Professioni Sanitarie 14 Dicembre 2021 12:56

Dalla teleriabilitazione al lavoro in equipe, come sta cambiando la professione dei Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica

La presidente della Commissione d’Albo Roberta Famulari denuncia: «Aumenta il bisogno di salute mentale ma noi siamo ancora troppo pochi». Alessandra Perra (CdA Cagliari) racconta lo studio Heroes che ha rilevato un aumento dei disturbi di salute mentale tra i professionisti sanitari durante la pandemia

di Francesco Torre

Il mondo delle professioni sanitarie è in continua evoluzione e il Covid ha impresso una grande velocità alle trasformazioni che, in parte, erano in atto già prima. Non fanno eccezione i Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica (TeRP), professione confluita nella Federazione delle professioni sanitarie TSRM PSTRP. Ne abbiamo parlato nel corso dell’ultimo Congresso della Federazione a Rimini con Roberta Famulari, Presidente della Commissione d’albo nazionale dei TeRP, Alessandra Perra, Presidente della Commissione d’albo Tecnici della riabilitazione psichiatrica di Cagliari/Oristano e responsabile progetto Heroes e Valerio De Lorenzo, Presidente della Commissione d’Albo dei TeRP di Roma. Con loro abbiamo approfondito il tema del lavoro nell’equipe multidisciplinare, l’aspetto della salute mentale dei professionisti sanitari e l’importanza della teleriabilitazione.

Famulari: «Troppi pochi TeRP nel territorio»

«È un dato inconfutabile che la nostra presenza nei servizi territoriali sia davvero esigua». Esordisce così Roberta Famulari, che ricorda come la professione dei TeRP sia sottorappresentata nei servizi territoriali, nel momento in cui l’esigenza di prendersi cura della salute mentale è in grande aumento, complice anche la pandemia.

«Siamo davvero pochi in relazione all’aumentato bisogno di salute mentale in generale ma anche rispetto a quelli che sono i bisogni di salute specifici nel nostro ambito che negli ultimi anni si sono ben delineati e si sono anche diversificati. Questi li possiamo ritrovare anche all’interno dei documenti nazionali e internazionali che focalizzano l’attenzione sui bisogni che sono legati alla salute mentale in età giovanile. Basta ricordare i disturbi del comportamento alimentare, l’ambito dell’uso di sostanze, così come tutta quella parte di sintomatologia che già in maniera sfumata inizia a manifestarsi già in età precoce».

Anche nella salute mentale, spiega Famulari, l’intervento precoce è essenziale per il buon esito delle terapie. «Questo può avvenire avendo un numero sufficiente di professionisti sul territorio, anzi nel territorio. Questa differenza, che potrebbe sembrare solo una sfumatura lessicale, è profondamente significativa, perché lavorare nel territorio vuol dire esserci in quanto professionisti di comunità. La nostra figura professionale ha due elementi caratterizzanti nell’ambito dell’equipe multidisciplinare della salute mentale. Intanto, la specificità. Noi ci chiamiamo Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica, quindi questa connotazione la portiamo già nella nostra denominazione. L’altro aspetto è che agiamo già con una connotazione di professionisti di comunità e di prossimità, accanto ad utenti e famiglie».

La salute mentale dei professionisti sanitari

Con la dottoressa Alessandra Perra abbiamo approfondito il tema dei disturbi mentali che coinvolgono i professionisti sanitari, purtroppo in aumento nell’ultimo periodo.

«Le evidenze riportano un serio peggioramento della salute mentale dei professionisti sanitari – spiega Perra -. Il tema è complesso, come professionisti siamo maggiormente esposti a questi rischi. Con la pandemia c’è stato un peggioramento drastico e questo richiede un cambiamento anche della nostra formazione e dei nostri contesti di cura. Dobbiamo vederci anche noi come ricevitori di assistenza e di formazione specialistica del nostro settore. Non è più un tema che dobbiamo sottovalutare perché le nostre risorse mentali permettono di garantire servizi sanitari di qualità e il diritto alla salute dei nostri cittadini».

In base allo studio Heroes che ha approfondito la problematica, la prevalenza di questi disturbi è passata dal 3-4% in pre-pandemia al 7-8% durante il lockdown.

Le opportunità della Teleriabilitazione

Molte professioni sanitarie hanno beneficiato delle tecnologie durante i mesi più difficili del lockdown che si sono rivelate essenziali per poter garantire un’assistenza di qualità.

«Abbiamo visto che, più da parte nostra che da parte degli utenti, c’era il pregiudizio della relazione, la difficoltà di connettersi a distanza – spiega Valerio De Lorenzo -. Grazie a linee di indirizzo elaborate dalle nostre associazioni tecniche scientifiche, come Aiterp, abbiamo avuto una guida fondamentale per poterci relazionare con gli utenti in maniera funzionale e costruttiva e supportare l’esigenza salute mentale in maniera propositiva».

«Il nostro lavoro – conclude De Lorenzo – è cambiato non tanto nella tecnica e nella professionalità ma nello spazio. Uno spazio virtuale, dematerializzato che è stato riempito da professionalità e valori relazionali che hanno permesso una presa in carico comunque efficace e positiva dei nostri utenti. È stata una modalità diversa di proporre il nostro lavoro. In questo le tecnologie, l’esperienza e la formazione hanno davvero fatto la differenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, scoperto biomarcatore utile per la diagnosi della psicosi
Potrà diventare l’integratore del futuro, tutto naturale, per il benessere del cervello, ma anche il primo biomarcatore naturale di una patologia psichiatrica: per questo sulla palmitoiletanolamide, o PEA, sono puntati i riflettori degli esperti della Società di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf), riuniti da oggi a Milano al XXV congresso nazionale dedicato a “Le neuroscienze del domani: la neuropsicofarmacologia verso la precisione e la personalizzazione delle cure”
di V.A.
Più di 4 ore al giorno sullo smartphone mette la salute degli adolescenti a rischio
Gli adolescenti che utilizzano lo smartphone per più di 4 ore al giorno hanno un rischio maggiore di sviluppare disturbi di salute mentale o di fare uso di sostanze pericolose. A far emergere questa preoccupante associazione è stato uno studio coreano pubblicato su Plos One
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Salute mentale: «Ancora stigma e solitudine, Case di comunità possono dare risposte»
Presentata un’indagine ONDA in collaborazione con la SINPF che ricostruisce il percorso del paziente e le difficoltà legate ai servizi territoriali e indaga la percezione dei nuovi servizi assistenziali e delle nuove modalità di presa in carico previsti dal PNRR
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...