali della loro vita».

Ma se la cifra degli educatori professionali che operano in Italia è, per ora, solo una stima, presto ci si potrà basare su un censimento certo. Da quest’anno, infatti, gli educatori professionali, come molti altri professionisti sanitari, hanno l’obbligo di iscriversi all’ordine di competenza. A stabilirlo uno dei decreti attuativi della legge 3/2018 sulla riforma degli ordini professionali e le sperimentazioni cliniche, meglio conosciuta come legge Lorenzin.

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM e PSTRP): «ORDINE FAVORIRA’ QUALITA’. ORA SERVONO DECRETI ATTUATIVI»

Ma anche quando le iscrizioni saranno terminate, all’appello finale potrebbero mancare molti professionisti: «Non tutti gli educatori professionali – ha spiegato il presidente Titta -, pur lavorando da tempo, in ambiti pubblici o privati, possono iscriversi all’Ordine. È il caso dei laureati in Scienze dell’Educazione – ha specificato il presidente Anep – il cui titolo (secondo i requisiti previsti dalla legge attualmente in vigore) non è ritenuto abilitante all’esercizio della professione».

Meno di un anno fa, la legge Iori  – dal nome dell’onorevole promotrice Vanna Iori –  aveva riconosciuto la qualifica di educatore professionale socio-pedagogico a chi consegue un diploma di laurea nella classe di laurea L-19 (Scienze dell’educazione e della formazione ) e quella di educatore professionale socio-sanitario a chi consegue un diploma di laurea abilitante nella classe di laurea L/SNT/2 (Professioni sanitarie della riabilitazione).

Intanto, nonostante alcune difficoltà, così come previsto dalla legge, «l’Ordine è già attivo e operativo – ha aggiunto il presidente Anep -. Dal primo luglio di quest’anno sono cominciate le iscrizioni. Nel 2019, poi,  saranno costituiti i cosiddetti albi professionali che andranno ad implementare l’Ordine già funzionante».

E cosa accadrà a quegli educatori professionali finiti nel limbo? «Su questo – ha assicurato Titta – ci stiamo già mobilitando. Sarà necessario rimuovere tutti gli ostacoli che attualmente impediscono a questi professionisti di iscriversi all’Ordine e di esercitare in maniera libera. Professionisti che già lavorano nel settore da svariato tempo e che, in molti casi, sono anche vincitori di concorsi pubblici. Ci si aspetta quindi che la politica prenda i giusti provvedimenti per aiutare tutte queste persone. Laddove ciò non accadesse – ha concluso il presidente Anep –  sarebbe un vero disastro».

 

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»
«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»
«Per la formazione - sottolinea il numero uno dell'Associazione italiana podologi - raggiunti importanti traguardi. Approvati  tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia»
di Isabella Faggiano
Con 90 nuovi master nasce il professionista sanitario del futuro. Marcuccilli (ANTEL): «Sarà requisito essenziale per avanzamento di carriera»
È stato l’Osservatorio per le professioni sanitarie presso il Miur a stabilire i 90 nuovi corsi, che saranno a numero chiuso: circa 25 persone ciascuno. Il rappresentante dei Tecnici di laboratorio biomedico in seno all’Osservatorio: «I professionisti potranno acquisire le nuove competenze tenendo conto delle esigenze tecnologiche e di mercato»
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Dai tetti di spesa delle Regioni alle iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie, molte nostre ragioni accolte»
La presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Non è certamente la finanziaria che avremmo desiderato, ma ci sono diversi aspetti che testimoniano che l’impegno associativo non è stato vano». Sull’Ires al terzo settore: «Il Presidente Conte si è impegnato a cambiare questa norma»
Maxi Ordine professioni sanitarie, Laila Perciballi (Movimento Consumatori): «Strumento fondamentale per combattere abusivismo»
L’avvocato, volto noto in tv, sottolinea le potenzialità della legge Lorenzin: «Finalmente cittadini sanno come poter riconoscere un professionista». Sulle liste di attesa: «Sono migliaia le lamentele che arrivano ai nostri call center. Lesi principi costituzionali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...