Professioni Sanitarie 1 Ottobre 2018

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila

Il nome è lungo e complicato, ma questa istituzione è destinata a rappresentare migliaia di tecnici e operatori sanitari. Stiamo parlando della nuova Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, istituito con la legge Lorenzin (la 3 del 2018). Abbiamo intervistato il presidente Alessandro Beux, chiamato in audizione in Commissione Affari Sociali per discutere del ‘Sunshine act’ contro la corruzione in sanità. È l’occasione per parlare delle 17 professioni sanitarie che rappresenta (dai fisioterapisti ai logopedisti) e delle grandi potenzialità che si aprono con l’istituzione dell’Ordine. Le preiscrizioni hanno già fatto registrare 75mila iscritti, ma, spiega Beux, «i professionisti che dovranno essere censiti saranno 230 – 240mila» anche se, tolti i tecnici radiologi e gli assistenti sanitari non si può andare al di là di una stima perché «non è mai esistito un albo».

Presidente, lei guida un nuovo Ordine creato grazie alla legge Lorenzin. Innanzitutto, qual è la denominazione esatta?

«La denominazione è lunga ma va richiamata per intero per non dimenticare nessuno. È la Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione».

LEGGI ANCHE: CHIROPRATICI, L’APPELLO AL GOVERNO DI WILLIAMS (AIC): «PROFILO PROFESSIONALE E PERCORSO FORMATIVO VANNO DEFINITI PRESTO»

Siete stati in audizione nella Commissione Affari Sociali della Camera, che proposte avete portato, cosa vi hanno chiesto?

«Intanto il disegno di legge, primo firmatario l’onorevole Baroni, era sulla trasparenza nelle transazioni che ci sono tra le industrie produttrici di farmaci, dispositivi medici e altri servizi di interesse sanitario e gli operatori o le organizzazioni che operano in ambito sanitario. Abbiamo portato tre messaggi principalmente, un apprezzamento nei confronti dell’iniziativa perché l’attenzione alla trasparenza è sempre cosa buona e giusta e quindi tanto più è ricercata e tanto meglio è. Un apprezzamento nei confronti dell’impostazione che non tende a porre in negativo questo tipo di relazione ma si propone l’obiettivo di renderle evidenti perché è impossibile pensare che questo tipo di relazione tra industrie e organizzazioni e operatori agiscono in ambito sanitario non ci sia però è importante che laddove c’è venga registrato in modo puntuale, tempestivo e resa pubblica. Infine, abbiamo suggerito di fare attenzione a chi potrebbe frapporsi tra l’industria, gli operatori e le organizzazioni perché in questo caso farebbe saltare il meccanismo interrompendo di fatto la relazione che la legge invece pone in modo molto efficace, almeno nell’articolato che ci è stato presentato, tra i soggetti interessati».

Sono aperte le iscrizioni all’ordine, quante iscrizioni ci sono fino ad ora e quanto importante per le vostre professioni la creazione dell’ordine?

«Le professioni rappresentate sono 19 di cui due erano già ordinate: i tecnici di radiologia che avevano i loro collegi professionali e gli assistenti sanitari che erano già ordinati all’interno degli ex collegi Ipasvi, adesso Ordini delle professioni infermieristiche. Le altre 17 professioni erano regolamentate ma non anche ordinate quindi sappiamo che certamente sono 33mila i professionisti già censiti, 28mila tecnici di radiologia, 5mila assistenti sanitari indicativamente e circa 200mila i professionisti che dovranno essere censiti per un totale appunto di 230 – 240mila. Sulle 17 altre professioni non possiamo andare al di là della stima perché non essendoci mai stato un albo non possiamo avere un dato puntuale. Al momento le preiscrizioni riferite alle 17 professioni che non erano già ordinate sono pari a circa 75mila quindi più di un terzo della popolazione stimata. L’ordine è importante socialmente, la finalità dell’ordine è di rilevanza sociale perché consente di garantire che gli operatori che agiscono in ambito sanitario siano tutti qualificati attraverso appunto l’iscrizione all’albo che non può avvenire se non a fronte di specifiche caratteristiche tra le quali il titolo abilitante. Per le professioni diventa importante perché è un contesto all’interno del quale è possibile rafforzare e tenere alto nel tempo il livello appunto di competenze e consapevolezza dei professionisti. Tengo a sottolineare che questo ordine è l’unico che al suo interno ha 19 professioni e quindi la relazione all’interno dell’ordine di queste 19 professioni nel medio lungo periodo siamo convinti che non potrà che favorire la qualità dell’agire delle professioni rappresentate all’interno del Sistema sanitario».

Dopo l’istituzione dell’ordine cosa chiedete alla politica? Ci sono ancora due decreti attuativi da varare…

«In primis alla politica chiediamo di dar seguito agli ultimi due dei quattro decreti previsti. Il ministro precedente, l’onorevole Lorenzin, in modo molto rapido ed efficace licenziò il primo e secondo. Il primo che istituiva i 17 albi, il secondo che definiva le regole elettorali. Mancano quelli sulla composizione delle commissioni d’albo e dei consigli direttivi senza i quali non è possibile perfezionare l’architettura istituzionale. Quindi quanto prima verranno licenziati, tanto più riusciremo a perfezionare l’architettura interna ai nuovi ordini».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Imminenti ultimi decreti attuativi legge 3 del 2018, ora fase di sviluppo»
Con gli ultimi due decreti vengono stabilite la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Ancora al lavoro i tecnici del ministero per l’elenco speciale che raccoglierà chi ha un titolo potenzialmente equivalente: «Quelli che non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere rimarranno fuori», sottolinea il Presidente del Conaps
#UnGiornoCon | Igienista dentale. Dascola (Aidi): «Così miglioriamo il sorriso dei nostri pazienti»
Importante lo spazio dedicato all’accoglienza e al colloquio. L’esperta: «Durante ogni visita è necessario dedicare spazio al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati»
di Isabella Faggiano
I medici non si aggiornano. A rischio sospensione 4 su 10
Secondo l’ultimo rapporto del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie relativo al triennio 2014-2016, solo il 54% degli operatori è in regola. Un dato che risulta particolarmente allarmante se si considera la scadenza del nuovo triennio 2017-2019
Professioni sanitarie, l’ex ministro Lorenzin: «Maxi ordine fondamentale per combattere abusivismo. Non si torni indietro»
La ‘madre’ della legge 3 del 2018 che ha riunito le professioni sanitarie nel maxi ordine TSRM e PSTRP spiega l’importanza della norma: «Gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di adottare provvedimenti disciplinari quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico»
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...